Cerca

Secessione alle urne

L'Inghilterra perde i pezzi, nel 2014 la Scozia vota l'indipendenza

Un solo quesito e risposta sì\no. Il premier inglese Cameron a Edimburgo per fissare il referendum che può cambiare la storia del Regno Unito

Baschi, Catalani, Fiamminghi, Valloni, Kurdi, Lapponi: non manca in Europa chi può prendere spunto dall'esempio scozzese per trovare l'indipendenza con un referendum
L'Inghilterra perde i pezzi, nel 2014 la Scozia vota l'indipendenza

Un referendum per l'indipendenza della Scozia. Il primo ministro inglese David Cameron vola ad Edimburgo per siglare l'accordo con il capo del governo scozzese, Alex Salmond, sul quesito referendario che potrebbe cambiare la storia del Regno Unito. Il patto è già raggiunto: il voto si terrà nel 2014, e non nel 2013, e il diritto al voto lo avranno i maggiori di 16 anni, come vuole la parte scozzese per ampliare il bacino di consensi ed avere più tempo per la campagna elettorale. Il quesito sarà uno ("Scozia dentro o fuori dall'Uk?") e con risposta sì/no, come preferisce Cameron per risolvere la faccenda in maniera chiara e senza dare adito ad interpretazioni.

Appuntamento con la storia - Salmond, leader del partito Nazionalista Scozzese, a 700 anni dala battaglia di Bannockburn (ricordata nel Braveheart di Mel Gibson, battaglia cara agli indipendentisti in kilt) e a 300 dall'unificazione formale dei regni di Inghilterra e Scozia, può aprire un nuovo capitolo nella storia del Regno Unito. Ma il percorso è in salita: mentre i Laburisti cominciano la propria campagna per elettorale con tanto di polemiche, un primo sondaggio vede gli unionisti in vantaggio di venticinque punti percentuali.  

Apripista - Il referendum scozzese non è una faccenda che riguarda solo i sudditi della regina. In un'Europa dove ribollono i nazionalismi, un'eventuale vittoria dei secessionisti potrebbe aprire la strada ad altri referendum dello stesso tipo. Gallesi e irlandesi del nord nel Regno Unito, catalani e baschi in Spagna, fiamminghi e valloni in Belgio, curdi in Turchia, veneti e padani in Italia, lapponi in Finlandia, non manca chi può prendere spunto dagli scozzesi per trovare nelle urne l'indipendenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LapuLapu

    24 Gennaio 2013 - 02:02

    gli scozzesi ce l'hanno duro per davvero..non come il pisellino leghista

    Report

    Rispondi

  • Scipio202

    16 Ottobre 2012 - 09:09

    I soliti (pseudo) italiani esterofili, prima di cantare le lodi della democrazia britannica si chiedano: se invece di partire con un vantaggio del 25% gli unionisti (e quindi Cameron) fossero avanti solo di 2 o 3 punti o magari indietro rispetto ai secessionisti, il referendum si farebbe? Perchè un vantaggio del 25% (e non legato alle preferenze per una paerona, preferenze più facili a svanire, ma per un concetto ideale e ideologico come la patria ecc.) possa essere azzerato serve ben più di un miracolo, è di fatto una cosa impossibile. Tutte le democrazie sono abilissime nel manipolare e sfruttare il potere popolare, quelle più vecchie poi lo sono a tal punto che nemmeno si vede la manipolazione. Già nel '700 Rousseau scriveva: "Il popolo inglese è libero solo durante l'elezione dei membri del parlamento; appena avvenuta l'elezione è schiavo, è niente. Nei suoi brevi momenti di libertà ne fa un uso per cui merita senz'altro di perderla"

    Report

    Rispondi

  • Scipio202

    16 Ottobre 2012 - 09:09

    I soliti (pseudo) italiani esterofili, prima di cantare le lodi della democrazia britannica si chiedano: se invece di partire con un vantaggio del 25% gli unionisti (e quindi Cameron) fossero avanti solo di 2 o 3 punti o magari indietro rispetto ai secessionisti, il referendum si farebbe? Perchè un vantaggio del 25% (e non legato alle preferenze per una paerona, preferenze più facili a svanire, ma per un concetto ideale e ideologico come la patria ecc.) possa essere azzerato serve ben più di un miracolo, è di fatto una cosa impossibile. Tutte le democrazie sono abilissime nel manipolare e sfruttare il potere popolare, quelle più vecchie poi lo sono a tal punto che nemmeno si vede la manipolazione. Già nel '700 Rousseau scriveva: "Il popolo inglese è libero solo durante l'elezione dei membri del parlamento; appena avvenuta l'elezione è schiavo, è niente. Nei suoi brevi momenti di libertà ne fa un uso per cui merita senz'altro di perderla"

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    15 Ottobre 2012 - 21:09

    questi si che fanno i fatti non parole come per anni il sig bossi mentre curava più a dare soldi ai figli che agli interessi del nord

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog