Cerca

Misure di sicurezza

La Svizzera schiera l'esercito
contro gli straccioni dell'euro
(cioè noi, Spagna e Francia)

L'operazione "Stabilo Due" per difendere i territori elvetici dalla possibile invasione dei cittadini dopo la morte dell'euro. "Abbiamo paura della guerriglia"

L'allarme del ministro della Difesa elvetico: "Le conseguenze della crisi finanziaria possono portare a violenti scontri anche qui in Svizzera". E così l'esercito dell'emmenthal pensa a come difendere la popolazione...
La Svizzera schiera l'esercito
contro gli straccioni dell'euro
(cioè noi, Spagna e Francia)

 

L'operazione si chiama "Stabilo Due". La firma in calce è quella della Svizzera, che ha lanciato una serie di esercitazioni militari per rispondere all'instabilità sociale e civile in Europa che potrebbe scatenarsi con l'acuirsi della crisi (o la fine) della moneta unica. L'operazione è stata annunciata in settembre e l'obiettivo è quello di testare la rapidità con la quale l'esercito possa rispondere in caso di diramazione delle proteste e dei flussi migratori. La Svizzera, per inciso, non è membro dell'Unione Europea e, ovviamente, della zona euro, e si prepara nel migliore dei modi possibile per respingere l'attacco degli "straccioni" della moneta unica.

Contro l'immigrazione - La notizia dell'operazione "Stabilo Due" è stata rilanciata dal quotidiano svizzero-tedesco Der Sonntag, che ha scritto che le esercitazioni si sono tenute a settembre nei pressi delle zone di rischio individuate su una cartina dallo staff dell'esercito elvetico. I movimenti dell'esercito dell'emmenthal si sono concentrati laddove si potrebbero tenere scontri tra frazioni rivali e dove la Svizzera pensa che possano infiltrarsi i rifugiati provenienti da Italia, Spagna, Grecia, Francia e Portogallo. Il ministero della Difesa, da par suo, non esclude nemmeno il dispiegamento di truppe militari nei prossimi anni per sedare eventuali proteste che potrebbero svolgersi nel piccolo Paese, che è circondato dagli stati della moneta unica alle prese con recessione e crisi del debito. Un portavoce del ministero della Difesa svizzero ha spiegato all'emittente Cnbc: "Non è da escludere che le conseguenze della crisi finanziaria in Svizzera possano portare a proteste e scontri violenti anche qui". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio66

    27 Dicembre 2012 - 13:01

    Buongiorno. Credo che, al solito, ci sia un problema di comunicazione. L'esercito svizzero fa bene a prevenire tutte le calamità che ritiene imminenti o possibili. Da lì, a dire che è schierato contro i poveri provenienti dall'Europa, ce ne corre e ci corre anche molta scorrettezza. Il partito del ministro della difesa, della destra conservatrice, si trova in un periodo di riduzione dei consensi. Per compattare le fila dei suoi elettori, se ne esce con queste trovate. Né più, né meno. Occorre anche tener presente che, pur non essendone Stato membro, la Svizzera contribuisce con 800 milioni di Euro, al fondo di stabilizzazione dell'Europa. Un'Europa che non esita a trattarla a pesci in faccia quando si tratta di liste nere e segreto bancario (quasi fossimo gli unici ad averlo)e che non è molto amata in CH. Che poi sia utile avere un esercito pronto ad intervenire anche in caso di disordini, ci può anche stare. Indipendentemente dal paese di provenienza di chi, i disordini, li provoca.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    27 Dicembre 2012 - 12:12

    Caro amico della banda della magliana, come al solito non capisci un beato caxxo. Gli Svizzeri non sono ricchi (non tutti ti assicuro) per i soldi degli evasori, ma perché hanno uno stato con una P.A. che funziona, hanno (poche) leggi che funzionano, tutti lavorano sodo, sia i pubblici dipendenti che i privati, i sindacati non fanno scioperi alla cacchio di cane per ogni menata, ma aiutano davvero i lavoratori, gli imprenditori sono corretti ma inflessibili, chi sgarra paga, così la polizia e tutto il resto, con una impressione generale di civismo, serietà ed efficienza che da noi ci sogniamo. te lo dice uno che nella Svizzera ci ha lavorato ed ha parenti che sono diventati cittadini elvetici, quindi parlo a ragion veduta, al contrario di te che spari continuamente gran cazzate.

    Report

    Rispondi

  • miacis

    27 Dicembre 2012 - 10:10

    I responsabili di questa situazione continuano a dettar legge a proporre improbabili soluzioni a probemi che derivano quasi interamente dalla finanza,dal sistema bancario e quello economico.Fosse per me tornerei ad avere un solo modo per fare soldi: LAVORARE!Vanno immediatamente chiuse le facoltà di economia e commercio torniamo ad una sana ragioneria torniamo a FARE: basta con chiacchiere di professori del nulla,torniamo ad aoccuparci della gente prima che sia troppo tardi!

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    27 Dicembre 2012 - 09:09

    che danno dei terroni a tutti e sono ricchi grazie ai soldi sporchi di: evasori, faccendieri, mafiosi e dittatori vari. ma andate a cagare...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog