Cerca

Il colpo

Birmingham, hacker inglese: "Svuoterò i vostri conti correnti per finanziare la Jihad"

Birmingham, hacker inglese: "Svuoterò i vostri conti correnti per finanziare la Jihad"

Come se non bastassero i coltelli a tagliare le gole, adesso arrivano pure gli hacker pronti a svuotare i conti correnti. La Jihad islamica dell'Isis sanno come muoversi per finanziare la loro ferocia. In tutta europa diverse cellule solidali con la barbarie degli jihadisti cominciano a raccogliere risorse per finanziare la "guerra santa". Come racconta il Daily Mail l'obiettivo di diversi filo-jihadisti in tutta Europa è uno solo: svuotare i "conti correnti dei ricchi occidentali per finanziare la guerra santa". L'allarmante confessione arriva da un hacker islamista inglese Junaid Hussain, sospettato dalla polizia britannica di essere fuoriuscito dal Regno Unito per raggiungere i miliziani di Isis in Siria.

L'allarme - La notizia arriva da Birmingham, città di cui il giovane è originario. Il ventenne Hussain era già stato arrestato nel 2012 per aver "piratato" su Internet informazioni personali relative all'ex premier Tony Blair. Ora, espatriato in Siria, è ritenuto dagli investigatori inglesi "la mente di un piano con cui gli hackers dell'estremismo islamico intendono prendere di mira i conti correnti delle persone ricche e famose". Sui social network, sebbene non faccia menzione del piano per derubare i conti bancari dei ricchi cittadini britannici, ha postato diverse foto che lo ritraggono a volto coperto mentre imbraccia armi da fuoco che punta minaccioso verso l'obiettivo.

"Svaligiamo i conti" - Il Mail aggiunge inoltre che le banche inglesi sarebbero state avvertite del potenziale pericolo e che sarebbero "già al lavoro" per parare la minaccia. I terroristi di Isis dunque avrebbero già informazioni necessarie per un'operazione di hackeraggio su larga scala con la conquista di una banca nella città di Mosul: questa è, secondo il foglio britannico, l'opinione dei servizi di sicurezza di Sua Maestà. Un portavoce dell'associazione degli istituti di credito britannici ha dichiarato che qualunque correntista dovesse venire truffato verrebbe rimborsato sino all'ultimo centesimo. Hussaid, però, non cessa di proferire minacce dal suo profilo Twitter: "Siate uomini d'azione, non ragazzini chiacchieroni", si legge sul social network. Insomma ora la Jihad potrebbe bussare alle nostre porte. Passando dal conto corrente. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francoruggieri

    24 Ottobre 2014 - 09:09

    Questo rientra perfettamente con la figura dell'islamico, non dell'islamista. Infatti l'islam deriva da quell'autentico criminale che era maometto: decretò con modus faciendi mafioso la morte dei suoi oppositori, rapinò ben 25 carovane in 18 mesi, sgozzò interi villaggi (ebrei, guarda caso), violò i patti con la Mecca, ecc. Insomma: islam = maometto = criminale.

    Report

    Rispondi

  • giumer1968

    25 Agosto 2014 - 10:10

    Scusa, come ti chiami tu dell'Isis, sono un titolare di partita iva ho pagato le tasse proprio qualche giorno fa il mio conto è rosso fisso (in effetti è sempre rosso), quindi non potrai prelevare nulla, a che ti colleghi con la mia banca mi potresti fare un versamento, mi bastano anche 4-5000€. P.S. un consiglio,prova a rivolgerti ai cinesi, ormai i soldi sono tutti la.

    Report

    Rispondi

  • attualità

    22 Agosto 2014 - 19:07

    Non ci fate paura :La prima richiesta di denari e' andata male. Voi decapitate un occidentale col coltello,noi vi bombardiamo con le atomiche. Ognuno usa le armi che possiede !! Fermare gli sbarchi di terroristi che vengono in Europa tramite le coste Italiane subito .

    Report

    Rispondi

  • fareamenodivoi

    22 Agosto 2014 - 13:01

    "Svuoterò i vostri conti correnti per finanziare la Jihad"...tranquilli Jiadisti filo americani, ci hanno gia pensato i governicchi di merda degli ultimi vent'anni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog