Cerca

Questione Ucraina

Merkel ammette il fallimento: "Non so se la proposta a Putin porterà risultati"

Merkel ammette il fallimento: "Non so se la proposta a Putin porterà risultati"

Dopo il colloquio sull’Ucraina con Vladimir Putin, Angela Merkel non è troppo ottimista. "Posso dire che non siamo ancora certi che questi sforzi avranno successo, ma il mio sforzo e quello del presidente Hollande sono sinceri e seri, meritano di avere una possibilità", ha ammesso la cancelliera tedesca intervenendo alla Conferenza sulla sicurezza in corso a Monaco di Baviera. "Non so se i colloqui di ieri con Vladimir Putin porteranno ad una soluzione pacifica della crisi in Ucraina", ha ribadito puntualizzando comunque che "non è possibile una soluzione militare". Riguardo a Putin, Merkel specifica che "La Russia deve fare la sua parte".

Confini Ue inviolabili - Nel corso del suo intervento, la cancelliera ha poi ricordato che "i confini europei sono e devono restare inviolabili". "Non si può creare una nuova divisione dell’Europa", ha detto ancora Merkel. "Vogliamo forgiare la sicurezza in Europa insieme, anche con la Russia, mantenendo sicurezza ed ordine, questo è fondamentale per affrontare le sfide internazionali" e "dobbiamo definire insieme delle soluzioni e tutto questo dimostra che nonostante la crisi la cooperazione con la Russia su questioni importanti è possibile".

Passi avanti - Si è detto invece ottimista il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko. Secondo lui la proposta di pace portata avanti dalla Merkel e da Hollande può funzionare. Sulla stessa lunghezza d'onda il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz. Durante l'intervento alla conferenza sulla sicurezza in corso a Monaco di Baviera parlando delle prospettive del nuovo piano di pace proposto a Vladimir Putin ha detto: "Oggi mi sento un po' più ottimista".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • panjua

    07 Febbraio 2015 - 17:05

    Sì dirà che Putin non ha accettato !!!!!!!! Pur sapendo che è Osama e la UE che hanno già deciso di fargli la guerra !!!! Con che facilità e disinvoltura si minaccia e si fanno le guerre !!!!!

    Report

    Rispondi

  • alippo

    07 Febbraio 2015 - 16:04

    Non dimentichiamo che ad accendere il fuoco sono stati loro (Merk. E Holl. )con le loro lusinghe europeiste a quella nazione. Ora dopo aver lanciato il sasso nascondono la mano. E la gente comune paga un prezzo troppo alto.

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    07 Febbraio 2015 - 12:12

    Ecco il risultato delle politiche di quell'incapace americano e di quegli stupidi servi europei. Ora dissociandosi dal negro, corrono da Putin per salvare il salvabile. Ma che schifo, mi vergogno d'essere europeo ma sopratutto d'essere italiano. La responsabile degli affari esteri della UE, la Mogherini, c'è? esiste? conta qualche cosa? non pervenuta.

    Report

    Rispondi

  • apostrofo

    07 Febbraio 2015 - 12:12

    La Merkel e Hollande parlano con Ucraina e Russia su mandato del'Unione Europea oppure a titolo personale. Precedentemente la Merkel era andata in Ucraina, promettendo 500 milioni di aiuti, Se non ricordo male, anche questi non fu detto da dove venissero. E il ministro degli esteri Mogherini,unica conquista del semestre italiano, è stata scavalcata per differenza di opinione sul problema ?

    Report

    Rispondi

blog