Cerca

L'allarme

Cancellieri: "Stop agli immigrati, in Italia non c'è lavoro"

Il ministro dell'Interno: "Decreto flussi? Pensiamo solo agli stagionali, la nostra situazione occupazionale è drammatica"

Cancellieri: "Stop agli immigrati, in Italia non c'è lavoro"

 

Il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri è romana de' Roma e soprattutto non è leghista, quindi in pochi si sogneranno di tacciarla di razzismo. Semmai, di realismo: in Italia c'è troppo poco lavoro per poter accogliere altri immigrati. Discorso vecchio, ma più che mai attuale in periodo di crisi. "Un nuovo decreto flussi? Per ora abbiamo pensato solo agli 'stagionali', perché la situazione occupazionale del Paese è drammatica", ha detto senza troppi giri di parole la Cancellieri nel corso di un’audizione in commissione diritti umani a Palazzo Madama. "Stiamo valutando la situazione con il ministro del Lavoro - ha aggiunto il ministro - perché il decreto è legato ad una offerta di lavoro che non c'è". Va bene la questione umanitaria, in altre parole, ma l'emergenza ce l'abbiamo già in casa e spesso è in tutto e per tutto italiana, a cominciara dalle decine di suicidi commessi da chi ha perso da mesi l'occupazione. 

Emergenza Libia - La posizione del ministro dell'Interno è forte e arriva a pochi giorni dall'allarme lanciato dal governo di Tripoli, che parlava di possibili nuove ondate di immigrati dalle coste della Libia. E proprio degli sbarchi dal Nord Africa ha parlato la Cancellieri: "Nel corso del 2012 il flusso migratorio dalla Libia e dalla Tunisia si è ridotto notevolmente: 1.056 sono stati gli immigrati arrivati nel nostro Paese durante 23 operazioni di sbarco". "Il livello di attenzione del governo - ha assicurato il ministro - resta comunque sempre alto ed è costante l’impegno volto alla ricerca di strumenti efficaci di contrasto all’immigrazione illegale". Sottolineando come la polizia di frontiera abbia svolto le attività di rimpatrio "sempre con molto scrupolo e con correttezza, nel rispetto delle regole anche internazionali di condotta", il ministro si è soffermata sulla questione Libia: "Lì si fermano molti migranti: il flusso verso le nostre coste potrebbe tornare molto intenso e questo ci metterebbe in grande difficoltà". 

Collaborazione dall'Europa - "La collaborazione con le autorità libiche - ha ricordato - si inserisce in un contesto che privilegia, come per la Tunisia, l’approccio preventivo al fenomeno, in un’ottica di rafforzamento delle capacità delle forze di polizia locali nella lotta alle organizzazioni criminali e di migliore gestione sul territorio della popolazione migrante". Assicurando poi che "l'Europa ci è molto vicina, si è instaurato un rapporto di grande e intensa collaborazione", la Cancellieri ha poi spiegato che il governo valuterà "entro maggio se considerare Lampedusa porto sicuro ò meno" per lo sbarco di immigrati. Potrebbe non essere più l'isola siciliana la porta d'ingresso dell'ex paradiso.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    17 Maggio 2012 - 20:08

    che l'Italia non puù fare da discarica per la feccia che i paesi del terzo mondo (si,perchè noi da bravi babbei buonisti importiamo solo poveri e disperati) ci scaricano. Gente che produce pochissimo o nulla, basti vedere le orde di africani,gente dell'est, sudamericani che barboneggiano ovunque, rigorosamente con cellulare,sigarette & alcol in pugno. Belle risorse,davvero. E qualcuno vorrebbe aprire porte e portoni ad ulteriori pezzenti succhia welfare. Basta col buonismo... il degrado, il crimine efferato, i costi, l'arroganza dell'immigrazione sono sotto gli occhi di tutti. Bisogna invertire questa follia collettiva, questa perniciosa xenofilia di bassissimo livello. Altro che stop agli immigrati, NON BASTA. Invertire i flussi,espellendo a pedate tutti quelli che non lavorano,scroccano welfare, commettono reati e anche le decine di migliaia di giovani africani rozzi,ignoranti e arroganti che manteniamo da troppo tempo in ostelli e alberghi.La multiculturalità è un fallimento totale

    Report

    Rispondi

  • testin della cazzetta

    17 Maggio 2012 - 15:03

    ...nessuno metteva in dubbio il fatto che questo governo fosse fascista quanto il precedente. Quindi che facciamo? Fino a quando c' era lavoro da sottopagare in nero a schiavi senza diritti civili, andavano bene i "negri"...ora che gli italiani si devono ridimensionare a causa della crisi (abbandonando il sogno di diventare tutti partecipanti del grande fratello e il "gippone" tamarro lo lasciano in garage perchè non c' hanno i soldi per la benzina) li rimettiamo sui barconi? Ma quanto siete bestie? Lo schiavismo coloniale era più onesto, almeno ci si prendeva la briga di andarseli a prendere in Africa...oggi basta apettare che gli schiavi sbarchino sulle nostre coste da soli.

    Report

    Rispondi

  • calibio26

    17 Maggio 2012 - 15:03

    Il risultato della laurea per tutti uscita dal 68 sta dando i suoi frutti.dISOCCUPAZIONE GIOVANILE

    Report

    Rispondi

  • marari

    17 Maggio 2012 - 14:02

    si è accorta ce in Italia non c'è lavoro, ha scoperto una realtà che gli italiani conoscono da anni. Ma poi, tutti gli africani che abbiamo mantenuto fino ad oggi, secondo la Cancellieri sarebbero venuti per lavorare? Vivono su un altro pianeta questi pseudotecno politici, eppure basterebbe muoversi sul territorio per vedere cosa fanno questi "potenziali lavoratori". Ma state tranquilli, ci penserà Riccardi a risolvere il problema, a trovare i mezzi per consentire a questi privilegiati di vivere a nostre spese, per costoro la crisi non esiste, sono mantenuti a vita.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog