Cerca

Lo studio

Omosessuali, necrofili e stupratori
Ecco la vita depravata dei pinguini

Pubblicato un secolo dopo una ricerca inquietante sulle abitudini di questi uccelli tanto mitizzati

Omosessuali, necrofili e stupratori
Ecco la  vita depravata dei pinguini
All'acquario di Genova dei pinguini dicono solo cose belle: che sono fedeli, che sono stati i primi inventori degli asili e della comunità. Nei cartoni della Walt Disney, poi, i pinguini sono sempre i più simpatici della compagnia. Peccato che nella realtà questi buffi uccelli dalle fattezze umane siano dei veri e propri pervertiti: sono pedofili, necrofili, stupratori, assassini e gangster spietati.

La ricerca - Lo rivela uno studio dello scienziato George Murray Levick che nel 1910 partecipò alla spedizione di Robert Scott in Antartide. Come rivela il Corriere della Sera, i suoi quaderni, a lungo censurati dallo stesso ricercatore, sono stati ritrovati ora e saranno in mostra al Museo di Storia Naturale di Londra fino al 2 settembre. Levick descrive inorridito le abitudini sessuali e comportamentali dei pinguini.

I comportamenti -  Durante i mesi di osservazione della colonia di Adelia a Capo Adare vede infatti i pinguini maschi che si accoppiano tra loro, che si accoppiano con femmine morte da un anno, che stuprano le femmine e i loro pulcini. E non solo. I pinguini si organizzano anche in piccole gang per infastidire gli altri, per violentare brutalmente le femmine e i loro piccoli davanti ai genitori, per uccidere.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RUGIA

    13 Giugno 2012 - 00:12

    la notizia è stata smentita dalle nuove ricerche che smentiscono la pedofilia e l'eccidio nei confronti dei piccoli nei pinguini in ogni caso la vita ""depravada"" dei pwennuti non è mai quanto quella degli uomini ...per non parlare dei preti pedofili......

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    12 Giugno 2012 - 12:12

    La ex ministra Meloni che si butta sull'animalismo dimenticando,per esempio, i delfini e gli altri animali sfruttati nei circhi e similia, è ipocrita e opportunista. Conosce le leggi che obbligano la sperimentazione animale ma quando aveva il potere di farlo, non ha cambiato una virgola. Non credo che alle case farmaceutiche, che hanno le loro colpe, faccia piacere spendere un fracasso di soldi per sperimentazioni.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    12 Giugno 2012 - 09:09

    Vendoliani...

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    11 Giugno 2012 - 21:09

    Papà, non dovevi dirmelo! Mi è crollato un mito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog