Cerca

Allarme incendi

I boschi bruciano: l'Italia è in fiamme

Solo martedì sono divampati 158 focolai. Campania e Lazio le più colpite, e ora c'è il pericolo siccità

I boschi bruciano: l'Italia è in fiamme

Continua a bruciare l'Italia. Dalla Toscana alla Sicilia, il bilancio degli incendi boschivi scoppiati in questi giorni è drammatico: solo ieri ne sono divampati 158. A renderlo noto è la Forestale, che ha sottolineato come le regioni più colpite siano state la Campania e il Lazio, rispettivamente con 50 e 23 roghi. Seguono la Puglia con 13, la Sicilia e la Toscana con 12, la Calabria con 11. Anche a Roma la situazione è grave: dalle prime ore del mattino, infatti, le squadre della protezione civile del Campidoglio e le unità del volontariato stanno lavorando per spegnere le fiamme a Torrevecchia e Monte Sano, provocate dai roghi di settimana scorsa.

Lazio devastato - Ieri sono stati numerosi gli interventi aerei dei mezzi del Corpo forestale dello Stato, impegnati soprattutto nel Lazio, per spegnere un incendio che ha colpito il Comune di Riofreddo, in provincia di Roma, distruggendo 130 ettari di vegetazione, e uno nel Comune di Vallecorsa, in provincia di Frosinone, che ha mandato in fumo circa 50 ettari di vegetazione.

Sospetto dolo in Toscana - Brucia anche il Parco di San Rossore, che si estende sulla fascia costiera delle province di Pisa e Lucca ed è una delle aree verdi più importanti d'Italia: l'incendio ha coinvolto più di 5 mila metri quadrati di area boschiva. Le fiamme sono divampate stamani nella zona della Bufalina, a Migliarino Pisano: ad alimentare l'incendio sono stati almeno due focolai, e questo fa pensare ad un probabile atto doloso. Il rogo di stamattina, fanno sapere dal parco, è il quinto incendio negli ultimi quindici giorni nella stessa area. Il mese di luglio è stato drammatico per la Toscana, record in fatto di incendi, con un totale di 1.170 ettari bruciati. "Sono stati 190 gli incendi boschivi che si sono sviluppati su tutto il territorio regionale - ha reso noto l'assessore ad agricoltura e foreste Gianni Salvadori - con 793 ettari di superficie boscata interessata, ai quali si aggiungono 376 ettari di altra vegetazione".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    09 Agosto 2012 - 12:12

    distruggono flora e fauna , mettono a rischio la vita altrui e le case , costano una gran quantità di denari alla collettività per lo spegnimento. Alcuni sono vecchietti rimbambiti di 80 e passa anni , come quelli che ci hanno lasciato la pelle,ma sicuramente tanti altri sono delinquenti veri e propri.

    Report

    Rispondi

  • gheacali

    09 Agosto 2012 - 08:08

    il problema non si vuole risolvere perche' basterebbe una leggina che destinasse automaticamente all'erario le terre andate a fuoco non importa perche' e percome.ricordo che esiste una legge che obbliga i possessori di fondi ad eseguire regolare manutenzione il che da sola basterebbe ad eliminare oltre la meta'degli incendi

    Report

    Rispondi

blog