Cerca

Dimenticati dallo Stato

Il poliziotto confessa: "Al 30% di noi la paga non basta. Per campare facciamo anche i muratori"

Intervistato da Libero: "Chi nelle Forze dell'ordine ha bisogno di soldi fa un doppio lavoro e così va di pattuglia sfinito"

"In caserma vige la regola della tolleranza, soprattutto al Nord. Invece al Sud si fa ma non si dice"
Il poliziotto confessa: "Al 30% di noi la paga non basta. Per campare facciamo anche i muratori"

 

di Salvatore Garzillo

«Il 30 per cento dei dipendenti pubblici impiegati nelle forze dell’ordine hanno un doppio lavoro in nero. Parliamo di finanzieri, poliziotti, carabinieri, con una media di tre persone su dieci. Un esercito». A parlare è Massimiliano Acerra, dirigente nazionale e responsabile dell’ufficio studi del sindacato di polizia Coisp, da anni attento al fenomeno che negli ultimi tempi, per colpa della crisi, sta raggiungendo dimensioni preoccupanti. 
«Non si arriva più a fine mese e bisogna in qualche modo arrotondare lo stipendio. Talvolta la percentuale raggiunge picchi del 50 per cento, e ci sono anche differenze tra Nord e Sud…».
Ci lasci indovinare, al Sud è più diffuso il doppio lavoro in nero.
«Sbagliato, è il contrario, sebbene anche nel meridione sia un fenomeno massiccio. Sfatiamo un mito: al Sud le amministrazioni sono molto chiuse e così il dipendente è costretto a nascondere tutto, cosa che invece accade meno al Nord».
Significa che c’è ostentazione? 
«No, ma c’è maggiore comprensione. Nelle caserme le voci girano, tutti sanno tutto ma vige la regola della tolleranza. Anche dei capi. E quando salta fuori il caso, regna l’omertà».

 

Leggi l'intervista integrale di Salvatore Garzillo
su Libero in edicola oggi, venerdì 21 dicembre

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sirjoe

    21 Dicembre 2012 - 15:03

    aumentare lo stipendio ai poliziotti che fanno ordine pubblico e diminuirlo agli imboscati negli uffici

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    21 Dicembre 2012 - 12:12

    Poi passano da me in azienda e mi danno la multa per una c@@@@zata. Agenzie delle entrate, stessa storia... ma la magistratura .. invece di fare i finti tonti.. perchè non si danno da fare. So per certo che nei uffici doganali della Finanza, giocavano a video poker durante le ore di lavoro. Facile facile controllare. Batsa volere.. ma tanto in Italia non cambia niente. Figli di serie A e figli di serie B. Ma i figli di serie B quelli che producono redito, stanno chiudendo le loro aziende, poi voglio vedere con che cosa mangiano i figli di serie A..

    Report

    Rispondi

blog