Cerca

I verbali dell'inchiesta

Mose e tangenti, nelle carte c'è Enrico Letta: "Gli abbiamo dato 150mila euro"

Mose e tangenti, nelle carte c'è Enrico Letta: "Gli abbiamo dato 150mila euro"

"Davamo soldi a tutti, a destra e a sinistra". Anche Enrico Letta. E' l'onda lunga del Mose e dell'inchiesta veneziana sulle tangenti e gli appalti truccati. Un fiume di milioni, anzi di miliardi di euro piovuti sulle teste di alti dirigenti, funzionari, finanzieri e, naturalmente, politici. Qualcuno di loro, come il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, è finito in manette. L'ex governatore veneto Giancarlo Galan è appeso alla decisione della Camera dopo la richiesta d'arresto degli inquirenti. Molti altri, da Gianni Letta a suo nipote Enrico, non sono neanche indagati ma i loro nomi nelle carte ci sono ugualmente.


"Soldi a Enrico Letta" - A parlare rivelando i finanziamenti per Letta junior, in un verbale risalente al 7 agosto 2013, è Roberto Pravatà, ex vicepresidente vicario del Consorzio Venezia Nuova, snodo centrale nel giro di mazzette: "In merito ad altre utilità dirette ed esponenti politici posso riferire che Mazzacurati (Giovanni Mazzacurati, presidente di CVN, ndr) mi convocò per dirmi che il CVN avrebbe dovuto concorrere al sostenimento delle spese elettorali dell'onorevole Enrico Letta che si presentava come candidato per un turno elettorale attorno al 2007 con un contributo nell'ordine di 150mila euro. Mi disse che il Letta Enrico aveva come intermediario per il Veneto, anche per tale finanziamento illecito, il dottor Arcangelo Boldrin. In effetti venne predisposto un incarico fittizio per un'attività concernente l'arsenale di Venezia". Pravatà ha anche parlato di soldi all'ex ministro Pietro Lunardi (per pagare il "risarcimento" del suo licenziamento all'Anas) e il ragioniere generale dello Stato Andrea Monorchio (viaggi in Scozia, Romania, Danubio).

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • corto lirazza

    16 Giugno 2014 - 10:10

    anche il pallido letta tiene famiglia, anzi almeno due...

    Report

    Rispondi

  • filder

    11 Giugno 2014 - 19:07

    Qualcuno avrà sicuramente rubato, ma dietro tutta questa manfrina, mi sà tanto che cè qualche cosa che puzza

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    11 Giugno 2014 - 19:07

    E perchè il signor Letta che è tirato in ballo non lo arrestano mentre Galan che è stato tirato in ballo dalla segretaria in cambio dell'assoluzione lo vogliono arrestare?

    Report

    Rispondi

  • milibe

    11 Giugno 2014 - 18:06

    non ho parole per commentare penso che qualche

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog