Cerca

Giustizia malata

Feltri: "Si scuseranno col Cav come con Tortora"

Il pm che si accanì 30 anni fa col presentatore fa "mea culpa". Tra 30 anni faranno lo stesso i persecutori di Berlusconi

Feltri: "Si scuseranno col Cav come con Tortora"

"Meglio crepare bene che vivere male in questo paese di Merda". Ce l'ha, Vittorio Feltri nel suo odierno intervento su "Il Giornale", con il sistema della giustizia italiana. Ce l'ha con il caso Tortora, tornato prepotentemente agli onori (o sarebbe meglio dire ai "disonori") delle cronache per la "confessione resa un paio di giorni fa dall'ex pubblico ministero Diego Marmo al "Garantista", il nuovo giornale di Piero Sansonetti. Dice Marmo che trent'anni fa, quando trascinò alla sbarra l'allora conduttore di "Portobello" Enzo Tortora e lo fece condannare a dieci anni per spaccio di stupefacenti, sbagliò tutto. Si fece trascinare dalla foga. E sbagliò ad affidarsi, per incastrare mister Portobello, ai pentiti di Camorra, che sul povero Tortora si inventarono un sacco di balle. Ma, trent'anni fa, i giudici gli credettero e condannarono il presentatore senza lo straccio di una inconfutabile prova.

Ora, a distanza di trent'anni, Feltri equipara quella vecchia, brutta storia di Tortora alla brutta storia di oggi di Silvio Berlusconi. "Ci viene un dubbio che riguarda Silvio Berlusconi da Arcore" scrive Feltri. "Non sarà che fra sei lustri - diconsi trent'anni - anche coloro che si accaniscono contro di lui riveleranno di avere un filo esagerato nel perseguirlo per aver scopato una ragazza (Ruby) la quale afferma di non essere affatto stata scopata dall'orco? E che magari aggiungeranno che in effetti il cavaliere non si macchiò del reato di concussione, visto che non si è ancora rintracciato il concusso?". E ancora: "Questa è la realtà. Nessun dubbio che a Berlusconi piaccia la gnocca. A chi non piace? Nessun dubbio che egli abbia telefonato in questura per sapere se Ruby potesse essere consegnata alla signora Minetti anzichè alle strutture pubbliche, ma come si fa a sostenere che ciò configuri il reato di concussione? Che orrore. Il giorno in cui verrà fuori la versione esatta dei fatti, dopo che è venuta fuori quella su Tortora, e Berlusconi sarà scagionato, spero di essere morto insieme con Berlusconi stesso. Ne ho piene le scatole di errori giudiziari e di sentenze a capocchia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tandolon

    29 Giugno 2014 - 17:05

    Non lo credo proprio Feltri, perchè rispetto a Tortora, il pregiudicato Berlusconi oltre che ad essere un delinquente è anche un grosso maiale, sostenuto da suoi pari !

    Report

    Rispondi

    • lucia elena

      02 Luglio 2014 - 18:06

      Ha parlato il candido agnellino? Probabilmente nessuno, o pochi intimi, conosce la sua vita privata,compresi i pubblici accusatori del Cavaliere. Chi è senza peccato lanci la prima pietra. Tu lo sei?

      Report

      Rispondi

  • crenzo

    28 Giugno 2014 - 16:04

    CHE FINE HA FATTO QUEL GIUDICE, SICURO E' AUMENTATO DI GRADO, ITALIA DI MERDACCIA BRAVO DOTT. FELTRI

    Report

    Rispondi

  • marino43

    28 Giugno 2014 - 16:04

    No Feltri, lei si sbaglia e di grosso, non lo perdoneranno per due motivi: 1)Non perchè ama la gnocca, ci mancherebbe! ma perchè ha mentito a tutta l'italia in favore di puttane. 2) perchè ha frodato lo Stato e offeso la Nazione.Non hanno perdonato nemmeno la buonanima di Mussolini che non si è arricchito ai danni dell'Italia, figuriamoci!Tortora era innocente lui, il maiale, NO!

    Report

    Rispondi

  • aiachiaffa

    28 Giugno 2014 - 15:03

    dr.Feltri,condivido al 1000x100 le Sue considerazioni,fra l'altro condivise dalla maggioranza degli Italiani, salvo che dai Komunisti !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog