Cerca

Unioni omosessuali

Due lesbiche sposate a Palermo da un prete. L'appello a Renzi: "Cambia strada"

Due  lesbiche sposate a Palermo da un prete. L'appello a Renzi: "Cambia strada"

Si tengono per mano e sorridono, Anto e Cicci. Sono felici e profondamente innamorate. Anto e Cicci sono due donne. E si sono sposate pochi giorni fa a Palermo, nella splendida cornice di un’antica villa nobiliare, davanti a padre Agostino De Caro. Ma in Italia questo matrimonio, celebrato da un prete ecumenico, non vale. Almeno, per ora. È carta straccia. Vale, invece, negli Stati Uniti, dove le due manager si sono sposate il 12 agosto 2013 nella City Hall.  Anto, 43 anni, americana del Maine, un’esperta della finanza, con un lavoro a Wall Street, e attivista dei diritti gay negli Stati Uniti, con i suoi profondi occhi neri, esclama: «Il vostro premier, Matteo Renzi, da mesi continua a ripetere che l’Italia deve cambiare verso. Ci ha fatto una campagna elettorale e pure un hashtag molto seguito su Twitter. Mi chiedo allora perchè il premier non debba cambiare verso anche sui diritti civili. Perchè il nostro matrimonio non deve valere in Italia? Mia moglie e io ci amiamo moltissimo, perchè in Italia il nostro matrimonio non vale? Se io dovessi finire in ospedale e si dovesse presentare la necessità di prendere una decisione per me, Cicci non potrebbe proferire parola. Perchè qui in Italia non ne avrebbe diritto. Sarebbe una perfetta estranea. Assurdo. Perchè accade? Matteo Renzi, per essere dalla parte giusta della storia ed allinearsi al resto dell’Europa oltre che degli Stati Uniti». E la moglie, Cicci, 41 anni, palermitana, nel management culturale, aggiunge: «Lo Stato italiano prende le tasse dagli omosessuali, però non possiamo sposarci, e non possiamo godere degli stessi diritti di tutti gli altri italiani. Perchè?». Per poi aggiungere: «Riconoscere un diritto civile è gratis. Non costa nulla. Quando si parla di noi, sento parlare i politici che esclamano: ’Ma con tutti i problemi che ci sono in Italia, perchè dobbiamo occuparci dei gay?’. È vero che ci sono tanti problemi sociali ed economici in Italia, ma se per affrontare la piaga della disoccupazione ci vogliono interventi economici, fare valere un diritto civile è completamente gratis. E ci vuole poco. Perchè si perde ancora tempo? Mi piacerebbe che Matteo Renzi ci desse una risposta».

L'incontro - La storia d’amore di Anto e Cicci inizia nell’agosto dei sei anni fa a New York. Cicci, palermitana doc, è negli Usa per un corso intensivo di inglese. Un’amica una sera la accompagna a una festa. E scatta la scintilla. «È stato amore a prima vista - racconta Cicci ancora emozionata - Quando la vidi pensai: ’Ecco, quella potrebbe essere la donna della mia vita'. Io ancora non parlavo bene l’inglese e ricordo che le uniche parole che le dissi furono: ’I am Cicci e I am from Palermo, Italy». E Anto: «Non ci capivamo, è vero. Ma questa donna emanava una bellissima energia. Parlava con gli occhi, con i gesti». Così le due iniziano a frequentarsi, con tutte le difficoltà linguistiche, superate dal dizionario e da google, ma quello che sembrava essere destinato un breve flirt estivo si è trasformato in  un amore. A ottobre Anto viene a Palermo e le due non si lasciano più. Un anno fa, a luglio, arriva la richiesta di matrimonio. È Anto a chiedere a Cicci di sposarsi. Lo fa durante una vacanza a Tulum, in Messico. E in meno di un mese il matrimonio, a City Hall. «Ma io volevo il matrimonio nella mia Palermo - racconta Cicci - Così abbiamo iniziato a organizzare tutto».

Le nozze - Sabato scorso il grande giorno. Padre Agostino De Caro, le unisce in matrimonio. Una celebrazione molto simile a quella cattolica con lo scambio delle promesse e degli anelli e con la presenza dei testimoni. Presente anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. «È stato bellissimo - raccontano - Sono venuti  amici da tutto il mondo, da Tokyo, Parigi, San Francisco, New York.  Bellissimo». Non solo. «Facendo due conti, il nostro matrimonio è stata una boccata d’ossigeno anche per l’economia palermitana. Basti pensare che tra alberghi, shopping, vitto, sono stati spesi almeno 250 mila euro da tutti i nostri ospiti. Sono stati spesi tanti soldi in una città che grida fame a ogni angolo. Dunque, oltre a non costare
nulla ottenere un diritto, creerebbe un indotto economico notevole come accade a New York». Ma c’è un ma. Quel matrimonio, qui in Italia, non ha validità. Da qui la decisione di rivolgersi direttamente al premier, Matteo Renzi. «Cambi verso anche per i diritti civili - dicono all’unisono Anto e Cicci - Non continui a rinviare. Noi in America siamo già sposate ma in Italia no. E non capiamo perchè». «Per me sarebbe bello il riconoscimento del nostro matrimonio in Italia - dice Anto in inglese - Non capisco perchè non sia possibile. Riconoscere un diritto è gratis». Tra pochi mesi Cicci otterrà la ’Green Card’, la tanto agognata carta che le permetterà di restare per sempre negli Stati Uniti. Ma il suo sogno è quello di tornare in Italia. A Palermo. Con Anto. Sposate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tiromancino2

    01 Agosto 2014 - 01:01

    certo che il giornalista scrive : le due iniziano a frequentarsi, con tutte le difficoltà linguistiche

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    11 Luglio 2014 - 18:06

    Questo non è un prete ma un povero cretino. Ora aspettiamo la reazione di Roma, ma si sa, finora le risposte tipo sono state: E chi sono io per giudicare? indica chiaramente la confusione materiale e mentale dell'attuale capo della Chiesa.

    Report

    Rispondi

  • cbargna

    11 Luglio 2014 - 16:04

    La nostra società si è sempre fondata su famiglie che generano le nuove generazioni e li educano. Mi chiedo che contributo al futuro possono dare queste unioni sterili per loro stessa natura e non per cause avverse. Ecco perché queste unioni devono rimanere solo sul piano privato e non devono essere riconosciute dallo stato.

    Report

    Rispondi

  • Massimo Simon

    11 Luglio 2014 - 15:03

    Mandate in discarica questa specie di prete.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog