Cerca

Il danno e la beffa

Puglia, le nozze di due rampolli indiani: sfarzo, elefanti e polemiche

Puglia, le nozze di due rampolli indiani: sfarzo, elefanti e polemiche

Fasano come Hollywood per il matrimonio tra Ritika Agarwal (terzogenita del milionario indiano del ferro) e Rohan Metha: 800 invitati, scenografie da film, ballerini, fiori a non finire e elefanti, sì, elefanti. Il tutto per quattro giorni. Non si bada a spese, il budget fissato è di 10 milioni di dollari, milione più, milione meno.

Il matrimonio - I super ricconi indiani hanno scelto Fasano come location delle nozze, proprio Fasano, in Puglia, nella terra dei nostri marò. I festeggiamenti hanno avuto inizio ieri 3 settembre. Comparse con tuniche bianche, musica dal vivo (si vociferava fosse attesa la cantante Shakira), fuori d'artificio, danze e l'obbligo per gli ospiti di indossare qualcosa d'oro. Anche le partecipazioni erano d'oro. Si dice che solo per i fiori, le famiglie abbiano speso 750 mila euro, fiori arrivati direttamente dall'Olanda e con i quali verranno addobbate le diverse location dei festeggiamenti. Quattro i banchetti nuziali (si calcola che gli chef dovranno cucinare circa 10 mila pasti).La festa andrà avanti fino all’alba di sabato, mentre la cerimonia del matrimonio si terrà domani 5 settembre con rito induista. La coppia in realtà si è già sposata a Londra, con rito civile, lo scorso 25 agosto. Gli invitati sono arrivati con una ventina di jet privati,per i quali sono state previste aree imbarco-sbarco ad hoc.Ovviamente intorno alla zona dei festeggiamenti è stato predisposto un cordone di sicurezza perché gli ospiti non corrano rischi.

Le polemiche - Per il matrimonio dello sfarzo non mancano le polemiche. Il web è stato preso d'assalto da coloro ai quali proprio non va giù che i due indiani abbiamo scelto la terra dei marò per festeggiare le nozze. C'è chi dice che sembra una beffa vera e propria, un'offesa verso i marò e verso gli italiani. Il sindaco di Fasano, Lello Di Bari, ha ricevuto una montagna di mail di protesta perché le nozze non fossero celebrate in terra pugliese. Su Facebook è nato anche un gruppo "Nessun amministratore fasanese al matrimonio indiano", ma il sindaco non ha rinunciato all'invito.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • robertosforza

    12 Settembre 2014 - 15:03

    Solo la vergogna del sindaco del paese che ha ospitato il matrimonio fa venire i brividi. Veramente si sono venduti all'india per un piatto di lenticchie!

    Report

    Rispondi

  • marilenalatino

    07 Settembre 2014 - 20:08

    in uno stato dove in molti posti vive la miseria più nera poteva fare tantissima beneficenza spendendo 9 decimi meno per il matrimonio .e avrebbe avuto tanta gratitudine ma si sa le caste non si abbassano a questo anzi si arricchiscono sullo schiavismo .

    Report

    Rispondi

  • gigitimis

    07 Settembre 2014 - 00:12

    bene,,, visto che la nostra diplomazia estera, in india non conta un cazzo,,,interloquiamo col principe,, che anche in india,, funziona amici,, degli amici,,,,oppure tratteniamo due ospiti,,,,e vediamo cosa succede,,,quello che scrivo non e°° giusto,, ma deve esserci un modo x scagionare e far tornare a casa due militari, con missione onu,,,e nato di salvaguardare le navi commerciali,,

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    05 Settembre 2014 - 11:11

    Ma possibile che nessuno abbia avuto il coraggio di rovesciare mastellate di merda sulla testa di quei selvaggi provocatori?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog