Cerca

Doria contestato

Genova in ginocchio per l'alluvione, il sindaco va a riposarsi a Courmayeur

Genova in ginocchio per l'alluvione, il sindaco va a riposarsi a Courmayeur

Mentre Genova cerca a fatica di sollevarsi dopo l'alluvione il sindaco Marco Doria va a rilassarsi a Courmayeur. Sabato sera, riporta La Stampa, il primo cittadino del Pd si è seduto con la famiglia al tavolo di un ristorante ma è stato contestato da un cliente che lo ha riconosciuto e lo ha rimproverato di essere lì "mentre Genova soffre". Doria non ha risposto ma la moglie non è riuscita a stare zitta: "Si vergogni lei, io porto i miei figli dove voglio". Ma il contestatore ha ribattuto: "Lei sì ma non il sindaco di Genova". 

Il proprietario del ristorante Cadran Solaire Domenico Pugliese, ha poi detto che nessuno si è accorto di nulla, tanto meno lui. Ma dopo questo episodio il sindaco sul suo profilo Facebook ha deciso di rendere nota la sua agenda. Del resto, non è la prima volta che gli amministratori locali di Genova vengono contestati per impegni che stridono con le emergenze. Venerdì 9 ottobre, per esempio, mentre Genova veniva sommersa dal fango Doria era al teatro Carlo Felice per l'apertura della stagione lirica... 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    21 Ottobre 2014 - 08:08

    NOME DORIA: DA DOGI AL NULLA ASSOLUTO - SI RIVOLTERANNO NELLA TOMBA !!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    20 Ottobre 2014 - 16:04

    Peccato, aveva avuto l'occasione di dimostrare che era diverso dagli altri, invece ha fallito. Ha fallito nei fatti, visto che in questi anni nn ha combuinato nulla e ha fallito politicamente. Le sue dimissioni sarebbero state una bomba nell'afittico mondo politico italiano. Un uomo che si prende le sue responsabilità, anche se molte ereditate, sarebbe stato davvero qualcosa di nuovo.

    Report

    Rispondi

  • laghee

    20 Ottobre 2014 - 15:03

    ... effettivamente la faccia da p...a ce l'ha !

    Report

    Rispondi

  • alvit

    20 Ottobre 2014 - 15:03

    cosa volete che importi a questi esseri al governo del paese e delle città , se la gente soffre e patisce. A Genova ci saranno decine di commercianti costretti a chiudere, ma non si chiudono le tasse e i balzelli da pagare. Il sindaco, komunista di mer@@, con il portafoglio gonfio, frutto del sudore degli operai, continuerà a spassarsela in barba a tutti. Un altro che finge di piangere,(fornero?)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog