Cerca

Scandalo in Toscana

Aghi, punti, filo di sutura: il sesso estremo tra dottore e dottoressa

Giocavano "al dottore". In una versione un po' riveduta rispetto al poco più che innocente gioco che talora fanno bambini e bambine. I due, infatti, erano medici per davvero: un uomo ed una donna, che si producevano in performance sessuali sadomaso e utilizzando anche presidi medici e chirurgici. Forbici, aghi, fili di sutura. Una vicenda sulla quale la procura di Pisa ha aperto un'inchiesta.

Secondo quanto riporta il quotidiano toscano Il Tirreno tutto sarebbe nato da una chiavetta Usb trovata in lavanderia nella tasca di un camice mandato a lavare. La chiavetta conteneva foto relative a pratiche sessuali con presidi medici e strumenti chirurgici, ma anche con primi piani di parti intime femminili con punti di sutura. La pennetta è stata consegnata dal titolare della lavanderia ai carabinieri e le indagini hanno consentito di risalire ai due medici, un 47enne pisano ed una 40enne livornese. Nel corso di perquisizioni nelle abitazioni e in un camper, riferisce ancora il quotidiano, sono stati trovati pc portatili, chiavette, foto e oggetti usati per pratiche sadomaso.

I due medici avrebbero spiegato che quelle immagini riguardavano i loro momenti di intimità, senza che fossero coinvolte altre persone. Ma se hanno usato i materiali di studi privati o dell'azienda sanitaria presso la quale lavorano, per i due roventi amanti potrebbe scattare l'accusa di peculato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    29 Ottobre 2014 - 17:05

    ...ma hanno fatto bene.!! Resta una delle cose più bella che questa vita del cazzo ci riserva.

    Report

    Rispondi

blog