Cerca

Cautela

Truffe di Natale: dalla clonazione della carta ai falsi enti di beneficenza

Truffe di Natale: dalla clonazione della carta ai falsi enti di beneficenza

L'azienda californiana McAfee, che si occupa di sicurezza informatica e programmi antivirus, ha raccolto e diffuso le truffe online più comuni nel periodo natalizio. Phishing, skimming, pubblicità ingannevoli in rete, e applicazioni che tramite lo smartphone possono carpire le informazioni personali dell’utente. Vediamole nel dettaglio.

Pericolo Phishing - Il phishing è un tipo di truffa via web attraverso cui un malintenzionato tenta di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali sensibili. Il malintenzionato, sfruttando l'invio casuale di messaggi di posta elettronica che imitano la grafica di siti bancari o postali, cerca di ottenere dalle vittime la password di accesso al conto corrente o che autorizzano i pagamenti, oppure il numero della carta di credito. Tale truffa può essere realizzata anche mediante contatti telefonici o con l'invio di SMS.  Link pericolosi, concorsi fasulli sui social media e tessere regalo contraffatte sono solo alcuni dei modi con cui i truffatori cercano di impossessarsi delle informazioni personali.

Skimming del bancomat -Durante la stagione festiva, aumenta statisticamente il ricorso al prelievo presso gli sportelli bancomat, da cui i truffatori possono accedere per ricavare informazioni personali, installando dispositivi di skimming per rubare i dati dalla banda magnetica della carta o utilizzando una videocamera o un rivestimento sul tastierino per acquisire il codice PIN. Una soluzione semplice è quella di controllare bene il terminale e di coprire la tastiera quando si inserisce il codice PIN.

Flase telefonate bancarie - Quando le spese nel periodo festivo aumentano, e quindi anche le possibilità di essere truffati, gli hacker sono pronti a sfruttare questa consapevolezza. Nella maggior parte dei casi, i consumatori ricevono una telefonata fasulla da una sorta di agente di sicurezza automatico, che afferma che il conto dell'utente è stato compromesso richiedendo informazioni personali tra cui la password del conto. E' utile accertarsi prima con la propra banca. 

Biglietti elettronici - I siti di e-card, le tessere elettroniche, più noti sono accettabilmente sicuri, ma la truffa è sempre dietro l'angolo e occorre fare particolare attenzione ai biglietti elettronici che richiedono di essere scaricati sul dispositivo.

Siti di viaggi - Durante le feste aumentano i viaggi e i truffatori online sono pronti ad approfittare dei consumatori, che spesso diventano meno attenti alla loro sicurezza. I link online fasulli che offrono soggiorni a prezzi vantaggiosi sono numerosi ma, in alcuni casi, vi è anche il rischio che, una volta arrivati sulla pagina di prenotazione, lo spyware acceda alle informazioni personali dell'utente.

Le App ingannevoli - Ogni giorno vengono create nuove app mobile per dispositivi Android e iOS. Sono tante le applicazioni generate apposta per le occasioni festive, che sembrano ufficiali ma che in realtà potrebbero essere pericolose e accedere alle tue informazioni personali.

Falsi enti di beneficenza - Durante le festività, molti consumatori effettuano donazioni ad enti di beneficenza. Purtroppo, sono in tanti ad approfittarsi del clima natalizio che rende tutti più buoni e generosi: occorre fare, quindi, molta attenzione a enti di beneficenza fasulli con cui si può entrare in contatto via email o tramite i social media.

Il controllo - Sfortunatamente ci sono alcune truffe difficili da raggirare; il malware che colpisce i punti vendita e che porta alla violazione delle informazioni delle carte di credito ricade in questa categoria. Un metodo per non incappare in questo genere di truffa è tenersi aggiornati e contrallare spesso i resoconti della carta di credito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog