Cerca

Strage al Tribunale di Milano

Sicurezza, i magistrati rifiutano i badge: minacciano la privacy

Sicurezza, i magistrati rifiutano i badge: minacciano la privacy

Dopo la strage al tribunale di Milano durante la riunione d'emergenza convocata tra il governo e la magistratura milanese, è emerso quanto sia difficile - se non impossibile - trovare un accordo sulle misure di sicurezza. Per esempio, riporta il Giornale, quando qualcuno ha proposto di installare un sistema di badge e tornelli - come avviene anche in moltissime aziende private - le toghe hanno detto no: "I badge non li vogliamo".

La riunione - Per il governo, ci sono i ministri dell'Interno e della Giustizia, Angelino Alfano e Andrea Orlando, con loro anche Santi Consolo, il magistrato che il ministro ha voluto alla testa del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria. Poi ci sono i vertici delle toghe, una ventina di persone in tutto. E' proprio Consolo (che è uno specialista della sicurezza) a lanciare la proposta di introdurre con effetto immediato a Milano un sistema di controllo elettronico degli accessi. Del resto è stato proprio l'errore umano di un addetto all'ingresso di via Manara a consentire l'accesso con una pistola a Claudio Giardiello. I magistrati però si oppongono: la Procura generale - che è responsabile della security degli uffici giudiziari - solleva alcune obiezioni. Sembra che i giudici non vogliano che i loro ingressi siano registrati, la considerano una minaccia alla loro privacy. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umberto2312

    14 Aprile 2015 - 08:08

    Che casta sarebbe se dovessero rispettare leggi e regole? Quelle valgono per gli altri. Loro sono liberi di fare i propri comodi, salvo strillare e frignare appena sono vittime di un "incidente".

    Report

    Rispondi

  • routier

    14 Aprile 2015 - 07:07

    La gente comincia a sparare un po troppo (non solo a Milano). C'è qualche politico o magistrato che si chiede il perché ? Un qualche motivo ci sarà . Incolpare sempre e solo un "momento di follia", mi pare strumentalmente semplicistico.

    Report

    Rispondi

  • FUORIDALLEPALLE

    13 Aprile 2015 - 15:03

    CERRRRTO RAZZA DI PERSEGUITATI.. Dovessero erroneamente registrare le vostre sporadiche "visite" di lavoro,e magari gli orari di accesso per attività collaterali ??!!

    Report

    Rispondi

  • noinciucio

    13 Aprile 2015 - 14:02

    Sono solo dei grandissimi paraculi! Speriamo che la prossima volta usino il C4!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog