Cerca

In manette

Finmeccanica, arrestato Orsi: tangente da 51 milioni

L'accusa è quella di "corruzione internazionale": nel mirino la vendita di 12 elicotteri all'India. I pm ipotizzano una pista estera

Giuseppe Orsi

Giuseppe Orsi

L'amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi è stato arrestato. L'ordinanza è stata firmata dal Gip di Busto Arsizio ed eseguita dai Carabinieri. Ai domiciliari anche l'amministratore di Agusta Westland Bruno Spagnolini. In tutto sono quattro le misure cautelari. L’accusa per Orsi è di corruzione internazionale: "Al centro delle indagini - scrive La Stampa - la vendita di 12 elicotteri Agusta Westland al governo indiano. Secondo l’accusa per quella vendita - il cui contratto fu sottoscritto in Inghilterra l’8 febbraio del 2010 - fu pagata una tangente di 51 milioni di euro. La fornitura degli elicotteri fu pagata 556 milioni di euro". 

Ombre sulla Lega - Secondo le indagini parte della tangente, pagata per la vendita di 12 elicotteri da trasporto Aw101 al ministro della Difesa indiano, sarebbe stata pagata dal vertice di AugustaWestland a intermediari residenti all'estero. Ballerebbero 51 milioni di euro che avrebbero incassato Guido Ralph Haschke insieme al socio, Carlo Gerosa, entrambi arrestati nella notte in Svizzera. Una quota della somma, dieci milioni di euro, sarebbe stata poi girata all'inglese Christian Michel, indicato nelle carte dei pm di Napoli come "uomo di Orsi". 

Perquisizioni - I carabinieri del Noe hanno effettuato una perquisizione nella casa dell’ad Giuseppe Orsi, a Sesto Calende, nel varesotto. Perquisiti anche gli uffici del gruppo in galleria San Babila a Milano. L’ordine di arresto emesso dalla  procura di Busto Arsizio, che indaga sul caso Finmeccanica, riguarda anche i presunti intermediari della tangente: Guido Hascke e Carlo Gerosa. I due risiedono in Svizzera e in questo caso dovranno essere   attivate le procedure per l’estradizione.

 

La Lega e Finmeccanica - La notizia, dopo quello innescato da Mps a sinistra, potrebbe assumere i contorni di un nuovo terremoto politico. Giuseppe Orsi da sempre ha avuto un filo diretto con la Lega Nord. Nel dicembre 2011, poco dopo la nomina di Orsi in Finmeccanica, Roberto Maroni lo chiama per complimentarsi. In un'intercettazione telefonica pubblica da Il Fatto Quotidiano, Orsi dice a Maroni: "Dico sempre comunque se non c’è Roberto Maroni a fare l’ultimo miglio, col cavolo che io qua c’ero, penso fanno tutti i bravi". La nomina di Orsi, di fatto, avvenne in "quota Lega". L'arresto rischia così di entrare a gamba tesa nella campagna elettorale per la conquista del Pirellone e della maggioranza nel prossimo parlamento.

Ho fatto il bene per il Paese - E dopo l'arresto arrivano le prime dichiarazioni di Orsi. Il suo avvocato Ennio Amodio, ha definito "devastante" il provvedimento che ha portato in carcere il suo assistito. "E' un provvedimento devastante - ha detto Amodio - perché decapita due delle maggiori aziende del nostro Paese". "Ho sempre fatto il bene dell'azienda e del Paese", gli ha riferito Orsi dopo l'arresto. Amodio ha anche detto che Orsi "non ha mai commesso alcun illecito e lo dimostreremo".

Epicentro indiano - Dopo aver negato ogni tipo di irregolarità lo scorso dicembre, novità arrivano anche dall'India, il vero epicentro di questa nuova storia di presunte tangenti e corruzione. Il Central Bureau of Investigation indiano ha infatti aperto un'inchiesta sulle presunte tangenti legate alla vendita dei 12 elicotteri di Augusta, la controllata di Finmeccanica, al governo di Nuova Delhi. La notizia è stata comunicata all'agenzia France Press da Sitanshu Kar, il portavoce del ministero della Difesa indiano.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    14 Febbraio 2013 - 18:06

    a Voi piace questo sistema illegale diffuso. è vero che sembra sia la prassi pagare tangenti, ma rimane il fatto che sia illegale. tra le altre cose il suo nano preferito dice balle, come al solito. all'estero è vero che pagano tangenti ma quando beccati interviene la magistratura, come normale che sia. sanzioni del dipartimento di giustizia usa: siemens(germania) 1600mln di dollari, halliburton 580mln, bae systems 450mln, snaprogetti(olanda) 240mln, technip(francia) 240mln. le tangenti si pagano anche all'estero, la differenza che Li non c'è un ex-presidente che si permettere di elogiarle, e quando la magistratura indaga TUTTI zitti. ed è giusto così, perchè le tangenti uccidono l'economia. nel nostro paese, tra l'altro, c'è anche stata una precisa volontà politica per non cambiare le cose. chissà perchè e chissà da chi? SFIGATO!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    14 Febbraio 2013 - 13:01

    La Germania si è comprata i Balcani, gli USA e la Francia organizzano e conducono guerre per difendere e rafforzare i loro interessi economici e qui siamo costretti ad ascoltare una manica di "duri e puri" che fanno sfoggio di imbecillità a tutta prova! Ci siamo di nuovo sputtanati a livello globale! Abbiamo fatto quello che fanno tutti ma la nostra magistratura, che ormai è più inflessibile del Vaticano ha deciso che mettere in mutande il paese a culo nudo davanti al mondo ed affossare un'azienda di primo piano mondiale fosse la cosa giusta da fare in ossequio al compito moralizzatore che si è auto imposta. Imbecilli! Condannare il Capo dei Servizi segreti in presenza del Segreto di Stato imposto da TRE, dico TRE, governi. Condannare Agenti di altri paesi con il pericolo di farsi prendere per il culo dal mondo! Ma quale razza di poveri dementi può pensare che questa sia la strada giusta? Sveglia, il mondo non è il pascolo della mucca Milka, la fuori è una guerra, Imbecilli!

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    14 Febbraio 2013 - 12:12

    l solito peloso TRINARICIUTO.io spenderò meno parole retoriche come fa LEI. Monti, caro bananas,si è trovato un paese devastato da VOI,se no non mi spiego il perchè la SUA parte politica ha dovuto varare una manovra economica da 145mld di euro(mi dica se qualcun'altro ha fatto peggio),fonte CGIA MESTRE,che costa alle famiglie italiane 5.766?(pdl/lega),mentre quella di Monti è stata di 63mld e costa 2.500?. e non so se si ricorda che anche il PDL appoggiava Monti,quindi è responsabile pure LUI del calo del PIL che,d'altro canto,era positivo quando governavate voi,vero?le ricordo che con PRODI la differenza deficit/pil era a 106% e VOI lo avete portato oltre al 120%.ma LEI pensa che quando c'è un paese allo sbando bastino delle belle promesse per risolvere i problemi? infatti LEI vota PDL.Magistratura ROSSA?certo quando indagano sul PDL/LEGA non quando indagano altri partiti,vero, caro il mio TRINARICIUTO?

    Report

    Rispondi

  • tango51

    13 Febbraio 2013 - 10:10

    Bisognerebbe chiedere in quale galassia vivono alcune persone. Lo sanno che per avere delle commesse in TUTTO il mondo di quel livello, bisogna pagare dazio? forme ed ammontare dipende dalle aree. lo sanno quei "signori" che quelle commesse creano posti di lavoro e/o evitano licenziamenti, CIG etc? lo sanno quei "signori" che i concorrenti internazionali usano, senza problemi, gli stessi sistemi. sicuramente sanno che grazie a queste scemenze, loro probabilmente si assicurano posti in politica, privilegi, garanzie ecc e òascieranno a casa operai? Grazie ancora inutili incompetenti mantenuti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog