Cerca

Il calvario

Firenze, marocchino tiene la moglie segregata in casa: "Una città impura"

L'aguzzino è un uomo marocchino, lei egiziana: sporge denuncia dopo che l'uomo le spegne una sigaretta sulla mano

Violenza sulle donne

Violenza sulle donne

Tiene rinchiusa la moglie in casa perché "Firenze è una città impura". Questa è stata quanto spiegato da un 36enne egiziano che ha costretto alla prigionia la moglie marocchina di 31 anni. La donna, segregata e maltrattata, da circa due anni non aveva più contatti con l'esterno e veniva picchiata dal marito. Secondo quanto si è appreso, oltre alle elucubrazioni sulla "città impura", la follia dell'uomo si è scatenata per piccole "disobbedienze" della moglie, come una cena non gradita.

La denuncia - Poche settimane fa, dopo un ennesimo sopruso, la donna ha avuto il coragggio di rivolgersi ai carabinieri e denunciare i maltrattamenti. L'uomo era entrato nella camera da letto dei figli, si era acceso una sigaretta, la moglie aveva protestato. Per tutta risposta l'uomo ha spento la cicca sulle mani della donna, per poi andarsene di casa. La donna, questa volta, però ha reagito: dopo aver telefonato a un'amica a sporto denuncia ai carabinieri.

L'arresto - L'egiziano è stato fermato dal comando provinciale di Borgognissanti con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni gravi e violenza sessuale continuata. L'arresto è stato disposto dal giudice per le indagini preliminari, ed è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere motivata con la "piena credibilità della parte offesa che risulta aver reso dichiarazioni logiche e coerenti, prive di accenni polemici nei confronti del marito".  Dichiarazioni che sono "segnate dalla sopraffazione e dalla violenza psichica e psicologica". I maltrattamenti subìti dalla donna, inoltre, sono stati confermati alle forze dell'ordine anche dall'amica che l'ha accompagnata a sporgere denuncia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gfbaldo

    03 Dicembre 2014 - 10:10

    EGIZIANI ,MAROCCHINI TUNISINI , TUTTI I DELINQUENTI DE L'AFRICA ARRIVANO IN ITALIA SONNO TUTTI CHE IN ITALIA E UN PAESE SENZA LEGGI E SENZA DOVERI CON UN GOVERNO DI PAGLIACCI E INCAPACI DE DIFENDERE GLI ITALIANI

    Report

    Rispondi

  • muggia29

    15 Ottobre 2014 - 16:04

    quando entrano in Italia devono accettare le nostre leggi,sennò,foglio di via e imbarco a loro spese ,sul primo aereo....

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    04 Luglio 2013 - 11:11

    va preso dolcemente e portato al mare piu' vicino (che c'e' a Firenze? marina di Pisa?, ecco portarlo a Marina di Pisa), poi a calci in culo finche' non comincia a nuotare verso la bellissima africa. Mettere un sensore che suona se si avvicina al confine italiano. Senno' altri calci in culo e di nuovo a nuotare.

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    04 Luglio 2013 - 11:11

    Invece di pubblicare queste "non" notizie (lo sappiamo tutti da decenni che i musulmani si comportano così) fateci sapere cosa succederà al processo del macchino (se ci sarà) e quale sarà la punizione che lo Stato italiano, in nome del popolo italiano, gli comminerà!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog