Cerca

Il caso

Il ministro marocchino: "Ruby era maggiorenne quando ha conosciuto Berlusconi"

Secondo quanto racconta il titolare della Funzione Pubblica di Rabat "la ragazza quando ha conosciuto Berlusconi aveva più di 18 anni". Ora la procura di Milano trema

Ruby

Ruby

Nuove rivelazioni nel processo Ruby potrebbero far cascare come un castello di carta la tesi accusatoria della procura di Milano contro Silvio Berlusconi. Secondo quanto racconta il ministro  ministro della Funzione pubblica del Marocco, Mohamed Mobdii al giornale Al Akhbar, Karima El Mahroug era già maggiorenne quando, nel febbraio 2010, ha conosciuto l’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Il ministro del governo di Rabat così mette a rischio la sentenza con cui il tribunale di Milano ha deciso di condannare l'ex premier in primo grado a sette anni per prostituzione minorile. Ai tempi dei fatti, infatti, Ruby era maggiorenne. Mobdii, che è stato parlamentare nella zona di Al Fakih Bensalih, in cui è nata e in cui abitava la famiglia di Karima El Mahroug, ha affermato al quotidiano di essere stato "molto attento a conservare il file della sua nascita". "Avevo paura - ha aggiunto il titolare della Funzione pubblica - che venisse rubato o falsificato".

La svolta - Mobdii ha, quindi, raccontato di aver ricevuto una comunicazione dal consolato marocchino a Milano in cui gli veniva chiesto di "spedire i documenti in una valigia diplomatica" affinché non venissero esposti a "una operazione di falsificazione". E così ora qualcuno già chiede alla procura di Milano di accertare la verità sulla data di nascita della marocchina. Souad Sbai, ex parlamentare Pdl e presidente dell’associazione Acmid Donna, ha immediatamente rivolto un appello alla procura di Milano affinché "intervenga per accertare la verità recuperando la documentazione originale e perchè ascolti il ministro marocchino". "È una notizia che non va nascosta sotto il tappeto - ha spiegato la Sbai - perché gli italiani vogliono conoscere la verità una volta per tutte su questa vicenda" . Il processo Ruby ora rischia di ribaltarsi a favore del Cav. Ma la procura risponde: "Non c'e nessun dubbio sul fatto che Ruby fosse minorenne nel febbraio 2010". "In ogni caso - spiegano le stesse fonti - noi il processo l’abbiamo fatto, ora sono questioni che riguardano eventualmente la Corte d’Appello".

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    30 Gennaio 2014 - 18:06

    quanto all'altro tuo GRANDE genitore, invece, meglio soprassedere...

    Report

    Rispondi

  • antari

    30 Gennaio 2014 - 18:06

    mi spiace ma arrivi in clamoroso ritardo: il ministro marocchino ha gia' SMENTITO TUTTO. Che figura di merda per te, quindi, piu' che per i magistrati!

    Report

    Rispondi

  • vedrana

    vedrana

    30 Gennaio 2014 - 16:04

    Figuriamoci se i pm di milano tremano, per cosa poi chi gli farà pagare qualcosa, non succederà proprio nulla " CANE NON MANGIA CANE " July

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    30 Gennaio 2014 - 14:02

    Chissa' cosa si inventeranno adesso per condannare un uomo per prostituzione minorile ... Ridicola magistratura. Di minorile forse c'e' la voglia di avere un mostro da ingabbiare un processo che fa' scalpore , e nascondere la verita' ; che ci sono 8 milioni di cause che non vanno avanti , che questa giustizia e' troppo lenta o e' troppo sommaria, e che servirebbe una bella riforma ,che i giudici che sbagliano o che hanno sbagliato debbano pagare. Che se un processo dura piu' di 2 anni ,bisognerebbe chiedersi perche' e chi e' che non lo fa' camminare senza passare una mazzetta a tizio o a caio. Cazzo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog