Cerca

Influenza A, a Oxford

contagiati 17 italiani

Influenza A, a Oxford
 Erano venticinque adolescenti sani, il 16 luglio, quando si sono imbarcati sul volo per l'Inghilterra. Però sani - ieri sera allo sbarco dal volo di ritorno a Elmas - erano rimasti solo in otto: gli altri diciassette hanno conosciuto il virus dell'influenza suina, e cinque di loro sono ancora malati. a riportarlo il quotidiano L'Unione Sarda. L'hanno contratto (e pagato 2.500 euro) a Oxford, in un campus universitario dov'erano andati per imparare l'inglese, e che giorno dopo giorno si sta trasformando in un lazzaretto. Dei cinque adolescenti influenzati in forma acuta nessuno è in pericolo di vita, e si spera che gli otto sani non abbiano il virus in incubazione. I rimanenti dodici sono praticamente guariti.

«Malati ovunque nel campus e diagnosi ridicole: per il medico inglese, i tanti ragazzi di diverse nazionalità che sono stati contagiati hanno tutti il raffreddore», sbotta Maria, medico in un ospedale cagliaritano: L'Unione Sarda non scrive il suo cognome per tutelare l'anonimato del figlio quattordicenne, uno dei cinque che ha contratto l'influenza A in forma acuta, con febbre a 39-40 gradi che per giorni se n'è infischiata perfino delle dosi massicce di paracetamolo.

La scoperta - Ieri sera, quand'è sceso dall'aereo, il ragazzo aveva una temperatura intorno ai 38 gradi, così come diversi suoi amici: malgrado la pandemia dichiarata a gran voce da Oms e capi di Stato di tutto il mondo, non esistono restrizioni sui voli, al contrario di quanto era stato fatto con successo per isolare l'influenza aviaria.

La rabbia del medico - Maria è furibonda: «Ho il sospetto che il Regno Unito stia minimizzando l'epidemia da H1N1 che ha invaso quantomeno il campus di Oxford: temono forse una valanga di annullamenti nelle prenotazioni per i corsi estivi d'inglese. Una forma parainfluenzale, è la diagnosi del medico inglese per mio figlio, per gli altri quattro casi gravi e per i dodici che hanno superato l'influenza in forma blanda. Oltretutto sono ragazzini, ma nessuno degli organizzatori dei corsi si è sentito in dovere d'informare i genitori. Che raffreddore è, quello accompagnato da febbre altissima per giorni?». Trascorse 48 ore dalla comparsa dei sintomi, diventano inutili anche i farmaci antivirali, che in ogni caso non sono stati prescritti dal medico inglese nell'unica visita ai pazienti: come rimedio, rimangono solo la Tachipirina e l'antinfiammatorio.

Tra i casi acuti c'è anche una quattordicenne, figlia di un medico cagliaritano. Proprio suo padre, in vacanza in Inghilterra durante i giorni dello stage a Oxford, si è precipitato nel campus per visitare i componenti della spedizione sarda che erano a letto con la febbre. Sulla base dei protocolli del ministero della Salute che ormai non richiedono più il test virologico, ha diagnosticato la presenza dell'H1N1, e ne è quasi certo anche per quanto riguarda i dodici ragazzi con tosse e raffreddore. Per il ministero, i gravi sintomi e l'alta contagiosità nella stagione più calda sono di per sé sufficienti per indicare che si tratta dell'influenza diventata pandemia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog