Cerca

La rivelazione pasquale

"È risorto e vi mostro tutte le prove". Socci e la scienza, clamoroso su Gesù

Antonio Socci

Antonio Socci

Ogni anno a Pasqua si celebra la resurrezione di Cristo. Ma nessuno s' interroga sulla verità della notizia: Gesù è davvero risorto? O è il più clamoroso falso della storia? Molti cristiani credono che sia risorto, ma non sanno dare le ragioni di questa fede e gli agnostici o atei non vi credono in modo egualmente irrazionale. Senza ragioni.

Sanno dire solo: è impossibile. Ma è proprio così? Un vero scettico dovrebbe andare fino in fondo e dubitare pure del proprio scetticismo. Il più importante filosofo dell' ateismo del XX secolo, Anthony Flew, che negli ultimi anni della sua vita, studiando la fisica di Einstein e la biologia (il Dna), ha rinnegato la sua opera precedente ed è arrivato alla certezza razionale dell' esistenza di Dio, ha dato la risposta più logica: «Non si possono limitare le possibilità dell' onnipotenza».

Un altro filosofo e matematico, Blaise Pascal, diceva: «Con che ragione vengono a dirci che non si può risuscitare? Che cos' è più difficile: nascere o risuscitare? È più difficile che ciò che non è mai stato sia o che ciò che è stato sia ancora? È più difficile essere o ritornare a essere? L' abitudine ci fa sembrare facile l' essere; la mancanza di abitudine ci fa sembrare impossibile il ritornare a essere. Che modo ingenuo, popolare di giudicare!». In effetti noi non riflettiamo mai sul «miracolo» del venire all' esistenza. Ma su scala cosmica è ancora più sconvolgente il venire all' esistenza dal nulla dell' universo intero. Gli scienziati oggi confermano la Bibbia. In effetti le cose sono andate così: il Big Bang è un evento inspiegabile, un improvviso scoppio di energia infinita che dal nulla ha dato origine al tempo e allo spazio.

Un celebre scienziato come Paul Davies, non particolarmente incline alla religiosità, scrive: «Oggi molti astronomi e cosmologi sostengono la teoria secondo cui c' è effettivamente stata una creazione databile a circa diciotto miliardi di anni fa, quando l' universo fisico sorse all' improvviso con l' inimmaginabile esplosione volgarmente detta "Big Bang". L' ipotesi fondamentale - che, cioè, si sia data una creazione - è dal punto di vista scientifico del tutto accettabile. Essa infatti nasce da un vastissimo insieme di dati scientifici accomunati dalla legge fisica più universale a noi nota, la seconda legge della termodinamica».
E sempre a proposito del Big Bang (che rientra nella categoria scientifica della «singolarità») ha aggiunto: «Una singolarità è quanto di più prossimo a una entità sovrannaturale che la scienza ha saputo scoprire».

Chi ha creato dal nulla tutto l' universo e la vita stessa, può ben riprendersi la vita dopo che - fattosi uomo per amore - è stato ucciso. Non vi pare? Si deve dunque riconoscere la possibilità razionale che Gesù Cristo sia veramente la rivelazione di Dio, cioè Dio fatto uomo, e che sia risorto in quell' aprile dell' anno 30 a Gerusalemme. Tutto questo è ragionevole.
Ed è verificabile.

La Sindone rappresenta l' umile e doloroso segno fisico di quell' avvenimento unico verificatosi in quel sepolcro. Essa infatti - ci dice la medicina legale - ha sicuramente avvolto il corpo morto del crocifisso, ma per meno di 40 ore (in quanto non ci sono tracce di decomposizione) e quel corpo si è sottratto alla legatura del lenzuolo - dopo un giorno e mezzo - senza alcun movimento (come dimostrano i coaguli di sangue intatti), come passandovi attraverso.

Un' altra prova dell' evento soprannaturale poi è il formarsi stesso dell' immagine in modo inspiegabile, anche perché non è avvenuto per contatto, ma per lo sprigionarsi di un' energia sconosciuta che ha bruciato la parte superficiale del lino lasciando un' immagine tridimensionale. Quella sua resurrezione rappresenta - per la teologia cristiana - l' inizio di una «nuova creazione», di cieli nuovi e terra nuova (come il Big Bang ha dato inizio alla creazione del cosmo). Infatti il corpo risorto di Gesù, pur essendo lo stesso corpo di carne, ha caratteristiche fisiche divinizzate, sottratte ai limiti di tempo e di spazio. È un «corpo glorioso».

La vicenda terrena di Gesù era stata già un evento eccezionale perché ha realizzato perfettamente circa 300 profezie messianiche contenute nell' Antico testamento e risalenti a secoli prima. La questione delle profezie mostra che egli era l' Atteso, il Desiderato. Ma è anche un fatto unico nella storia che indica la sua assoluta signoria sul tempo. Lui del resto manifestò poteri divini durante la sua vita terrena attraverso miracoli, segno di un potere sulla natura che nessun uomo possiede.

I suoi miracoli sono storicamente testimoniati non solo dai testi cristiani, ma anche dal Talmud babilonese (Sanhedrin 43a), per di più in una pagina polemica con i cristiani. E traspaiono dalla decisione dell' imperatore Tiberio di sottoporre al Senato di Roma - nell' anno 35 dC - il riconoscimento della religione cristiana e quindi di Gesù come «Dio».

Del resto c' è una pagina celebre di Giuseppe Flavio, lo storico ebreo-romano che scrisse attorno al 93 dC le «Antichità giudaiche», dove si parla di Gesù come «uomo sapiente, se pure lo si deve definire uomo». Gesù «compiva opere straordinarie» (cioè miracoli) e «attrasse molti a sé». Giuseppe Flavio afferma: «Egli era il Cristo». Fu crocifisso, ma «non smisero di amarlo» ed «Egli apparve loro il terzo giorno di nuovo in vita, secondo che i profeti avevano predetto di lui». Erroneamente nei tempi moderni si era sospettato che questo passo fosse un' interpolazione. Nel mio libro «La guerra contro Gesù» ripercorro le tappe degli ultimi studi che invece ne definiscono l' autenticità.

E va ricordato che Giuseppe Flavio era nato a Gerusalemme nell' anno 37 dC da una famiglia sacerdotale, quindi disponeva di testimonianze dirette. D' altra parte la prova che gli apostoli e gli altri suoi amici portavano per dimostrare che Gesù era risorto, quindi è vivo, era molto semplice: egli continuava - attraverso di loro, che erano peccatori - a operare gli stessi prodigi straordinari che aveva compiuto durante la sua vita pubblica.

Fin dall' inizio infatti gli «Atti degli apostoli» riferiscono di questi miracoli che Pietro e gli altri cristiani attribuivano non a proprie capacità, ma a Gesù presente fra loro. Tommaso d' Aquino insegna che per capire se un uomo è vivo occorre vedere se si comporta da vivo, cioè se agisce e interviene sulla realtà. Ed è esattamente questo che hanno annunciato i cristiani: «Vieni e vedi».

Il modo principale per «incontrarlo» è entrare nella comunità cristiana e sperimentare la potenza di Cristo che cambia l' esistenza e rende più uomini, più forti, rende la vita più vera e feconda. I volti dei santi fanno trasparire la sua bellezza. E le esperienze dei mistici spalancano l' eternità nel tempo. Ma i miracoli continuano a verificarsi perché egli continua a compierli da duemila anni. Basta studiare i faldoni della commissione medica della «Congregazione per le cause dei santi» per trovarne un enorme repertorio.
Come ha scoperto - da atea - la dottoressa canadese Jacalyn Duffin che ne ha dato conto in una memorabile intervista alla Bbc e in un articolo intitolato «Can a scientist believe in miracles?».

Fra questi miracoli - nel corso di duemila anni - sono stati contati circa 400 miracoli di resurrezione ottenuti dalla preghiera e dall' intercessione dei santi. Ovviamente questo tornare alla vita di persone morte è cosa diversa dalla resurrezione gloriosa di Gesù, che vivremo tutti alla fine dei tempi. Ma è una prova di quella sua resurrezione. Prova che Egli è vivo e opera.

Nei miei libri «Tornati dall' aldilà» e «Avventurieri dell' eterno» ho riferito delle resurrezioni avvenute pure oggi, grazie - per esempio - all' intercessione di padre Pio e Natuzza Evolo. Ma c' è anche la resurrezione di un bambino avvenuta nel settembre 2010 per intercessione del vescovo americano Fulton Sheen (1895-1979). C' è una sola conclusione da trarre: Egli è vivo. Ed è, misteriosamente, qui, fra noi.

Antonio Socci
@AntonioSocci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • torePirino

    torePirino

    13 Aprile 2016 - 21:09

    Costui è un matto. Promette prove della resurezzione di Gesù, e poi si limita a snoccialarci noiosissime citazioni filosofiche. Crede che Gesù sia resuscitato dalla morte? E lo dica, senza tentar di abbindolarci con le sue teorie farlocche.

    Report

    Rispondi

  • totorocco81

    13 Aprile 2016 - 12:12

    Bravo. Dopo aver risolto il mistero della resurrezione mi sento più tranquillo. Lo dirò a tutti i bambini che muoiono nel mondo che Gesù non è morto come loro. Sicuramente questo li aiuterà a sopportare la fame e i dolori che gli esseri umani "superiori" gli provocano non curanti di queste piccole ed innocenti vite. Se Dio esistesse si dovrebbe vergognare

    Report

    Rispondi

  • flaccido

    05 Aprile 2016 - 11:11

    quante baggianate in una sola pagina... fortuna per socci è nella rubrica Opinioni... fosse in quella Medicina o Scienza prendere tanti di quegli schiaffoni (metaforici) dalla comunita medica e scientifica ... che non se accorgerebbe neanche... la sua fede ottenebra il suo giudizio!

    Report

    Rispondi

  • flaccido

    05 Aprile 2016 - 10:10

    "La Sindone rappresenta l' umile e doloroso segno fisico di quell' avvenimento unico verificatosi in quel sepolcro. Essa infatti - ci dice la medicina legale - ha sicuramente avvolto il corpo morto del crocifisso" giusto un medico legale omeopata potrebbe sostenere una baggianata del genere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog