Cerca

Silvio: "Distacco di soli 7 punti"

Berlusconi: "Duello tv con Bersani. Il Pd: "Solo con candidati premier"

Il Cavaliere, galvanizzato dopo il match con Santoro, vuole la sfida. Ma il Pd risponde: "Il segretario pronto per il confronto solo con i candidati premier"

Berlusconi e Bersani

Berlusconi e Bersani, visti da Benny

Galvanizzato dalla performance a Servizio Pubblico, Silvio Berlusconi davanti alle telecamere di Studio Aperto si dice convinto della vittoria. "Non sono nuovissimo a exploit. Già nel '94 sconfiggemmo la gioiosa macchina da guerra di Occhetto" e "anche nel 2006 riuscimmo a recuperare". E dopo aver dato sfoggio di ottimismo, Silvio rilancia la sfida, alza la posta, sposta verso l'alto l'asticella e mette nel mirino il primo degli avversari: Pier Luigi Bersani.

Sfida al Pd - Il Cav riconosce l'importanza della sua partecipazione ai salotti televisivi e ammette al tg di Italia1: "Noi senza la trasmissione di Vespa e Santoro eravamo sotto di 7 punti. Non è una distanza incolmabile. Siamo convinti di vincere". L’ex premier ha poi spiegato che si aspettava un tale boom di ascolto per Servizio Pubblico: "Non sa quante persone mi hanno sconsigliato di andare nella tana del leone. L'ascolto è stato al di là delle aspettative", ha sottolineato. Il leader del Pdl ha ribadito poi come ora tutte le tv siano pronte a chiamarlo. E magari, su una di queste televisioni, vuole sfidare il candidato favorito alle prossime elezioni: il leader del Pd. Berlusconi si dice contrario ai dibattiti in cui ci sono troppi candidati alla corsa di palazzo Chigi. Silvio, ne vuole soltanto uno: "Il nostro avversario da battere è quello del Pd. Sarei felice di confrontarmi con Bersani", afferma il Cavaliere. La sfida, insomma, è lanciata. 

La fuga di Bersani - Pecato però che, prontamente, Bersani rifiuti la sfida. Anzi, si dà alla fuga. I vertici del Pd, terrorizzati, hanno spiegato che "il leader è pronto al confronto, ma soltanto con chi è candidato premier". Il leader non ha nemmeno avuto l'ardore di rispondere in prima persona. "Bersani è candidato premier del centrosinistra - hanno scritto in una nota i vertici del partito -, Berlusconi è il candidato del centrodestra? Lui o Maroni ce lo facciano sapere" perché "non è Berlusconi a decidere con chi fare i confronti - hanno proseguito le medesime fonti -, e comunque Bersani farà il confronto tv soltanto con i candidati premier". E poiché Berlusconi ha ventilato l'ipotesi che la premiership possa essere affidata ad Angelino Alfano (con lui ministro dell'Economia) ecco che la sinistra ha già trovato il modo di accampare la prima scusa per sfuggire al confronto col Cavaliere.

Alfano: "Bersani non può scegliere" - Sulla "querelle televisiva" ha detto la sua anche il segretario del Pdl nonché probabile candidato premier, Angelino Alfano, che ha spiegato: "Si è costituita una coalizione ampia e forte, che si è irrobustita al nord e al sud e che ha individuato in Silvio Berlusconi il proprio leader. Questa coalizione vincerà le prossime elezioni dicendo no all'Imu sulla prima casa e no alle tasse per gli imprenditori che assumono i giovani. Bersani - ha sottolineato l'ex Guardasigilli - non può scegliere l'interlocutore di centrodestra. Per noi il capo della coalizione è Silvio Berlusconi. Bersani - ha concluso - se ne faccia una ragione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    13 Gennaio 2013 - 17:05

    Concordo pienamente con il suo illuminato giudizio, è di una "chiarezza cristallina" peccato che non si capisca una beata fava.La ragione del contendere,mi pare di capire,è il "tiraggio" suppongo dell'amato pene che se si vota Berlusconi non tira mentre se si vota ad esempio Vendola tira.Mi permetto di farle osservare che,se proprio vogliamo guardare al pelo di.... dell'uovo mi pare che quello di Berlusconi,a parte deviazioni del caso,sia posizionato al punto giusto e perciò,per via del "tiraggio"sia più indicato(secondo natura)ad assolvere al suo compito.Tirando le conclusioni,alla fine,dopo questa banale riflessione,mi vedo costretto a darle torto e suggerirle in futuro di fare ragionamenti con termini più appropriati.Voi tirate a sx(dalla parte sbagliata,quella posteriore maschile) noi a dx (dalla parte giusta femminile). Saludos amigos no pasaran

    Report

    Rispondi

  • Lucius Of March

    13 Gennaio 2013 - 13:01

    Lombardo è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Piero Grasso questo lo sa e lo sa pure Bersani. Ma si sa quando servono voti la coerenza non serve. Basta solo fare le alleanze giuste pur di arrivare a palazzo Chigi. Libero del 7/1/2013 http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1155702/Bersani-resuscita-Lombardo---vuole-il-Senato-e-la-Sicilia--E-Pietro-Grasso-cosa-dice--------.html

    Report

    Rispondi

  • Fr

    13 Gennaio 2013 - 13:01

    Basta leggere i commenti dei piddini infiltrati qui su Libero per capirlo. Non sanno fare altro eccetto che usare un linguaggio da scaricatori di porto. Sono proprio una quinta colonna formata da infiltrati e traditori della patria.

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    13 Gennaio 2013 - 13:01

    Ha SEMPRE rifiutato il confronto col suo avversario politico. Lo ha accettato solo con Occhetto (quando doveva "presentarsi" e l'esito era incerto) e con Prodi quando tutti sondaggi lo davano perdente. Anche Berlusconi era un "coniglio"?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog