Cerca

La fregatura

Bonus Irpef: per dare 80 euro a pochi Renzi taglia mense e asili

Bonus Irpef: per dare 80 euro a pochi Renzi taglia mense e asili

Nonostante tutte le dichiarazioni di principio, Matteo Renzi per dare gli ormai celebri 80 euro che sono al centro della sua campagna elettorale per le Europee, taglierà servizi pubblici essenziali anche agli stessi percettori del bonus. L’ha scoperto il quotidiano finanziario Italia Oggi che nel suo inserto settimanale sugli enti locali ha notato le voci elencate nella tabella A del decreto legge collegata alla spending review degli enti locali prevista dall'articolo 47 dello stesso testo (“Concorso delle Province, delle Città metropolitane e dei Comuni alla riduzione della spesa pubblica”). La tabella elenca una serie di codici informatici del sistema Siope (Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici) che dovrebbero contenere le voci dei consumi intermedi della pubblica amministrazione da ridurre proprio per finanziare il bonus concesso ai lavoratori dipendenti (ed esteso anche ai disoccupati da una circolare della agenzia delle Entrate). A sorpresa però sono inseriti i codici Siope di alcuni servizi essenziali per i cittadini che dovranno subìre le forbici esattamente come le voci più comuni dell’acquisto di beni e servizi. Verranno tagliati settori delicatissimi come la sanità, il trasporto pubblico locale e la scuola. Nella spending review pensata da Renzi e dal suo ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan per gli enti locali, e che dovrà dare nel giro di un triennio 2,192,6 miliardi di euro (444,5 milioni subito) sono stati inseriti infatti anche settori socialmente più che sensibili. Come quello al codice Siope S1302, “Contratti di servizio per trasporto”, o quello al codice S1303, “Contratti di servizio per smaltimento rifiuti”. Ma soprattutto la scure si abbatte su “Mense delle scuole” (codice S1334), “Servizi scolastici” (codice S1335) e sul delicatissimo capitolo della “Rete di ricovero in strutture per anziani/minori/handicap ed altri servizi connessi” (codice S1333). I tagli alla spesa degli enti locali ovviamente incidono sulla cassa di Comuni, Province e Città metropolitane, ma inevitabilmente sono destinati a riflettersi sui servizi a disposizione dei cittadini.


Se tagli i costi del trasporto locale, è facile che di conseguenza aumentino i prezzi del biglietto della metropolitana o del bus. Se tagli i costi delle mense e dei servizi scolastici, è ovvio che debba scendere la qualità dei pasti e che le scuole siano costrette a chiudere o limitare alcune attività per risparmiare (ad esempio l’apertura di una palestra al pomeriggio). L’alternativa- che qualcuno seguirà è quella di chiedere all’utenza, e quindi ai cittadini, un contributo finanziario per pagare parte dei servizi offerti e tenere lo stesso livello qualitativo. Ancora più delicata la sforbiciata decisa a servizi socio-sanitari come quelli dei ricoveri in residenze sanitarie per anziani, in case protette per minori e nelle strutture che si occupano di persone con gravi handicap. In questi casi è praticamente impossibile ridurre i servizi, che sono essenziali, e per ottenere quei risparmi diventerà necessario aumentare la voce di spesa per i contribuenti. Formalmente si tratta di un taglio alla spesa, ma diventerà un aumento della pressione fiscale e contributiva che eroderà per chi ha bisogno di quei servizi (dalle famiglie con figli in età scolare a quelle che hanno bisogno delle cure e dei servizi sociali per i nonni non più autosufficienti) una parte non irrilevante di quegli 80 euro mensili concessi come bonus dallo stesso decreto legge.
Fra le voci di spesa che dovranno essere tagliate ce ne sono altre che rischiano di trasformarsi in un problema sociale non irrilevante, visto che non si tratta di banali acquisti di beni di consumo della pubblica amministrazione. Ancora nella sanità saranno interessati dalla sforbiciata anche i capitoli “Medicinali, materiale sanitario e igienico” (codice S1206) e “Accertamenti sanitari resi necessari dall’attività lavorativa” (codice S1321). Potrà avere rilevanza sociale anche il taglio al capitolo del “Lavoro interinale” (codice S1305). I tagli proposti per altro sono quasi imperativi, perché il governo ha inserito all’interno di quell’articolo del decreto sulla spending review anche una clausola di salvaguardia. Se gli enti locali non caleranno le forbici sui capitoli di spesa sopra elencati, quei soldi attesi saranno comunque presi dal governo centrale che si tratterrà quel che manca dalla quota Imu da riversare ai Comuni o dall’Ipt dovuta alle Province.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frange2121

    22 Maggio 2014 - 22:10

    sono 640 euro anno per il 2014 per 8 mesi sono 80 euro mese....per il 2015 saranno ( se ci sarà la copertura) 53.34 euro mese ( che per 12 mesi sono 640 euro) il sig. Renzi prende tutti in giro

    Report

    Rispondi

  • renzo126

    19 Maggio 2014 - 11:11

    OLTRE A TAGLIARE GLI 80 EURO VENGONO DATI SOLO ALLE AZIENDE CON I VERSANMENTI DEI CONTRIBUTI IN REGOLA.SAPETE QUANTE SONO LE AZIENDE IN REGOLA IN ITALIA ,SONO IL 30% PERTANTO IL 70% NON VEDRA' NIENTE.BRAVO RENZI MENO MALE CHE ARRIVA GRILLO CHE TI SPACCA IN DUE E TI FARA' SPARIRE

    Report

    Rispondi

  • encol

    19 Maggio 2014 - 08:08

    Ma questo grandissimo fanfarone si rende conto che abbiamo quasi 1Mln. di cassintegrati, O NO? Da due mesi la sta menando con gli 80 Euro per distogliere l'attenzione da altri problemi molto molto più seri e gravi mentre lui continua con le buffonate della visita alle scuole, fanfaronate a go-go , quasi ogni giorno una bufala nuova. Sig. Presidente chi ci ha mandato ?

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    18 Maggio 2014 - 15:03

    la spending review è indipendente dal bonus. Se pdl e pd si fanno la guerra, con la complicità di chi fa informazione, è sicuro che vince grillo. Difficile da capire?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog