Cerca

Nervi tesi

Riforma della giustizia, Anm contro Matteo Renzi: "Giudici lumaca? Ci offende"

Riforma della giustizia, Anm contro Matteo Renzi: "Giudici lumaca? Ci offende"

Chi tocca la giustizia, muore. Il precedente più roboante fu quello di Clemente Mastella, Guardasigilli ai tempi di Prodi, che varò la riforma delle toghe e finì per dimettersi perché coinvolto con la moglie in una discussa inchiesta conclusasi con un nulla di fatto. Silvio Berlusconi non ci ha provato nemmeno, bloccato dal catenaccio selvaggio delle toghe (con cui ha da sempre un rapporto, eufemismo, complicato) e, suggeriva qualche collega malizioso, anche dalle resistenze di molti onorevoli avvocati. Ora è il turno di Matteo Renzi, che con il suo ministro Andrea Orlando ha intavolato un pacchetto di interventi a due facce. Da un lato le misure sulla giustizia civile, con un decreto legge e dunque da rendere subito attuativo con il voto in Parlamento. Sulla giustizia penale, il vero nodo gordiano, si è limitato invece a una legge delega al Parlamento: la riforma, dunque, se nascerà sarà tra Camera e Senato e non a Palazzo Chigi. Una patata bollente affidata alle due Aule che sa tanto di nulla di fatto. Anche perché l'Anm è già scesa sul piede di guerra, e si sa che a Montecitorio e Palazzo Madama in tanti soprattutto a sinistra sono sensibili ai gridi di dolore della magistratura. 

Le novità del decreto - Renzi ha portato a casa falso in bilancio, auto-riciclaggio e nuova prescrizione. Sulle intercettazioni, affidate a una delega, Renzi e Orlando chiariscono di non voler mettere alcun "bavaglio" ai magistrati, mentre Angelino Alfano e Ncd premono perché nel testo base della riforma si faccia riferimento all'articolo 15 della Costituzione, "sulla inviolabilità del diritto alla libertà e alla segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione". Di sicuro, sarà impossibile usare (e dunque pubblicare) le intercettazioni di soggetti terzi coinvolti solo incidentalmente dalle inchieste. Niente delega, invece, ma ddl sulla prescrizione bloccata: si bloccherà dopo la condanna in primo grado per, spiega il ministro Orlando, "disincentivare le condotte dilatorie". Tra primo grado e Appello resta l'intervallo massimo di due anni, che diventa uno solo tra Appello e Cassazione. Falso in bilancio e auto-riciclaggio la vittoria è tutta del ministro, che porta a 6 anni la pena per il primo reato (che Berlusconi, con Alfano, abbassò da 5 a 2) e a 8 quella del secondo. 

Anm: "Magistrati lumaca? Ci offende" - A far imbestialire l'Associazione nazionale magistrati sono stati soprattutto i toni usati da Renzi soprattutto in merito alla lentezza dei procedimenti civili. "Giudici lumaca", ha ironizzato il premier suggerendo per loro la possibilità di azioni disciplinari. E poi c'è tutta la sfilza di misure rigorose: Tribunali chiusi solo per 20 giorni in estate, con vacanze dimezzate per tutti gli addetti ai lavori, e la responsabilità civile dei magistrati. "Chi sbaglia paga", ha ammonito Renzi. "Lumache? Il premier ci offende - è la replica piccata dell'Anm per bocca del presidente Rodolfo Maria Sabelli -, la magistratura italiana è tra le più produttive in Europa". E la misura sulla responsabilità civile è "una semplificazione, E' affrettato togliere il filtro, senza fare prima una reale verifica di come ha funzionato al di là delle chiacchiere".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    30 Agosto 2014 - 15:03

    "...la magistratura italiana è tra le più produttive in Europa". Sig. Sabelli, ci faccia il piacere di non raccontare panzane. La magistratura italiana è quanto di più abominevole si possa immaginare, priva di responsabilità e di controllo, e caratterizzata da atteggiamenti indisponentemente apodittici come il suo. E, purtroppo per gli Italiani, Renzi oltre le chiacchiere non andrà.

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    30 Agosto 2014 - 14:02

    Finché esiste una ANM che si offende per una cosa che è riconosciuta da tutti, non si potrà mai fare una seria riforma della magistratura. Sì, della magistratura, perché il problema in Italia non è la Giustizia ma chi l'amministra in modo improprio! Si elimini l'anm, si riformi il Csm, poi si potrà cominciare a riformare la magistratura, ma completamente, non parzialmente!!!

    Report

    Rispondi

  • milibe

    30 Agosto 2014 - 13:01

    non è una novità che chi tocca le toghe muore! magistratura cancro italiano

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Agosto 2014 - 11:11

    Altra riforma epocale che nn risolve alcun problema! Renzi, qualsiasi sia l'argomento sul tavolo, si rifiuta categoricamente di prendere il toro x le corna. Continua a presentare riforme che nn riformano nulla, smussando gli angoli e rifiutando la battaglia contro i poteri costituiti e le posizioni di rendita. E meno male che era un rottamatore, sembra il più conservatore dei democristiani!

    Report

    Rispondi

blog