Cerca

L'affondo del Cav

Pdl, Berlusconi: "Mai col centrino del professorino Monti"

Pdl, Berlusconi: "Mai col centrino del professorino Monti"

Nessuna alleanza possibile con il Centrino e "il Professorino" Monti. Silvio Berlusconi torna all'attacco e torna sulla proposta indecente di Mario Monti, che nei giorni scorsi ha teso una mano al Pdl a patto che metta da parte il Cavaliere, "tappo alle riforme". Concetto ribadito anche oggi, sabato 26 gennaio. "No, io non credo che ci sia nessuna possibilità di collaborazione tra noi e questo 'centrino' che annovera Casini, Monti e Fini. Sono personaggi con cui abbiamo avuto a che fare in passato, e che per tanto riteniamo non siano davvero possibili come nostri interlocutori", ha tagliato corto Berlusconi in un'intervista all'emittente televisiva T9. Poi via a un commento tra il serio e il sarcastico. Con riferimento, per i cinefili, alla celebre commedia sexy all'italiana di Alvaro Vitali, in salsa tecnico-pecoreccia: "Se vinceste cinquanta mila euro al totocalcio a chi li dareste per investirli? A un professorino come Monti che ha sempre visto e guardato l'economia dal buco della serratura della sua aula?". Ma il Cav ce l'ha anche con Bersani, "politico mestierante, come Fini e Casini", con Vendola "che vuole mandare i ricchi all'inferno". "Io gli ho detto - ha proseguito il leader Pdl - che invece mi piacerebbe mandare lui nel paradiso Comunista di una Corea per esempio, dove ancora c'è il comunismo ortodosso". E a proposito di sinistra, non è mancato l'affondo al Partito democratico sullo scandalo Monte dei Paschi di Siena: "Il Pd non sa gestire una banca, figuriamoci il paese...". Bersani colpito e affondato.


Rimonta costante - Berlusconi ha poi parlato delle prospettive elettorali, con il Pdl che appare in rimonta. 
"Io credo che abbiamo fatto un piccolo miracolo recuperando 10 punti in meno di un mese. I dati che noi abbiamo sono diversi di quelli pubblicati da Repubblica, io credo di più ai dati Euromedia. E confido che i dati Euromedia siano quelli della realtà. Esiste ancora un numero importante di elettori che sono nell'area del non voto. Gran parte di questi elettori, quasi il 50% sono elettori che nel 2008 ci avevano dato il loro voto".  "Noi - aggiunge l'ex premier - contiamo di poterli far riflettere su quella che è stata la causa della loro delusione, il perché noi abbiamo sostenuto i provvedimenti di questo Governo dei tecnici. Ho fiducia nel fatto che noi possiamo portare a casa ancora quel 40% di elettori del 2008. Con questo confido di poter avere la maggioranza con il nostro partito, e solo con il nostro partito in parlamento e di utilizzare subito questa maggioranza per modificare la costituzione e rendere il nostro paese finalmente governabile". 


Meno tasse, tagli alla spesa - La ricetta per convincere i delusi è chiara: meno tasse.
 I 16mld che il Pdl si impegna a ricavare da una riduzione del costo dello Stato "saranno poi divisi in due parti: una parte per quanto riguarda il debito pubblico ed altre cose, l'altra parte per ridurre le imposte sulle imprese, per arrivare alla progressiva sparizione dell'Irap e l'altra metà sulle famiglie per dare il via a quel quoziente familiare che da tempo riteniamo sia il sistema migliore per far gravare meno tasse a chi è gravato da due, tre, quattro figli, rispetto a chi è single". Il compito primario sarà comunque ridurre il costo della macchina dello Stato: l'obiettivo, ambizioso, è tagliare "16 miliardi l'anno per quattro anni e 80 il quinto anno"

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lorenzovan

    28 Gennaio 2013 - 15:03

    purtroppo..dopo aver letto il suo post su mussolini..devo dedurre che lei ha preso il lato peggiore dei sardi (la testardaggine) e quello dei piemontesi( la grettezza) brutta sintesi

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    28 Gennaio 2013 - 10:10

    come al solito il Trinariciuto BANANAS non risponde a fatti e cifre offende, solo quello sai scrivere, deficente che non sei altro... l'incapacità della centro destra(se così si può chiamare). i fatti: alitalia: 4 mld buttati nel cesso; Verdini accusato di reatucci non proprio leggeri (fra i quali BANCAROTTA FRAUDOLENTA e TRUFFA ALLO STATO); lega: la LORO banca già FALLITA, oltre altre belle cosette: per esempio Belsito vice presidente di Fincantieri. COGLIONE. oltre la manovra 2011 del PDL LEGA che è costata 145 mld di euro: 5.766 € a famiglia (Monti costa 2.500€ a famiglia). questi sono fatti, ma da un TRINARICIUTO BANANAS COME TE cosa ci si può aspettare? http://www.cgiamestre.com/2011/12/sorpresa-il-decreto-%E2%80%9Csalva-italia%E2%80%9D-e-lievitato-di-3-volte/ IDIOTA!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    27 Gennaio 2013 - 19:07

    Dai coglioni come te e quell'altro imbecille di Renatino il coglioncino,non ci si può aspettare che capiscano perchè Silvio non abbia mantenuto parte delle promesse elettorali,e non ci tento neanche io,tanto siete coglioni e non vi salva nemmeno un'operazione chirurgica.Siete e morirete coglioni,questo è il vostro destino.Poi quando hai tempo dimmi cosa hanno mantenuto i governi di sinistra,coglione.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    27 Gennaio 2013 - 18:06

    eh..no..eh...! oggi proprio no...! non potete darci lezioni di vita, visto che in questi giorni abbiamo scoperto che il PPDD è il più grande ladro tangentaro di tutta la storia della repubblica!!! abbiate almeno il buongusto di tacere sinistrati!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog