Cerca

L'indicsrezione

Il retroscena: Piero Grasso possibile candidato alla Corte Costituzionale

Pietro Grasso

Inizialmente era una provocazione politica che poi ha cominciato ad avere sempre più consistenza. E, come scrive Dagospia, è stata guardata con interesse da più parti politiche soprattutto dopo la diciassettesima seduta andata a vuoto per l’elezione dei due membri della Corte Costituzionale.
L’idea che serpeggia all’interno del Pd è quella di candidare Piero Grasso alla presidenza della Consulta (ma non è affatto scontato il suo interesse e la sua volontà).

Le motivazioni - Il punto di partenza di questo ragionamento è che Grasso avrebbe un consenso massiccio. In questo modo, stando alle indiscrezioni di Dagospia, si “salverebbe capre e cavoli”, in quanto i senatori di tutti gli schieramenti non non possono più di come l’ex procuratore antimafia conduce i lavori parlamentari e se ne libererebbero molto volentieri. Ma ci sarebbe anche un altro effetto: si libera una casella che può essere strategica per sancire anche da un punto di vista istituzionale il patto del Nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dario zinzilli

    14 Ottobre 2014 - 17:05

    Grasso sarebbe una iattura.

    Report

    Rispondi

  • natalinogiarrocco

    14 Ottobre 2014 - 17:05

    Solo dalla sinistrosa si poteva partorire questa idea del ca....zo

    Report

    Rispondi

  • dario zinzilli

    14 Ottobre 2014 - 17:05

    Sarebbe comunque una IATTURA...

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    14 Ottobre 2014 - 17:05

    io sono daccordo la boldrini se ne deve andare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog