Cerca

Parla il leader

Casapound, l'intervista a Gianluca Iannone: "Il nostro nemico comune è questa Unione Europea"

Gianluca Iannone

Gianluca Iannone è il cuore e la mente di CasaPound Italia, e sabato ha guidato un bel gruppo dei suoi ragazzi - oltre duemila - in corteo per le strade di Milano assieme ai militanti della Lega, sventolando bandiere con il simbolo dell’Ue sbarrato. Segno che di questa forza non si può non tenere conto, tanto che alle ultime Europee, grazie al sostegno di Cpi, il Carroccio ha eletto Mario Borghezio.

Lo slogan della manifestazione era «stop invasione». Ma le invasioni sono più di una, per voi.
«Certo. Esiste l’invasione immigratoria, che viaggia sulle ali di politiche criminali come Mare Nostrum e che è voluta e sostenuta dall’associazionismo cattocomunista, in questo convergente con gli interessi di certo padronato. Ma esiste anche l’invasione delle potenze straniere che si accaparrano i nostri asset strategici, grazie anche alla complicità di governi che agiscono da curatori fallimentari. E, perché no, esiste un’invasione spirituale di sottoprodotti culturali pseudoamericani: penso a certi rapper che si improvvisano autorità morali…».

Perché avete deciso di costruire un rapporto con la Lega?
«Con la Lega c’è un dialogo aperto, che nella manifestazione di sabato ha visto un'ottima base di partenza. Salvini sta ampliando gli orizzonti della Lega per costruire, fuori dal centrodestra, un soggetto di carattere nazionale, a partire da pochi punti chiari: lotta all'immigrazione, contestazione delle politiche criminali della Ue, asse privilegiato dell’Italia con la Russia. Sono nostre battaglie da sempre».

La Padania ha parlato nei giorni di scorsi di costituzione di un «fronte identitario» che unisca diverse forze. Un’idea che ha già spaventato alcuni giornali, tipo Repubblica, che hanno sventolato lo spauracchio della «cosa verde-nera». Lei che ne pensa?
«Quando Repubblica si spaventa significa che si sta facendo bene. Lascerei comunque da parte le semplificazioni giornalistiche sulla “cosa verde-nera” e andrei alla sostanza: ci sono importanti battaglie comuni da combattere, cominciamo da quelle e poi vediamo».

Come valuta il modello francese della Le Pen e del suo fronte nazionale? Può valere anche per l’Italia?
«Valuto l’esperienza del Front national con molta simpatia, anche se in talune occasioni mi sarebbe piaciuto che Marine Le Pen avesse ascoltato più suo padre che qualche consigliere dell’ultim’ora. Ciò che stanno facendo in Francia resta comunque storico. In Italia dovremmo importare soprattutto la sua capacità di saper essere oltre la destra e la sinistra: in Francia oggi il Fn è il primo partito operaio e ha il programma socialmente più avanzato. Ma anche su questo Salvini mi sembra avere le idee chiare».

Qualche mese fa Simone Di Stefano, vicepresidente di Cpi, si è preso una condanna pesantissima (tre mesi) per un gesto altamente simbolico: ha tolto il vessillo dell’Ue dalla sede romana. È l’Unione Europea, oggi, il nemico dell’Italia?
«L’Ue usurpa un nome bello e importante, come quello dell’Europa. Un continente che dovrebbe essere l'avanguardia delle battaglie per la libertà e la sovranità nel mondo e che invece, a causa di una casta di funzionari grigi e senza identità, rappresenta l’esatto contrario. Per gli italiani, oggi, la bandiera dell’Ue è in filigrana dietro al precariato, ai tagli alla sanità e alla scuola. Ue significa governi non eletti, banche onnipotenti, devastazione della nostra produzione agroalimentare, concorrenza sleale da parte di Paesi ad economia schiavista. Se questa è l’Ue, sì, è nemica dell'Italia. Ma l’Europa fortunatamente è altro».

intervista di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    06 Novembre 2014 - 13:01

    "Il nostro nemico comune è questa Unione Europea" che con la sua "troppa" civiltà (masochista) non si accorge che l'invasione islamica va bloccata al più presto per evitare problemi più gravi in futuro.

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    21 Ottobre 2014 - 16:04

    grande

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    21 Ottobre 2014 - 15:03

    è incredibile come noi italiani siamo legati alle cose vecchie e ammuffite

    Report

    Rispondi

    • blues188

      21 Ottobre 2014 - 18:06

      Infatti, andresboli, infatti. Vedere che da noi esistano ancora i comunisti è un disonore che non riusciamo a superare. Manca di leggere anche Vie Nuove e poi siamo a posto.

      Report

      Rispondi

      • andresboli

        21 Ottobre 2014 - 18:06

        la conferma di quanto esposto! ancora gente che crede ai comunisti

        Report

        Rispondi

  • marcomasiero

    21 Ottobre 2014 - 15:03

    nipotedimubarak chissà quante belle cosette salterebbero fuori se si andassero a perquisire per bene certi ambientini radical chic di sinistra partendo dagli "antagonisti" passando per i kompagnikesbagliano e finendo a sedi di partito rosse e se si affrontassero le coop con la stessa attenzione .... chissà ... sarei davvero curioso ...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog