Cerca

Il retroscena

La grazia a Silvio Berlusconi, Angelino Alfano racconta cosa accadde al Quirinale

La grazia a Silvio Berlusconi, Angelino Alfano racconta cosa accadde al Quirinale

"Quello che a me appariva un gran risultato in realtà era il nulla, restai delusissimo". A parlare è Angelino Alfano che, in una delle ultime anticipazioni da Italiani volta gabbana, l'ultimo libro di Bruno Vespa in uscita oggi, 6 novembre, racconta l'incontro avvenuto a settembre 2013 al Quirinale con Giorgio Napolitano. "Chiesi un appuntamento al presidente della Repubblica e gli preannunciai al telefono che volevo parlargli della grazia" a Silvio Berlusconi. All'epoca le condizioni per la concessione della grazia al Cavaliere, a sentire lo stesso Berlusconi intervistato da Vespa erano due: dimissioni da senatore e rinuncia all'attività politica. Ma Alfano era riuscito, a suo dire, a strappare qualcosa di più clamoroso in ritorno dal Colle, che però fu accolto con freddezza dall'entourage del Presidente a Palazzo Grazioli: su tutti, pesò il no di Niccolò Ghedini (avvocato, deputato Pdl e consigliere del Cavaliere).

 

Alfano al Quirinale - "Preparai con Berlusconi l'incontro con Napolitano, che avvenne nella tarda mattinata del 24 settembre - spiega Alfano - e il presidente della Repubblica mi ascolta con grande serietà, rinnovai formalmente a nome del Pdl la richiesta che Berlusconi fosse nominato senatore a vita, poi entrammo nel merito della grazia. Il presidente mi dice quattro cose: 1) Se Berlusconi si dimette prima del voto sulla decadenza evitando al Senato un grande trauma, lui è pronto a concedergli la grazia. 2) E' disponibile anche a rivedere le condizioni (mentre finora Napolitano aveva detto che avrebbe esaminato una domanda, ora si dimostra disponibile a riconsiderare l'ipotesi di un gesto unilaterale). 3) Aggiunge di essere pronto a diffondere un comunicato in cui dice che il giudizio penale sul caso Mediatrade riguarda il Berlusconi imprenditore e che la sua biografia è in raltà molto più articolata. 4) Si dice infine disponibile a fare un appello al Parlamento in favore di un provvedimento generale di amnistia e indulto".

Alfano a Palazzo Grazioli - Con questi quattro capi saldi dalla sua Alfano torna da Berlusconi con la buona notizia: "Benché graziato e senza più il seggio di senatore" il cavaliere "avrebbe potuto continuare a esprimere liberamente le sue idee". In soldoni non gli era pregiudicata nessuna agibilità politica. Ma Berlusconi, sempre secondo quanto afferma il capo del Viminale lo ascoltò senza replicare, "Quello che a me appariva un gran risultato in realtà era il nulla, restai delusissimo, ribadii che, se non si fosse dimesso, sarebbe comunque decaduto per le norme della legge Severino". Poi entrò Niccolo Ghedini e disse che la proposta di Napolitano equivaleva a far ritirare il Cavaliere dall'attività politica" e non se ne fece niente. Infine "entrò Berlusconi, e disse solo 'andiamo a pranzo' e non se ne parlò più."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlooliani

    09 Novembre 2014 - 20:08

    Alfanomè sempre stato un po' pecorone e un po' giuggiolone. Aveva fatto un bell'affare secondo lui e crede piamente che Napolitano avrebbe fatto esattamente quello che dice!

    Report

    Rispondi

  • salvamina

    06 Novembre 2014 - 18:06

    Silvio Berlusconi un Uomo un Imprenditore, un Politico, un Presidente, ''uno'' che rimarra' nella storia d'Italia, uno che ''si odia o si ama'', uno come me anzi, migliore di me perche' ci ha saputo fare vuoi perche altruista vuoi perche intelligente ,vuoi perche' il destino, i fatti oggi parlano chiaro, ''Lui e' io no'' per cui dovrei odiarlo? affatto, il mio treno lo persi in Australia nel 1974

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      06 Novembre 2014 - 19:07

      Pure lei pregiudicato? Ex cav e bungabunga? Che culo 'sti australiani!

      Report

      Rispondi

      • carlooliani

        09 Novembre 2014 - 20:08

        Tu invece sei un poverino...

        Report

        Rispondi

  • buonavolonta

    06 Novembre 2014 - 16:04

    bravo silvio meglio non chiedere e camminare a testa alta

    Report

    Rispondi

    • bruscoloni

      bruscoloni

      06 Novembre 2014 - 19:07

      Con i capelli dipinti

      Report

      Rispondi

      • carlooliani

        09 Novembre 2014 - 20:08

        E tu magari, oltre che invidioso e livoroso sei anche pelato o con calvizie incipiente. Ma vai a fare i tuoi commenti da mentecatto sull'Unità. Ah no, è rimasto solo il manifesto per quelli come te!

        Report

        Rispondi

  • cubillas

    06 Novembre 2014 - 15:03

    Excusatio non petita, accusatio manifesta. Giuda!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog