Cerca

L'affondo del premier

Monti: "L'Europa ha paura di Berlusconi. Le critiche di Bersani infantili"

Il professore: "Col Cavaliere l'euro a rischio. E sul bilancio Ue la mia non è stata una vittoria di Pirro"

Monti: "L'Europa ha paura di Berlusconi. Le critiche di Bersani infantili"

"E' contro la mia natura essere aggressivo verbalmente, ma talvolta è necessario perché sono stato direi particolarmente insultato e aggredito". Forse è per questo che Mario Monti, negli studi di Tgcom24, si è lasciato andare ad attacci durissimi ai suoi avversari elettorali: Silvio Berlusconi ("Un pericolo per l'Europa"), Pierluigi Bersani ("Infantile" per le sue critiche all'accordo sul bilancio Ue), Nichi Vendola ("Anti-giovani"). "Può darsi che qualche volta mi sia fatto prendere un po' troppo dalla verve polemica nella quale non eccello", ha ammesso, Chissà se si riferiva anche alle cose che avrebbe detto di lì a poco, anche dal palco della convention di Scelta civica a Milano.

"Con me più dignità" - Dopo aver affrontato in maniera morbida (e un po' sospetta) il caso-Lombardia, il professore naturalmente si è cosparso un po' d'incenso sul loden: "Sono stato un buon premier. Credo che tutti insieme, come italiani, abbiamo ritrovato dignità ed orgoglio. Un passaggio poco noto dei primi mesi di governo è stato quando vari paesei euroepi e gli Usa dicevano: Ti hanno messo in mano una situazione estremamente rischiosa. Perché non chiedi al Fmi un prestito di salvataggio?. E' stato molto rischioso non chiedere questi sostegni, ma noi italiani ce l'abbiamo fatta da soli. Quando fui chiamato alla presidenza del consiglio nessuno voleva quella poltrona". E passa proprio dal ruolo del premier in Europa la chiave del risultato elettorale. 

"L'Europa ha paura di Berlusconi" - Il primo affondo è per Berlusconi. In Europa, assicura Monti, "ne hanno avuto abbastanza di un'Italia che rischia, per incapacità di decidere, di mettere a rischio se stessa, l'Eurozona e l'Europa". Quindi "è verissimo" che l'Europa non voglia Berlusconi. E da Milano ha rincarato la dose, questa volta in chiave tutta interna: "Berlusconi continua a comprare i voti degli italiani. Acquista il consenso con i soldi dei contribuenti". Il riferimento diretto va naturalmente alla proposta del Cavaliere di restituire i soldi dell'Imu pagata nel 2012 entro due mesi dall'eventuale vittoria elettorale dell'asse Lega-Pdl.

Bersani "infantile" - E alle critiche dei partiti per il risultato del vertice europeo dedicato al bilancio, Monti ha risposto: ''I risultati in Europa dello statista Berlusconi li abbiamo conosciuti, quelli di Bersani non li conosciamo e comunque è un po' infantile dire (come fatto da Bersani, ndr) siccome Cameron è contento deve essere stata una vittoria di Pirro perché è chiaro che ognuno ha la tendenza a presentare nel proprio Paese gli aspetti positivi del risultato, ma poi sono i numeri che contano e il risultato è evidente: siamo l'unico contributore netto, insieme al Belgio, a ridurre il contributo netto di cinque miliardi in sette anni e gli unici ad accrescere i fondi per la politica per la coesione''. ''E' un risultato - ha precisato il premier - interamente positivo per l'Italia, ma non sul piano europeo e noi lo abbiamo criticato'' chiedendo che ci fosse ''un bilancio più ampio e più adeguato alle esigenze di crescita".

Vendola "anti-crescita" - Monti va giù pesante anche con Vendola: "Non ho nessuna affinità con una sinistra che includa elementi i quali non sono a favore dei disoccupati e dei lavoratori, perché sostengono posizioni che pesano sull'Italia e le impediscono di essere competitiva e condannano i giovani alla disoccupazione o all'emigrazione". Pronta la replica di Vendola: "I nostri treni viaggiano su binari e direzioni opposte". A Bersani, più che una mediazione, servirà un miracolo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marco gladiatore

    13 Febbraio 2013 - 22:10

    Monti sotttomesso alla Merkel non rappresenta le attese, nè dei giovani, nè del popolo italiano. Ha seccato la fonte (i soldi degli italiani) non ha tappato i buchi (della pubblica amministrazione e servizi pubblici), considera i contribuenti come dei limoni da spremere, manda via le barche degli italiani, scaccia gli investimenti con le minacce di tasse inique, ha favorito i cinesi (non mettendo dazi), soccombe alla Merkel che devo dire rappresenta degnamente un popolo egoista e dispotico che cerca di trovare nella stupida e debole politica italiana la sponda per conquistare lo dtivale. Un pò come ai tempi del loro nonno HItler, per ora con l'arma del ricatto economico, poi chissà ???... Ecco perche non vogliono un interlocutore autorevole come Berlusconi. Bisogna resistere !!! Marco Gladiatore

    Report

    Rispondi

  • raucher

    11 Febbraio 2013 - 13:01

    Ma di Grillo o Ingroia no?

    Report

    Rispondi

  • encol

    11 Febbraio 2013 - 12:12

    Senza entrare nel merito del voto, ma uno che promette di restituire l'IMU pagata dagli italiani secondo lei che cosa dovrebbe dire? Mi pare logico che la restituirà se sarà messo in condizioni di farlo ovvero essere al governo ed in 2° analisi è logico che restituisce l'IMU pagata dagli italiani ovvero SOLDI LORO. Quindi la frase "Compra voti con i vostri soldi" NON ha senso è chi la pronuncia che ha dei problemi seri.

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    11 Febbraio 2013 - 12:12

    vuol dire che Berlusconi è uno che non si inginocchia e porta avanti le sue idee anche contro l'Europa,una Europa disunita che non cresce perchè affamando i paese in difficoltà non sa poi come usare le eccellenze che sono solo di questi paesi. Con queste parole monti ha dimostrato solo di essere un rinnegato italiano solo per salvare la faccia ma con nessuna sostanza.ECCO PERCHE' PIACE IN EUROPA E SPECIALMENTE ALLA GERMANIA. E' SOLO UN BAMBOCCIO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog