Cerca

A mai più rivederci

Adesso è tutto Fini-to:
chiude Futuro e Libertà,
Gianfry lascia la politica

Ultimo atto per l'ex presidente della Camera, che si ritira dopo aver fatto danni in quattro partiti. I futuristi l'avevano già tradito da tempo

Gianfranco Fini

Gianfranco Fini

di Gianluca Veneziani

Forse è destino di tutti i traditori essere traditi. Oggi Gianfranco Fini convocherà a Roma l’ultima assemblea nazionale di Fli, in cui comunicherà la sua decisione di abbandonare la guida del partito e la politica, smarcandosi dagli altri futuristi, che lavorano da tempo a un riavvicinamento con gli ex-An e Berlusconi. Si tratta dell’ultimo atto della commedia «Quattro matrimoni e un Fini-rale»: Fini si è sposato quattro volte, nell’ordine con Msi, An, Pdl e Fli, e adesso celebra il suo funerale politico. D’ora in poi si ritirerà a vita privata oppure darà luogo a una fondazione, per far politica, ma da lontano. Curioso che abbia ancora la forza di «fondare», un uomo che ha sfasciato tutte le compagini di cui è stato parte. Il compito di liquidare Fli verrà affidato a un triumvirato, composto dagli ultimi fedelissimi Roberto Menia, Aldo Di Biagio e Daniele Toto. Anche qui, il segno di un declino progressivo. L’ex leader di An è passato dal triumvirato vincente Berlusconi-Bossi-Fini a quello scadente Casini-Fini-Rutelli fino a quello suicida Casini-Fini-Monti, che ne ha decretato la morte politica. Il trio di ricambio Menia-Di Biagio-Toto avrà solo la funzione del rimpiazzo, per rimuovere il ricordo del Cesare caduto. Stando alle indiscrezioni, Fini dovrebbe dimettersi, sostenendo di «non voler essere d’ostacolo» ai progetti futuri degli altri esponenti di Fli, ma anche di «non sentirsi l’uomo della riappacificazione», visto che «nessuna riconciliazione è possibile con il Cavaliere», il cui progetto di destra «non è compatibile» con quello di Gianfranco. Da qui l’aspra disillusione di Fini verso i suoi, da cui dice di sentirsi tradito. 

Come Cesare, anche l’ex leader di An è stato «eliminato» dai suoi più stretti collaboratori. Gli ex amici e camerati che lo avevano seguito nella disperata avventura futurista, i 44 gatti (34 deputati e 10 senatori) che nel 2010 avevano costituito Fli sotto la sua guida, lo hanno via via rinnegato e abbandonato. Rimasti in pochi prima delle ultime Politiche, dopo la débâcle elettorale di febbraio hanno tagliato gli ormeggi definitivamente, lasciando solo il Capo. In primis, Adolfo Urso, Andrea Ronchi, Giuseppe Scalia e Antonio Buonfiglio, già transfughi nel 2011, hanno iniziato a interloquire, tramite la fondazione FareItalia, con gli ex An confluiti nel Pdl e Fratelli d’Italia, nella speranza di ricostruire una forza di destra. Qualche giorno fa Urso scriveva sul suo account Twitter: «Abbiamo un anno per riformare la destra italiana senza rancori e senza nostalgie». Sicuramente, senza Fini. Quindi Fabio Granata, Flavia Perina, Gianfranco Paglia, Claudio Barbaro e Giorgio Conte, all’indomani della scoppola delle urne, hanno considerato conclusa l’esperienza di Fli e dato vita a un movimento, Politica oltre, che si propone di superare la destra e la sinistra, recuperando motti di reminiscenza rautiana («Andare oltre»); di politica di destra culturale e credibile, post-finiana, parlano poi gli esponenti della Fondazione Tatarella (tra cui Salvatore e Fabrizio Tatarella, fratello e nipote di Pinuccio).

Anche i fedelissimi hanno presto mollato la barca che affondava. Donato Lamorte, storico tesoriere di An e amico personale di Fini, capace di difenderlo durante la tempesta dell’affaire Montecarlo, ha recentemente preso parte a un incontro con Pasquale Viespoli, Mario Landolfi, Gennaro Malgieri e Silvano Moffa (proprio colui che, nel dicembre 2011, decise all’ultimo di non votare la sfiducia a Berlusconi). Gli stessi membri del futuro triumvirato trattano con l’ex nemico. Roberto Menia il 16 maggio parteciperà a Palermo a un convegno su An organizzato da Domenico Nania del Pdl; Aldo Di Biagio è in dialogo costante con gli uomini di Fratelli d’Italia, da Ignazio La Russa a Fabio Rampelli: l’obiettivo è creare una grande Cosa di destra, che coinvolga pure il partito di Storace. Poi ci sono gli ex finiani che ormai sono approdati in altri lidi: Enzo Raisi è tra i firmatari del documento di rinnovamento di Fare per fermare il declino (sì, proprio l’ex partito di Giannino), mentre Benedetto Della Vedova è stato eletto in Parlamento con Scelta Civica di Monti. Pure tra i futuristi della Capitale tira aria di defezione. Gregorio Esposito, già presente nelle liste di Fli alle Politiche, si candiderà alle amministrative con Alemanno. Paola Guerci, anche lei un passato futurista, si schiererà in lista, per il Consiglio comunale di Roma, con Fratelli d’Italia. 

L’unico che pare essere rimasto fedele a Fini è Italo Bocchino, ora tornato a fare il giornalista a Il Secolo d’Italia. Esattamente 25 anni fa, l’8 maggio 1988, Fini – appena eletto segretario del Movimento Sociale – consegnava al leader della destra nazionalista francese, Jean-Marie Le Pen, la tessera ad honorem del Msi, rivendicando il diritto della destra italiana  di consolidarsi come forza europea. A un quarto di secolo di distanza, di quel sogno restano solo i frantumi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunom

    21 Giugno 2013 - 09:09

    aria piu' pura dopo la rimozione di questa mummia ammuffita. Puo' sempre mettersi con Gaucci, tra poco diventera' anche lui un ex, perche' la bionda volera' verso nuovi amori.

    Report

    Rispondi

  • egregio

    20 Giugno 2013 - 23:11

    Che differenza c'è tra il cacciare un attivista del M5S e tacciare i grillini di essere come i partiti assolutisti dell'Europa dell'Est e il cacciare Fini dal Pdl. Non c'è differenza, si sono solo applictae due pesi e due misure. La solita ipocrisia della politica e della stampa italiana, specie quella di centrodestra.

    Report

    Rispondi

  • antorno

    20 Giugno 2013 - 22:10

    Nessun onore delle armi al "vinto" Fini. Irretito da una spregiudicata e arrivista femmina,ha creduto di poter essere lo stratega della nuova Destra,invece s'è unito al coro degli anti-CAV,non capendo di rovinare il Centro-Dx, di essere usato dai sinistri.Verrà mollato anche dalla Tulliani,lo manterremo con la pensione di parlamentare finchè campa. PICCOLO INSIGNIFICANTE UOMO !

    Report

    Rispondi

  • durgeno

    20 Giugno 2013 - 21:09

    secondo me è sbagliato maledire, predire, diffamare. non porta a soluzioni. tradimento è parola troppo grossa per le questioni di cui trattasi. Fini è solo un pensatore politico che ha commesso errori di pensiero (come tutti noi). Diversamente da altri ho notato un grande rispetto verso Berlusconi pur nella dura disputa. Forse anche una nota d'affetto non percepita dai più. e poi...voglio provocare...se Fini avesse lanciato ripetutamente ciambelle di salvataggio a chi stava per affogare? pensieri pensieri pensieri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog