Cerca

La provocazione

Kyenge:
"Posto pubblico agli immigrati"
e gli italiani restano disoccupati

Cecilie Kyenge

Cecilie Kyenge

di Ignazio Stagno

Il Ministro dell'integrazione Cecile Kyenge vuole incentivare l'occupazione. Degli immigrati però. Sul suo sito personale, www.cecilekyenge.it, durante la campagna elettorale nelle fila del Pd prometteva posti di lavoro ai migranti nella pubblica amministrazione. La Kyenge che si è già distinta per voler introdurre lo ius soli e abolire il reato di clandestinità ora a quanto pare avrebbe in testa di dare un posto pubblico agli immigrati. Sul suo sito nemmeno tanto tempo fa scriveva: "Serve una legge organica sul diritto di asilo. Questa è una delle proposte che intendo portare avanti che sarà la garanzia di accesso per i migranti ai posti nella pubblica amministrazione, su esempio di ciò che furono in le americane “affermative action”, politiche già applicate in Gran Bretagna. L’Emilia Romagna già applica in parte queste possibilità, ma anche molte grandi aziende estere hanno compreso che i migranti possono essere un volano per l’economia nonché referenti privilegiati per dialogare e creare partnership commerciali con i paesi di origine anche nel settore privato".

Precedenza agli immigrati - La Kyenge pretendeva pure che la misura fosse adottata nei primi cento giorni dell'eventuale governo Bersani. Le cose poi sono andate diversamente. Bersani a palazzo Chigi non è entrato. ha sbattuto sul muro a Cinque Stelle. Lei invece, accettando le larghe intese, si è presa il "posto" da ministro e ora punta a cambiare radicalmente le politiche sociali del Paese. Le affermative action a cui si riferisce il ministro sono delle misure di tutela per le minoranze. Quote di impiego bloccate per chi appartiene ad una minoranza. In un momento di crisi come quello che l'Italia sta attraversando in questo momento, e con una disoccupazione galoppante pensare a dare un posto fisso agli immigrati lasciando indietro gli italiani potrebbe scatebnare una bufera senza precedenti. Il lavoro pubblico o privato che sia non si ottiene perchè si ha un determinato colore della pelle. Il merito è l'unico giudice delle capacità di chi vuole lavorare. Con buona pace della Kyenge. 

Non va ai funerali  - Intanto oggi si celebrano a Milano i funerali delle vittime delle picconate del ghanese Kabobo. Centinaia di milanesi hanno voluto portare un saluto, l'ultimo, a chi è rimasto sotto i colpi del clandestino. Ma c'è un'assenza che fa rumore ed è quella del ministro Kyenge. Lei non ha partecipato alle esequie. La sua presenza poteva essere un segnale per ricucire la polemica dopo le sue parole che hanno cercato di sconfessare una "relazione tra immigrati e reati". I numeri dicono il contrario e la Kyenge a quanto pare non lo sa. In chiesa durante il funerale erano presenti  il sindaco Giuliano Pisapia con gli assessori Pierfrancesco Majorino e Lucia De Cesaris, l'assessore regionale alla Sanità Mario Mantovani, il presidente della Provincia Guido Podestà e il capo della Polizia Locale Tullio Mastrangelo. La Kyenge no. Eppure il suo ministero riguarda l'integrazione. Partecipare ai funerali sarebbe stato un gesto opportuno. 

Guarda la Gallery

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    06 Aprile 2014 - 10:10

    immigrati nei posti pubblici ? basta sapere dove sono e giriamo alla larga . ecco a questo punto si invitano i delinquenti italiani ad armarsi e bastonarli per bene

    Report

    Rispondi

  • Lario18

    29 Agosto 2013 - 16:04

    Io sono profuga dell'Eritra e cittadina italiana dalla nascita. Che io sappia i miei figli (maggiorenni da un pezzo), non hanno mai avuto dei diritti in più rispetto ad altre persone italiane, ed è giusto che sia così, invece con la legge appena approvata, loro adesso (almeno così sembra di aver capito)avrebbero la possibilità di essere assunti in posti statali. Ovviamente io sono contenta per loro in quanto disoccupati da sempre. Ma penso che questa legge vada rivista. Comunque ovviamente prima dei clandestini come diritto,vengono i miei figli, figuriamoci gli altri. Pensate prima agli italiani e poi se c'è posto perché no, anche agli altri.

    Report

    Rispondi

  • disilluso^2

    26 Agosto 2013 - 22:10

    Tutto secondo i piani: il metodo del bastone e della carota sta' dando i suoi frutti. La carota: sospensione IMU ed IVA. Il bastone: terzomondismo rampante socialista Indovinate chi è l'asino...pardon, gli asini? B*******ni & Co. !!!!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    26 Agosto 2013 - 20:08

    questa ci sta rovinando.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog