Cerca

Braccio di ferro

Lega, Bossi sfida Maroni: "E' un traditore, torno alla guida del partito"

Esplosiva intervista a Repubblica: "Mi ha tradito nel 1994 col Cav, lo farà sempre. Le scuse per il mio cognome? Mi avevano trascinato in manette"

Lega, Bossi sfida Maroni: "E' un traditore, torno alla guida del partito"

Il Senatùr si vuole riprendere la Lega Nord. Umberto Bossi, ex segretario e oggi presidente del Carroccio, lo fa sferrando un attacco frontale al suo ex braccio destro, Roberto Maroni, suo successore alla guida del partito. In una esplosiva intervista a Repubblica, lo definisce niente di meno che "traditore": "Non ha i nostri ideali. Quando uno tradisce una volta - e Maroni quando ruppi con Berlusconi nel 1994 gli sedeva accanto, si opponeva - poi tradisce sempre". "Si illude - aggiunge Bossi - di diventare il plenipotenziario di Berlusconi al Nord, ma il Pdl non rinuncerà mai a presentare le sue liste in casa nostra, come fa la Cdu tedesca con la Csu in Baviera".

"Maroni sta distruggendo la Lega" - Per il Senatùr, che negli ultimi giorni ha attaccato più volte il governatore della Lombardia, "Maroni sta distruggendo la Lega, butta fuori la gente". Su Roberto Calderoli, elemento di spicco del fu Cerchio magico bossiano, il giudizio è sospeso: "E' un gran lavoratore ma ora si barcamena come può, cosa vuole...". Il 10 aprile 2012, fresco di scandali Belsito e Renzo Bossi, si scusò a Bergamo davanti al popolo verde chiedendo scusa per i danni provocati da "chi porta il mio cognome": "Non lo rifarei mai, non ripeterei quelle parole - spiega ora Bossi -. A Bergamo mi ci avevano trascinato in manette. E ora mi hanno tolto le guardie del corpo e gli autisti per cercare di impedirmi di andare in giro a parlare con i militanti a dire la verità. Espulsioni, espulsioni, mandano a rotoli la mia Lega".

"Tornerò alla guida del partito" - Qualche settimana fa si era sparsa la voce di un nuovo partito guidato da Bossi, una diaspora di leghisti. Al contrario, Bossi si vuole riprendere la Lega, il "suo" partito: "A furia di buttare fuori gente e tradire gli ideali della Lega la pressione su di me si è fatta irresistibile. Devo per forza rimettermi alla guida del partito". Pronto un nuovo giornale per prearare il terreno, si chiamerà La lingua padana: "Ricominciamo dalla nostra identità, ce n'è un bisogno enorme e allora le assicuro che il traditore dovrà fare i conti con noi". E su Belsito e scaldali finanziari il Senatùr glissa: "A Belsito i magistrati fanno dire quello che vogliono, ha paura. Io avevo in mano la Lega, mica avevo bisogno di un’altra cassa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Beppe.demilio

    06 Giugno 2013 - 06:06

    Bossi non deve insistere perché quello che hanno fatto alla Lega lui e la sua famiglia è molto grave. Naturalmente se ci sono altri responsabili devono essere individuati ,denunciati, e cacciati dalla Lega. Se si fosse ritirato quando fu colpito dalla malattia le cose sarebbero andate diversamente. Tradito dalla sua famiglia .Ammetterlo è dura ma la realtà pare proprio questa. Ora si faccia da parte e rimborsi la Lega dei danni economici subiti. Purtroppo i danni di immagine non si cancellano facilmente ed è un danno peggiore dei soldi rubati. VADA IN PENSIONE!

    Report

    Rispondi

  • alejob

    05 Giugno 2013 - 11:11

    ma non sei in grado di portare avanti un partito, ritirati vai in pensione, certamente non vivrai con mille euro al mase goditi fino che la natura ti da la vita e lascia il timone a chi ha le forze di guidare la baracca.

    Report

    Rispondi

  • gioch

    04 Giugno 2013 - 19:07

    Aggiungo che mi fece pure schifo,e stracciai la tessera della Lega,quando,al congresso,si fece abbracciare da D'Alema(quando Baffino definì la Lega"una costola della sinistra")e urlò che "noi siamo la nuova resistenza".

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    04 Giugno 2013 - 15:03

    Questa é la maniera definitiva per seppellirti e lasciare spazio a Maroni, che finalmente si leverà dai coglioni pratoni, vichinghi, ampolle e usanze celtiche di stocazzo... e incomincera a fonadare un partito vero con proposte politicamente credibili e magari, perchè no? con piemonte, veneto, e lombardia, Presidenti odierni: Cota, Zaia,Maroni uniti e coesi nel federalismo!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog