Cerca

Aria di battaglia

Berlusconi, Pdl infuriato. Brunetta: "Nascerà maggioranza tra Pd, Sel e 20 dissidenti M5S"

Berlusconi, Pdl infuriato. Brunetta: "Nascerà maggioranza tra Pd, Sel e 20 dissidenti M5S"

Il Pdl è imbufalito. Anzi, "esterrefatto" per usare il termine utilizzato dal segretario, nonché vicepremier Angelino Alfano. A far saltare sulla sedia lo stato maggiore azzurro, naturalmente, è stato l'atteggiamento da muro contro muro del Pd in Giunta per le Elezioni, dove lunedì sera è scoppiata la rissa tra centrodestra e centrosinistra. In ballo c'è la decadenza di Silvio Berlusconi e la sopravvivenza del governo di larghe intese presieduto da Enrico Letta. Ma il sospetto, in via dell'Umiltà (più che un sospetto, una certezza) è che dietro la linea dura sostenuta in Giunta da Felice Casson & Co. ci sia un materasso morbidissimo: un'alleanza tra Pd, Sel e Movimento 5 Stelle, o almeno 20 dissidenti grillini.

"Maggioranza Pd-5 Stelle, abbiamo i nomi" -  "Se il Pd vota con Grillo cadrà il governo - è l'avvertimento di Renato Brunetta -. Se il partito cosiddetto democratico voterà assieme ai grillini per la decadenza, senza se e senza ma, del senatore Berlusconi farà cadere la coalizione di governo, la maggioranza di governo e quindi cadrà il governo. La responsabilità sarà solo e comunque del partito cosiddetto democratico". D'altronde, calca la mano l'ex ministro della Funzione pubblica, il ribaltone grillino "succederà certamente": "Sono circa 20, si sanno già anche i nomi. Al Senato, quello che si prospetta è una maggioranza Pd, Sel, fuoriusciti dal M5S". 

"Il Pd mette in ginocchio l'Italia" - "Pur di eliminare per via giudiziaria lo storico nemico politico, preferiscono mettere in ginocchio il Paese", accusa Alfano, alzando la temperatura in vista della seduta decisiva di questa sera alle 20 a Sant'Ivo alla Sapienza, quando la Giunta si riunirà per votare le tre pregiudiziali presentate ieri dal relatore Andrea Augello (e il senatore azzurro Lucio Malan ne presenterà una quarta sulla natura penale o amministrativa della decadenza). Si parlerà della irretroattività della legge Severino. Concetto, sottolinea il segretario del Pdl, già chiarito da giuristi e personalità neutre, ma che il Pd vuole ignorare applicando la "Severino" retroattivamente e "in fretta e furia" al caso Berlusconi. "Tutto ciò è davvero incredibile oltre che insopportabile", attacca Alfano. Anche Mariastella Gelmini parla di "una corsa contro il tempo pur di eliminare in 48 ore il nemico di sempre" e pure la colomba Gaetano Quagliariello, ministro delle Riforme convocato da Alfano insieme agli altri colleghi di partito nel governo, si scalda: "Noi non vogliamo fare atti inconsulti ma non intendiamo subirli, la giunta del Senato ha l'obbligo di approfondire la posizione di un parlamentare, non si possono fare gli errori del passato". "Ormai è chiaro - twitta Mara Carfagna -, per il Pd vale il motto: muoia Sansone con tutti i Filistei. Non hanno capito però che loro saranno l'uno o gli altri".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • freefaber

    10 Settembre 2013 - 21:09

    Tutta l'italia col fiato sospeso in attesa di sapere se un ottantenne pregiudicato può essere senatore o meno...ma che fine hanno fatto tutti i vs mirabolanti articoloni sui privilegi della casta? non sarebbe il caso che ne ricominciate a parlare? Intanto anche i bonos iberici ci sorpassano...e quelli del burundi? hanno messo la freccia?

    Report

    Rispondi

  • turris753

    10 Settembre 2013 - 19:07

    mutuando quello che disse l'unto del signore alla Bindi, Brunetta è più alto che intelligente.

    Report

    Rispondi

  • libero42

    10 Settembre 2013 - 19:07

    Il condono tombale regalato dal tuo principale "spero che almeno ti paghi per sparare cotante caz..." e dal di lui ministro Tremorti agli evasori fiscali che avevano accumulato miliardi all estero, se ben mi ricordo era ANONIMO, quindi se Berlusca, Mediaset o altre societa' ne hanno usufruito noi mortali non possiamo saperlo, a meno che anche tu sia "unto". Le societ' off/shore invece sono agli atti. Penso anche che gli avvocati di Berlusconi, anche se sono mezzo parlamento, siano troppo occupati in questo periodo per darti retta. E non abbiano nessuna intenzione di rispolverare il processo Mills. Riposati e dormici su.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    10 Settembre 2013 - 19:07

    La logica stringente dei bananas

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti