Cerca

Rassegna stampa

Belpietro, Feltri, Ferrara
Napolitano, Pd e il complotto anti Cav

I tre direttori nei loro editoriali commentano il comportamento anomalo del Colle, della sinistra e della magistratura rispetto alle vicende di Berlusconi

Ferrara, Feltri, Belpietro

Ferrara, Feltri, Belpietro

Il giorno della resa dei conti è arrivato: domani il Senato voterà la decandenza di Silvio Berlusconi e l'esito è quasi scontato. Pd, Movimento Cinque Stelle e qualcun altro, nonostante il Cav abbia le prove della sua estreneità alla frode fiscale per il quale è stato condannato, nonostante abbia lanciato un accorato appello a sospendere il giudizio per valutare le carte americane, si apprestano a mettere in atto il piano per farlo fuori. E così sia Maurizio Belpietro, sia Vittorio Feltri, sia Giuliano Ferrara sui loro quotidiani oggi hanno dedicato i propri editoriali a commentare il comportamento antidemocratico della sinistra che, per dirla con le parole del direttore di Libero, "non essendo riuscita a batterlo nell'urna e a cancellarlo dalla memoria degli italiani, si appresta ad espellerlo dal Parlamento con l'aiuto delle toghe". 

"Qui non si tratta di ribaltare una sentenza", tuona Feltri sul Giornale. "Bensì di vedere se essa sia stata emessa o no senza considerare elementi importanti che potrebbero scaglionare il condannato. Perché rifiutare a priori a Berlusconi simile chanche? Questa è una mostruosità". Per il fondatore di Libero "si pretende di liquidare il Cavaliere perché da vent'anni è un personaggio scomodo, talmente scomodo da aver impedito alla sinistra di conquistare il potere e di gestirlo a proprio piacimento. Ora che si è giunti al momento della fucilazione, c'è chi teme che l'esecuzione venga rinviata o revocata. E insiste affinché si premano i grilletti. Subito, senza indugi". "E la chiamano democrazia", conclude Feltri.

Belpietro nel suo articolo sulla prima pagina di Libero si rivolge poi agli eletti con il centro destra che seppur fuori da Forza Italia ancora al centro destra si ispirano: "siete proprio sicuri che non si possa fare nulla per impedire questa barbarie? Siete proprio certi che, arrivati a questo punto, cioè a una legge di Stabilità imposta per decreto senza che vi sia nulla o quasi del programma liberale con il quale raccoglieste i voti, convenga ancora sostenere Letta? Lo diciamo in tono conciliante, senza accusare nessuno di tradimento o altro, ma solo invitando persone che rispettiamo a riflettere:  secondo voi, caduto il Cavaliere, sarete più forti o più deboli? E il centrodestra come sarà? Soprattutto: come sarà l’Italia? Starà meglio o rischierà di star peggio? Ecco, noi un’idea ce l’abbiamo, e non è proprio rassicurante".

Il Foglio, da parte sua, sostenendo che "la macchina del giustizialismo chiodato si è messa in moto, il sinedrio si riunisce domani e il cappio è pronto", punta l'indice contro "Napolitano, garante della Costituzione": "Non può tirarsi fuori dal dovere di correggere la grave stortura che si è prodotta". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vin43

    27 Novembre 2013 - 13:01

    Quest’uomo vuole modificare l’andazzo della casta dei giudici. Come ha detto: “Tra tutte le dittature, la peggiore è quella dei giudici”? Come si permette? Si permette pure di ficcare il naso nei loro «affari», vuole la separazione delle carriere. Vuole che il pm debba essere pari all’avvocato difensore. Ma che vuole quest’uomo? Alla fucilazione, alla fucilazione. … E’ evidente che dittatura c’è.

    Report

    Rispondi

  • honhil

    27 Novembre 2013 - 13:01

    “In un paese normale si sarebbe aspettato il pronunciamento della Corte costituzionale”, dice il Pd Boccia. Dimenticando che questa è la loro democrazia. La democrazia dei figli del Pci, Pds,Ds,Pd. La democrazia di tutte quelle democrazie popolari di quell’Europa dell’Est di cui Napoletano, il Presidente Napoletano, è stato alleato per una vita. Quello che non si riesce a capire, invece, è come mai ancora la stampa, quella che non è dichiaratamente schierata contro Berlusconi e a fianco della sinistra, fin dal primo suo scendere in campo, non si renda conto che il trappolone a lungo e meticolosamente preparato sta per scattare. Le carte venute da lontano non interessano a nessuno. Quello che a Napolitano e company adesso interessa è festeggiare la caduta del mortale nemico.

    Report

    Rispondi

  • honhil

    27 Novembre 2013 - 13:01

    Qualcuno, con la ingenuità di un bambino in fasce, si chiede del perché Re Giorgio, che fino a qualche settimana fa lasciava capire di poter anche prendere in considerazione la concessione della grazia, anzi la riteneva possibile, fino a fare quasi un panegirico su Berlusconi politico, adesso si ritrae, si rimangia la parola e la esclude in modo definitivo. Santa ingenuità, appunto. Ma per semplice tattica, bellezza! Ha voluto sottrarre tempo e voglia combattiva al Cav. L’ha voluto ammorbidire. Frastornare. Fargli vedere la luce in fondo al tunnel. E c’è riuscito anche. E mentre giocava con lui come fa il gatto con il topo, circuiva Angelino. Con successo, anche. Messo al sicuro il suo governo, per quanto al sicuro possa essere un governo dello Stivale, comincia a rifare il duro e con Silvio e con la Procura di Palermo. Vittoria su tutta la linea, insomma.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    27 Novembre 2013 - 09:09

    Quest’uomo vuole modificare l’andazzo della casta dei giudici. Come ha detto: “Tra tutte le dittature, la peggiore è quella dei giudici”? Come si permette? Si permette pure di ficcare il naso nei loro «affari», vuole la separazione delle carriere. Vuole che il pm debba essere pari all’avvocato difensore. Ma che vuole quest’uomo? Alla fucilazione, alla fucilazione. … E’ evidente che dittatura c’è.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog