Cerca

Nel mirino

M5S, Gianrusso: "Togliete la scorta a Berlusconi"

Il senatore M5S Giarrusso chiede al ministero degli Interni di eliminare qualunque scudo per la sicurezza del Cav. Intanto Berlusconi gira col giubbotto antiproiettile

M5S, Gianrusso: "Togliete la scorta a Berlusconi"

Dopo la decadenza i grillini non sono soddisfatti. Non basta che il Cav sia fuori dal Parlamento. I Cinque Stelle vogliono pure renderlo vulnerabile fisicamente al grido di "toglietegli la scorta". Il Movimento Cinque Stelle chiede due cose: Via la scorta a Silvio e via anche i carabinieri davanti a Palazzo Grazioli. Con un'interrogazione parlamentare, il Movimento 5 stelle chiede al ministro dell'interno Angelino Alfano di chiarire a che titolo il leader di Forza Italia gode ancora di un sistema di sicurezza e protezione a carico dell'erario pubblico.

"Via tutte le protezioni"
- "È assurdo che i cittadini debbano pagare per la sicurezza di un pregiudicato che non è più parlamentare e che tra l'altro ha tutti i mezzi per pagarsi da solo guardie del corpo e sistemi di protezione", ha spiegato all'agenzia Dire il vicepresidente del gruppo M5s Mario Michele Giarrusso, che annuncia la presentazione dell'atto di sindacato ispettivo al Senato, mentre annuncia che analoga iniziativa e' stata presa dal gruppo alla Camera dei Deputati. Insomma i grillini hanno ancora "fame di vendetta". Nel mirino c'è sempre il Cav. Due i capitoli dell'interrogazione. "Il primo riguarda la scorta: ci risulta che si tratti di personale di varia provenienza con stipendi da favola. Dei veri e propri pretoriani probabilmente inquadrati nei servizi. Alfano ci risponda: pagano i cittadini e perché?". Va detto in merito a questo punto che la scorta personale del Cav è uno staff di sicurezza privato che non grava sulle tasche degli italiani.

"Cav a rischio" -
 Altra questione è il presidio delle forze dell'ordine davanti alla residenza romana di Silvio Berlusconi: "Perché Carabinieri e Polizia invece di dedicarsi alla sicurezza dei cittadini vengono impiegati per stazionare davanti alla casa di un pregiudicato?", chiedono i grillini. Una risposta comunque è arrivata già lo scorso 27 novembre. Berlusconi, quel giorno ha parlato da via del Plebiscito a Roma, subito dopo la sua decadenza da senatore, indossando un giubbotto antiproiettile. Un segnale chiaro: Silvio rischia. E a pensarlo sono pure le forze dell'Ordine. Dal ministero degli interni e da alcuni rapporti dei servizi arrivano sempre informative che parlano di Berlusconi come "obiettivo sensibile". Ma questo ai grillini non interessa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    28 Dicembre 2013 - 10:10

    con la faccia che si ritrova può dire quel che vuole. Io lo manderei al circo, sai i bambini le risate che si farebbero a guardarlo, sentirlo parlare!

    Report

    Rispondi

  • marco53

    27 Dicembre 2013 - 17:05

    E' chiaro, qualcuno lo vuole ammazzare ormai. Non basta più averlo fatto fuori politicamente, attraverso la Magistratura comunista, adesso c'è la smania di farlo fuori fisicamente, con una fucilata o con una bella bomba nella macchina, come nei films americani, poi tutti ad ubriacarsi di felicità!

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    06 Dicembre 2013 - 16:04

    " Il Cav. Berlusconi, e' impossibilitato a girare senza scorta... essendo lui stesso stato in passato e tuttora un obbiettivo molto sensibile gia' in varie occasioni attaccato!! Questo, essendo Lapalissiano come concetto forse non le entra!!! Per di piu' essendo tutto il parlamento e il governo LEI COMPRESO o forse non se ne e' accorto decaduto grazie alla corte costituzionale, sappia che e' con esso decaduto anche il procedimento di decadenza espresso da un'illegittima giunta composta da illegittimi senatori, che ha deliberato un' illeggittima sentenza di decadenza!!" per prima cosa, il nano, essendo molto ricco, la scorta se la potrebbe pagare da se, dato che la suddetta è composta da uomini di sua fiducia fatti assumere dallo stato proprio dal deliquente. ma non eravate VOI a sostenere che Lui la scorta se la pagava? e poi, ma sei convinto che la decadenza del ladro sia illegittima? solo quella, e tutte le leggi varate dal 2066 ad oggi no? sempre a sparare cazzate...

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    06 Dicembre 2013 - 16:04

    "#nick2-fearofthedark-jborroni 05/12/2013 21:58Postato da operalnero Siete assetati di sangue:FATE RIBREZZO!"? per quale motivo farebbero ribrezzo? stanno solo dicendo che, per prima cosa, siete voi che avete sostenuto che Lui la scorta se la pagava. e dato che Lui è estremamente ricco ora che non è più un parlamentare Italiano, se la dovrebbe pagare da se, e questa sarebbe la seconda considerazione. e secondo me, è proprio il pregiudicato che avrebbe dovuto fare questo gesto, almeno per rispetto di quei milioni cittadini, magari pensionati che tirano la cinghia per campare. capisco che le sue spese aumenterebbero, e di molto, fra corruzioni varie e mignotte, ma non capisco perché lo stato debba pagare la scorta a un miliardario. e NUMATUTELARE si dimentica che è vero che Lui avrebbe voluto la sua scorta, e lo stato gli impose degli uomini dello stato. quindi li fece assumere nella polizia. che questi si licenzino e vangano pagati da Lui e non dalla collettività. NON E' UN SENATORE!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog