Cerca

L'altra staffetta

D'Alema, lettera al Corriere: Prodi non lo feci cadere io

L'esponente del Pd torna sui fatti che nel '98 lo portarono a Palazzo Chigi: "Fu un errore, ma la colpa fu tutta di Scalfaro e Cossiga"

D'Alema, lettera al Corriere: Prodi non lo feci cadere io

La (probabile) staffetta tra Renzi e Letta sta richiamando alla mente di molti quella tra Massimo D'Alema e Romano Prodi nel 1998. Quando Baffino soppiantò Mortadella alla guida di Palazzo Chigi, dopo che Rifondazione aveva sfiduciato quest'ultimo. Lo stesso Renzi, pressato per prendere le redini del governo, ha spiegato qualche giorno fa di non voler ripetere "l'errore di D'Alema". Perchè errore fu, tanto da spaccare lo stesso partito della sinistra e indignare i suoi elettori. Lo stesso D'Alema, a 16 anni da quei fatti, lo ammette in una lettera scritta oggi al Corriere della Sera. Ma respinge, il rottamato Massimo ("oggi mi occupo soprattutto di questioni europee e internazionali" spiega) di essere l'uomo che "ha fatto le scarpe" a Romano Prodi.

A mettersi nei guai, dice D'Alema al Corriere, fu in primis lo stesso Prodi che di fronte al venire meno del sostegno di Rifondazione, decise che si doveva andare a elezioni. Ma poi la "colpa" della sua caduta fu dell'allora presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro e del fondatore dell'Udeur Francesco Cossiga, che tramò per prendere il posto di Bertinotti nella maggioranza. Il primo (Scalfaro) negò la possibilità di elezioni, motivandola con la delicatezza del momento in cui le forze militari italiane erano state messe sotto il comando Nato nella guerra dei Balcani. "Solo un Paese di matti può convocare le elezioni in una condizione prebellica" disse il capo dello Stato. Venne sondato Carlo Azeglio Ciampi, che accettò di proporsi per un mandato esplorativo. Ma all'ultimo, scrive sempre D'Alema, Prodi si rese disponibile per quell'incarico, che ebbe dalle mani di Scalfaro. A quel punto, però, Cossiga compì due mosse determinanti: disse no a Prodi e rilasciò una pesantissima intervista contro Ciampi, per bruciare qualsiasi sua possibilità di un ritorno in campo. Scalfaro era furioso, ritenendo che Prodi avesse avocato a sè l'incarico esplorativo solo per forzare la mano verso nuove elezioni. E quando Walter Veltroni e Fabio Mussi gli fecero il nome dello stesso D'Alema, procedette, di fatto archiviando il primo governo Prodi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldopastore

    12 Febbraio 2014 - 20:08

    Se lo dice d'alema che un Presidente ha tramato(Scalfaro), è tutto ok. Se lo dicono altri per un altro presidente(?) vengono derisi.Come al solito, l'informazione: due pesi due misure= VOMITO

    Report

    Rispondi

  • marwin

    12 Febbraio 2014 - 19:07

    Senza vergogna! Davvero questo signore, tra i principali responsabili del disastro sociale e culturale in cui si trova l'Italia, non ha alcuna vergogna per le oscenità che ha fatto, detto e ancora vuole perpetrare, negando la storia e ritenendo, come ha sempre fatto nella sua vita, di avere per interlocutori degli esseri a lui inferiori. Se si ritirasse a occuparsi di qualsivoglia passatempo che non coinvolga più che se stesso, renderebbe un grande servizio, forse il migliore della sua vita, al paese intero. Ed alla sinistra, martoriata, distrutta, cancellata da lui e dalle sue scellerate scelte.

    Report

    Rispondi

  • maximilian66

    12 Febbraio 2014 - 15:03

    Complimenti caro Fonty...sottile e pungente !!!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    12 Febbraio 2014 - 15:03

    Insomma secondo quanto dice, diventò presidente del consiglio al posto di Prodi a sua insaputa.

    Report

    Rispondi

blog