Cerca

Occhio al portafogli

Renzi premier, la prima mossa: nuove tasse per ammazzare i risparmi

Il primo atto della Renzinomics sarà alzare l'imposta sulle rendite finanziarie: ecco chi ci rimetterà

Renzi premier, la prima mossa: nuove tasse per ammazzare i risparmi

La prima misura economica che Matteo Renzi con il suo nuovo governo adotterà sarà un aumento di tasse. Lui non le considera tasse, ed è convinto che non sia per nulla impopolare aumentare le aliquote sui cosiddetti capital gain, e cioè sui guadagni di borsa e le rendite finanziarie. È stato quasi un ritornello per Renzi sia nella campagna per le primarie 2012 che in quella per il 2013. E adesso c’è anche qualcosa in più: l’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie è espressamente previsto nel «jobs act», la proposta ancora in bozza di riforma del lavoro presentata dall’attuale segretario del Pd. L’idea del premier che sta per ricevere il mandato dal presidente della Repubblica italiana è quella di portare l’attuale aliquota del 20% al 25%, che è più o meno la media della tassazione nei 18 paesi dell’area dell’euro. Tutto quel che si ricava da questa misura nella proposta originaria sarebbe dovuto andare a ridurre l’Irap, che è la tassa più contestata dalle imprese italiane (odiosa anche perché la base imponibile si calcola sulla forza lavoro in carica, e quindi penalizza più chi assume di chi licenzia). (...)

Leggi l'articolo integrale di Franco Bechis
su Libero in edicola oggi, sabato 15 febbraio

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    21 Febbraio 2014 - 18:06

    Siamo il paese con la più bassa imposizione su tali rendite. In Francia é il 47%, presto sara' portata al 50 %.In Germania circa il 30% ecc... Perché allora la tassazione sul lavoro é più elevata? Forse é meglio chi sta in poltrona e aspetta la rendita o chi lavora ed ha briciole...se é fortunato?

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    17 Febbraio 2014 - 09:09

    Lei essendo nato più che limitato ha difficoltà di lettura ed ora,se lei permette,tenterò di spiegarle(il risultato non è scontato):a) i nostri risparmi sono i nostri,b)i risparmi degli altri sono degli altri;cosa c'entrano le banche?,le speculazioni?. Spero a questo punto di averle chiarito la situazione ma,stante le sue ben note limitazioni e stravolgimenti della realtà,sono sicuro che ,come sempre,caro gozzuto,non ha capito niente.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    15 Febbraio 2014 - 12:12

    si investe in perdita. Meglio il materasso. Il bollo di stato è ingiusto: sono soldi risparmiati a costo di grossi sacrifici per pensare a spese improvvise e alla vecchiaia!Ci porteranno al suicidio in massa dei vecchietti

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    15 Febbraio 2014 - 11:11

    Le speculazioni dei grandi gruppi finanziari di cui tanto vi lamentate quando descrivete il mondo dorato delle banche, lei me le chiama "i nostri risparmi"? Ma non siete il partito del popolo, che ha scippato persino lo slogan ai tifosi della nazionale di pallone? E inoltre, non si sente un po' ridicolo quando scrive queste sciocchezze?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog