Cerca

La religione di Avatar nata in Piemonte

Lo afferma un articolo di "Avvenire"

La religione di Avatar nata in Piemonte
La religione di “Avatar” sarebbe nata in Piemonte: il kolossal americano del regista James Cameron presenta infatti somiglianze straordinarie con la setta di Damanhur, fondata nel 1976 in Valchiusella da Oberto Airaudi, famosa per il suo grande tempio sotterraneo e che, per quanto i suoi «cittadini» - come preferiscono farsi chiamare - non amino questa etichetta, rappresenta la più grande comunità New Age del mondo.
Lo afferma Massimo Introvigne, uno dei massimi esperti di sette e nuove religioni ed in particolare di New Age, in un articolo pubblicato oggi da “Avvenire”, il quotidiano della Conferenza episcopale italiana: «Chi ha qualche familiarità con questo mondo di fronte ad “Avatar” non può fare a meno di notare che il gruppo New Age che si avvicina di più alle idee dei Nàvi non sta negli Stati Uniti - scrive Introvigne - ma in Italia, in provincia di Torino. È Damanhur, il centro “acquariano”. L'ipotesi secondo cui Cameron potrebbe essersi ispirato a Damanhur non è peregrina. Libri e video in inglese su Damanhur sono molto diffusi nel circuito New Age americano, e la storia del tempio sotterraneo che la comunità è riuscita incredibilmente a tenere segreto fino al 1992 ha affascinato anche i grandi quotidiani».
Secondo “Avvenire”, quindi, le somiglianze sono sorprendenti: come il tempio sotterraneo di Damanhur, il centro del potere e della spiritualità dei Nàvi è nascosto (in un enorme albero); come i damanhuriani, i Nàvi hanno una loro lingua sacra, il cui uso, sia nel film di Cameron sia a Damanhur in Valchiusella, aiuta a segnare la differenza con chi non fa parte della comunità; sia i Nàvi sia i cittadini di Damanhur sottolineano il valore dell'appartenenza un “popolo” che non è solo etnica, ma iniziatica e - come dimostra il caso stesso del protagonista del film - volontaria. I damanhuriani si salutano, riconoscendo la comunione profonda che regna fra loro, con le parole “Con te”, non con il consueto buongiorno: lo stesso fanno i Nàvi dicendo “Ti vedo”.

Inoltre, a Damanhur ogni fedele stabilisce uno speciale legame (bilaterale) con un animale, di cui prende il nome: tra i Nàvi ogni guerriero o guerriera diventa tale scegliendo un animale alato da cavalcare ed essendone nel contempo scelto.
Il cittadino di Damanhur, scrive il fondatore Airaudi, diventa «goccia cosciente di sé e di tutte le altre gocce formanti il mare dell'Essere». I Nàvi, afferma Introvigne, sarebbero d'accordo.
Il giornale della Cei sottolinea altre somiglianze: sia i Nàvi sia i damanhuriani credono panteisticamente in un grande Tutto dove ogni manifestazione della natura e della vita è in collegamento con tutte le altre; come i Nàvi, i damanhuriani cercano di interagire con queste connessioni, anche attraverso l'uso di speciali simboli, ottenendone, o così dicono, risultati anche in campo terapeutico.
«Si capisce - negli Stati Uniti e altrove - la diffidenza delle Chiese e comunità cristiane, per cui il panteismo e la negazione della differenza ontologica fra il Creatore e il creato sono nemici secolari che oggi ritornano con il New Age. Ma finora non sono stati in molti a vedere l'origine di questa nuova religione hollywoodiana molto vicino a casa nostra, in Valchiusella. I Nàvi venerano Eywa, la Madre o il Tutto. L'albero, centro della spiritualità, è analogo al tempio della setta, i cui fedeli, come nel film, stabiliscono un legame con un animale», conclude lo storico delle settereligiose Massimo Introvigne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog