Cerca

Tutti gli aneddoti

Gascoigne torna nella sua Roma: nudo con Zoff, pipì da ubriaco, ecco il Gazza della Lazio

Questa sera Lazio-Tottenham, le due squadre del cuore dello sregolato asso britannico. I suoi ex compagni lo ricordano attraverso le sue gag

Fuser: "Quella volta che fece piangere un bambino che gli aveva solo chiesto un autografo". L'incredibile viaggio in pullman con l'imperturbabile Dino... 
Gascoigne torna nella sua Roma: nudo con Zoff, pipì da ubriaco, ecco il Gazza della Lazio

Paul Gascoigne ai tempi della Lazio, dal 1992 al 1995

 

 

di Alessandro Dell'Orto

Paul Gascoigne, rieccolo a Roma, sarà in tribuna all’Olimpico per Lazio-Tottenham. E sono ricordi di un grande campione, ma anche di un personaggio unico. Divertente, imprevedibile. Ecco gli aneddoti migliori raccontati da alcuni suoi ex compagni nelle interviste rilasciate a Libero.

 

Gazza e gli spogliarelli - «Viaggio Roma-Firenze in pullman, squadra in divisa con giacca e cravatta. Gazza è negli ultimi posti, si alza, passa davanti a tutti e va a sedersi proprio a fianco a Zoff che sonnecchia con le braccia conserte. Sorrisino da clown, e capiamo al volo che ha in mente una delle sue. Prima galleria, seconda galleria e poi un tunnel particolarmente buio e lungo. Usciamo e.... Gazza è sempre seduto a fianco di Zoff, ma completamente nudo. Capito? Si era spogliato in galleria. Zoff, immobile, braccia conserte, gira la testa, dice sottovoce: “Gaaazza, ma che cazzo faaai?”. E torna a sonnecchiare». (Pierluigi Casiraghi)

Gazza e i bambini - «Un ragazzino chiede timidamente la firma ricordo su un pallone. Gascoigne prende la sfera e scrive, poi fa il gesto come per ridare la palla al bambino e a sorpresa pum, la calcia nel lago di fronte. Il piccolo tifoso? In lacrime, naturalmente». (Diego Fuser)

Gazza e le follie - «Partita di campionato, mi volto e vedo che corre in modo strano con il culo all’infuori. Lo chiamo: “Gazza, c’è qualche problema?”. “No, sto imitando Cravero”. La prima mezz’ora di partita si divertiva a giocare prendendo in giro i compagni: una volta si muoveva come Cravero, una volta come Platt». (Giovanni Stroppa)

Gazza e l'alcool - «Ai tempi dei Rangers l’allenatore Smith è incazzato, entra nello spogliatoio e punta Gazza. Si avvicina a un centimetro dalla sua faccia e inizia a urlare intervallando ogni parola con una serie di insulti: “Nelle ultime tre settimane non ti ho mai visto sobrio”. Tutti in silenzio. Ad un certo punto mi scappa l’occhio sui pantaloni di Gascoigne: si stavano bagnando poco alla volta. Sì, Paul si stava pisciando addosso dalla paura...». (Lorenzo Amoruso)

 

 

 

Leggi l'articolo integrale di Alessandro Dell'Orto 
su Libero in edicola oggi, giovedì 22 novembre

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog