Cerca

A Milano

Presenze invisibili, l'emarginazione culturale nel mondo femminile

20 Ottobre 2019

0

Dal 22 ottobre l’Associazione Boscovich Arte e Salute, in collaborazione con lo Studio Medico Boscovich, presenta a Milano la mostra “Presenze Invisibili. L’emarginazione culturale nel mondo femminile”, ideata e curata dal direttore artistico dell’Associazione Caterina Corni con la consulenza di Stefano Nespor, 

L’esposizione - allestita negli spazi milanesi di via Settembrini 7 dal 22 ottobre 2019 a settembre 2020 - è stata pensata per raccontare - attraverso immagini e documenti storici - la vita di 6 donne che hanno scritto la storia in silenzio, nell’ombra. Un progetto per dare voce a quella parte del mondo femminile che ha contribuito allo sviluppo della cultura nelle sue diverse declinazioni: scienza, musica, matematica, arte visiva, e non solo.

“La sensibilità culturale dello Studio Medico Boscovich ha operato negli anni dando vita all’Associazione Boscovich, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo terapeutico dell’arte in tutte le sue forme - ha commentato il socio fondatore Giorgio Gottardi -. Questa mostra, quinta tappa di un percorso espositivo intrapreso per avvicinare il pubblico alla nostra mission, vuole sensibilizzare i visitatori sul tema dell’emarginazione culturale delle donne anche da un punto di vista medico. I casi che abbiamo studiato mostrano infatti come la sofferenza che nasce dall’esclusione possa influire anche sulla salute. A dimostrazione di come in un’epoca politica ancora controversa su questo tema, sia di fondamentale importanza promuovere e sviluppare la cultura anche nel mondo femminile”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Odio contro Israele, la sinistra ammette le sue colpe: vittoria di Fratelli d'Italia

Venezia, Giuseppe Conte in Piazza San Marco per il sopralluogo alla Basilica
Maltempo a Venezia, Giorgio Mulé (FI): "Se si fosse portato al termine il Mose non sarebbe successo"
Arresto Lara Comi, le immagini dell'operazione "Mensa dei poveri" della Guardia di Finanza

media