Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Migranti: atteso nuovo scontro in Giunta su Salvini, accusa e difesa su caso Open Arms (3)

AdnKronos
  • a
  • a
  • a

(Adnkronos) - Le giudici del Tribunale dei ministri di Palermo hanno anche ricordato che lo stesso Salvini aveva formalizzato il suo diniego al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte assumendosi la responsabilità politica. Mentre gli allora ministri Elisabetta Trenta, alla Difesa, e Danilo Toninelli, alle Infrastrutture, non vollero reiterare il divieto di ingresso dopo l'annullamento del Tar. Allora il Procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, che iscrisse nel registro degli indagati Salvini, ordinò il sequestro della nave ma anche dei migranti a terra. Dopo 19 giorni, dopo un lungo braccio di ferro tra il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e il governo spagnolo. "L'incubo è finito", aveva twittato sul suo profilo la Ong spagnola Proactiva. Da lì a poco Patronaggio aveva iscritto nel registro degli indagati Salvini, ma anche il suo capo di gabinetto Matteo Piantedosi. Il fascicolo, per competenza, approdò poi alla Procura di Palermo. Ma, a differenza di quanto accaduto nel caso Diciotti, questa volta il Procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, ha chiesto al Tribunale dei minori di procedere contro Salvini. Secondo il capo della Dda palermitana Salvini, bloccando la nave al largo, aveva causato la "conseguente privazione della libertà personale in pregiudizio di numerosi migranti giunti nelle acque di Lampedusa".

Dai blog