Cerca

allarme fincantieri

Disoccupazione, una persona su due non accetterebbe lavori dalla "scarsa reputazione". Il sondaggio Noto

14 Luglio 2019

4
Disoccupazione, una persona su due non accetterebbe lavori dalla "scarsa reputazione". Il sondaggio Noto

Alcune occupazioni godono di una scarsa reputazione. Sarebbe questo il motivo per cui molti disoccupati rifiutano alcuni impieghi. Ancor più preoccupante è il fatto che spesso si preferisce emigrare piuttosto che prendere in considerazione lavori in Italia con scarso appeal. A riferirlo un'indagine condotta su un campione di italiani in cerca di occupazione dall'Istituto Noto Sondaggi dopo l'allarme lanciato dall'amministratore delegato del gruppo Fincantieri, Giuseppe Bono. Dai dati - riferisce Il Giorno - emerge che, sebbene la rinuncia non riguardi la totalità delle persone in cerca di occupazione alle quali si offre un lavoro, è innegabile che effettivamente circa la metà dei disoccupati non assumerebbe l'incarico riguardante una delle tipologie di lavoro offerte da Fincantieri, e non per un problema salariale.

Il 21% di chi oggi non ha un lavoro ritiene che una paga ritenuta idonea sia compresa tra i mille e millecinquecento euro, e per un ulteriore 37% tra i millecinquecento e duemila euro. Inoltre il 75% dei disoccupati è alla ricerca di un'occupazione che prevede un contratto a tempo indeterminato, solo il 18%, invece, opterebbe per un lavoro occasionale. Tenendo quindi presente che nel caso di Fincantieri la proposta economica era di milleseicento euro con un contratto a tempo indeterminato, bisogna ritenere che non sono né il valore dello stipendio mensile, né la tipologia del contratto le ragioni prioritarie che generano il rifiuto. Infatti il 53% rinuncerebbe ad un lavoro come saldatore, il 49% come attrezzista navale, il 48% come carpentiere e così via. All'incirca, dunque, un disoccupato su due non accetterebbe questo tipo di occupazione, pur guadagnando 1.600 euro con un contratto a tempo indeterminato. Altro dato preoccupante è che il fenomeno si estende su tutto il territorio italiano, senza alcuna differenza. 



Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giopul1953

    15 Luglio 2019 - 14:02

    Sondaggio allarmante. Penso inoltre che il reddito di cittadinanza certamente non migliori il trend.

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    15 Luglio 2019 - 13:01

    sporcarsi le mani nn piace ad alcuni ragazzi di oggi, preferiscono fare l'universitario in storia antica,in architettura,in intermediazioni culturali x poi nn avere nessuno o pochissimi sbocchi. in quei casi fanno i cervelli in fuga all'estero e che fanno....magari i camerieri/pizzaioli a Londra/Madrid piuttosto che farli in qualche albergo della riviera romagnola, che guarda nn trova lavoratori.

    Report

    Rispondi

  • corto lirazza

    15 Luglio 2019 - 09:09

    il saldatore bisogna saperlo fare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa

Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"
Gianluigi Paragone si schiera con Alessandro Di Battista: "Il Pd mostra la solita spocchia". M5s spaccato
Incendi in Amazzonia, le immagini aeree delle zone devastate. Terrificante

media