Cerca

economia

"Il suo esempio è forte e vivo in noi"

Anniversari

Un anno fa la scomparsa di Sergio Marchionne. L'omaggio del presidente di Fca, John Elkann, all'amico e collega

24 Luglio 2019

0
"Il suo esempio è forte e vivo in noi"
Un anno fa la scomparsa di Sergio Marchionne. L'omaggio del presidente di Fca, John Elkann, all'amico e collega

Roma, 24 lug. (AdnKronos) - Un anno dopo la morte di Sergio Marchionne, "l'esempio che ci ha lasciato è forte e vivo in tutti noi". Lo ha dichiarato il presidente di Fca, John Elkann, ricordando il top manager scomparso dodici mesi fa. "I valori umani di responsabilità e trasparenza, dei quali lui è sempre stato il più ardente campione, continuano a vivere - ha sottolineato - in tutte le nostre aziende. La cultura dell'eccellenza, sia nei nostri risultati che nel modo in cui raggiungiamo quei risultati, è una parte integrante di ognuna di loro".

"Sergio - ha proseguito Elkann nel suo omaggio - amava descrivere Fca, Cnh Industrial e Ferrari come aziende ricche di donne e uomini di virtù. Persone che sentono la responsabilità di ciò che fanno, che agiscono con decisione e coraggio, che non si tirano indietro quando si tratta di dare il buon esempio. Se le nostre aziende sono così oggi, lo dobbiamo anche a lui. Gli saremo sempre grati per averci mostrato, con l'esempio, che l'unica cosa che conta davvero è non accontentarsi mai della mediocrità, essere sempre ambiziosi nel cambiare le cose in meglio, lavorando per la collettività e per il nostro futuro, mai per sé. Oggi c'è chi ricorda il leader illuminato, chi ricorda l'uomo, chi l'amico. Tutti noi lo ricordiamo con immenso affetto".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Matteo Salvini a Cattolica: "Chiederò alla Lega di votare sì al processo sulla Gregoretti"

Nicola Zingaretti, l'appello: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"
"Prima l'Italiano". Scopritelo su Camera con Vista 2020, inizio di anno movimentato per la politica italiana
Diego Fusaro e Antonio Socci contestati a Siena da Sardine e Pd: "Via i turbo fascisti", eccoli a testa in giù

media