Cerca

diario

Mafiosi e mafiosi che non lo sono più: il passo falso della Consulta

8 Dicembre 2019

0
Maurizio Costanzo

Leggo che la Consulta avrebbe dichiarato che è possibile dare benefici ai mafiosi, anche se condannati per reati gravi, solo se non sono più mafiosi. Mi chiedo, ma forse ho letto male, da cosa si può desumere che un mafioso che è in carcere, non lo è più. Come manifesta, il detenuto, questo suo pentimento? Ritengo che il mafioso, abituato, per sopravvivere, a mentire, sia diventato, negli anni, un consumato attore in grado di mostrare un pentimento assolutamente credibile. Detto questo, penso che dopo un ragionevole periodo in carcere, dove si è dimostrata attenzione alle cose e alle persone, sia giusto dare un “premio”, inteso come permesso, al detenuto mafioso.

di Maurizio Costanzo

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"Se ne deve andare". La meloniana in aula con mascherina, insultata  "Vengo da Milano, e..." 

Coronavirus, controlli a Casalpusterlengo: ritardi nei treni a Milano
Coronavirus, Beppe Sala: "Rispettate le regole e niente corse ai supermercati per accaparrarsi cibo"
Coronavirus, Franco Bechis contro Giuseppe Conte & Co: "Cosa diceva il premier, chi sono i veri sciacalli"

media