Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Papa Francesco, partito l'ordine in Vaticano: "Niente elezioni anticipate", golpe bianco contro Salvini

Caterina Spinelli
  • a
  • a
  • a

La Chiesa torna a fare la predica. Sì, ma politica. Matteo Salvini oramai è il suo peggior nemico. "Un uomo solo al comando, con idee poco chiare su cosa fare se eletto al governo, preoccupa tutti". È questo il timore comune che dilaga nel mondo cattolico. "Siamo tutti molto sconcertati e preoccupati per ciò che sta accadendo - dichiara al Giornale il vicepresidente di una delle tante associazioni cattoliche -. A rimetterci sono le famiglie, i lavoratori, l'economia subirà una nuova fase di recessione. Non si può lasciare un progetto di punto in bianco solo per questioni elettorali. Non si fa campagna elettorale per un anno e mezzo sulla pelle degli italiani". La base cattolica commenta la situazione dopo l'apertura, da parte del leader leghista, della crisi di governo: "Andare al voto adesso ribadisce il presidente di un'altra associazione cattolica equivale consegnare il Paese a una persona che ha utilizzato tutti noi solo per fare campagna elettorale, dopo aver assicurato alla gente una stabilità governativa che avrebbe impattato positivamente sulle famiglie e l'economia". "Noi non siamo mai stati molto contenti di questo governo - dice Carlo Costalli, presidente del Movimento Cristiano Lavoratori -, è chiaro tuttavia che una crisi così improvvisa crea molta preoccupazione. Il Paese ha bisogno di stabilità e chiarezza. Diciamo no a lunghe trattative o governicchi. Sono molto chiaro: o governo stabile o si va a votare. Dubito che si riesca a votare e avere un governo stabile prima della legge di bilancio. Quindi, procediamo con quella. Poi si discute del resto. Ma vorrei un governo stabile, e lavorare per creare posizioni politiche più vicine ai nostri temi".  Leggi anche: Diego Fusaro bombarda Papa Francesco, Soros e Greta: "La sua presa in giro" A finire nel mirino anche la posizione di Salvini: "Numero uno per la creazione del consenso, ma deludente sulla capacità di governare e migliorare il Paese - osserva il segretario di un altro movimento cattolico -. Un Paese non si governa assecondando la pancia prosegue - ma offrendo un orizzonte preciso e una prospettiva alle paure dei cittadini". Ecco servita la soluzione: "Il Parlamento può trovare altre maggioranze, come è avvenuto per Lega e M5s avvertono ancora altre fonti cattoliche si può creare un governo tecnico condiviso. Di sicuro occorre procedere alla legge di bilancio e poi si vede". E ancora: "Qui non si tratta di fare tifo per il Pd o per i Cinque Stelle, o di essere contro Salvini. Ma di assumersi in modo maturo le proprie responsabilità. Prima delle elezioni viene la risoluzione dei problemi grandi per il Paese". Lo dicono - prosegue il quotidiano di Sallusti - anche due big della finanza bianca come Giuseppe Guzzetti e Giovanni Bazoli. A Famiglia Cristiana l'ex presidente della Fondazione Cariplo e il presidente emerito di Banca Intesa Sanpaolo parlano di "democrazia in pericolo". Poi è il turno dell'immaginazione: "Se sul tema della sicurezza continua a raccogliere crescenti consensi, non credo che questo si verifichi con riguardo ai suoi attacchi al volontariato e alle Ong. Ma serve un piano Marshall per l'Africa o l'Europa sarà travolta".

Dai blog