Cerca

Il ritratto del direttore

Sergio Marchionne, Vittorio Feltri: ho capito che era bravo quando litigò coi sindacati

22 Luglio 2018

4
Sergio Marchionne, Vittorio Feltri: ho capito che era bravo quando litigò coi sindacati

Quando, parecchi anni fa, Sergio Marchionne prese in mano le redini della moribonda Fiat, fu immediatamente attaccato dai sindacati. I quali gliene dissero di tutti i colori, accusandolo di qualsiasi nefandezza. Allora capii: egli era l' uomo che avrebbe salvato la storica casa automobilistica.

Difatti, ciò che non piace alla Cgil e compari fa bene all' industria e all' economia. Questa non è una opinione bensì un assioma. I rappresentanti dei lavoratori sono nemici del mercato da tempi remoti, si impegnano al massimo per rovinare gli opifici e di solito ci riescono benissimo. Hanno contribuito alla distruzione del Paese, riducendolo a un rottame.

Il filosofo Marchionne, abruzzese (i terroni a volte sono dei fenomeni di bravura), ha intuito che, se avesse accettato di battagliare con essi, il colosso torinese già in crisi sarebbe morto calpestato dalla demagogia sindacale. E ha deciso di togliere le tende dall' Italia, trasferendole negli Stati Uniti, allo scopo di rilanciare la produzione di vetture commerciabili. È stato un mago e ha stravinto la partita.

La Fiat è decollata e la Camusso ha gestito con i suoi tribuni del popolazzo un fallimento totale. In sintesi, le cose sono queste.
Grazie a Sergio, gli Agnelli hanno delocalizzato i propri affari.
Qui, dalle nostre parti, hanno lasciato alcuni stabilimenti minori.

La loro presenza in patria è ormai simbolica, non incide assai sul fatturato aziendale. Conviene ricordare che Marchionne, a differenza dei predecessori, non ha sfruttato finanziamenti statali a fondo perduto. Ha sgobbato in proprio con risultati sorprendenti ottenuti specialmente negli Usa. Non deve ringraziare nessuno tranne se stesso.

Purtroppo sappiamo quali sono i motivi che lo hanno indotto a dimettersi, benché trascuriamo i pettegolezzi che girano sulla sua salute. Ci limitiamo ad applaudirlo per quanto ha fatto nella lunga e intensa carriera. Così come applaudiamo Gianluigi Gabetti che lo ha voluto al timone dell' impresa consapevole di aver scelto un campione inimitabile. Ci auguriamo che la Fiat trovi un altro comandante all' altezza di chi è in partenza.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Barry

    23 Luglio 2018 - 12:12

    Beh, di certo per sè e soprattutto per la odiosa famiglia agnelli (comprensiva dei vari rami più o meno legittimi) Marchionne ha fatto molto. Per il resto degli Italiani direi il contrario. fermo restando il mio prodondo odio verso i sindacati e i sessantottini.

    Report

    Rispondi

  • greppio

    23 Luglio 2018 - 09:09

    I sindacati, ormai da molto tempo, si sono configurati come Casta, con i loro patrimoni e i loro benefici. molti sindacalisti sono saltati a piè pari in politica, conquistandoi virtalizi da aggiungere alle loro pensioni d'oro, ma la situazione dei lavoratori, in questi anni, è andata semnpre più peggiorando. I sindacati, ormai, rappresentano solo se stessi.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    23 Luglio 2018 - 08:08

    Veramente la scelta di Marchionne è merito di Umberto Agnelli, l'unico che in famiglia era un vero imprenditore. Per tutto il resto sono d'accordo con Feltri. Cattocomunisti demagoghi e ignoranti e Sindacati hanno distrutto l'economia e l'industria del nostro povero paese

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media