Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marcello Veneziani, Apocalisse Italia: "So come finirà, chi e come farà fuori Matteo Salvini"

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

"Io so come andrà a finire". L'Apocalisse italiana vista da Marcello Veneziani. Accadrà tutto in poche settimane: "Non ho sentito un italiano che non fosse d'accordo con Matteo Salvini - scrive l'editorialista del Tempo -, che non giudicasse assurdo incriminare un ministro dell'Interno che fa il suo dovere". "Viceversa - prosegue - non ho sentito un tg, un programma, un commentatore, un uomo di potere o un giornale che non fosse schierato contro l'Italia, contro gli italiani, contro Salvini e dalla parte dell' Europa che se ne frega dei migranti". Per approfondire leggi anche: "Povera Italia, difendere la patria è reato". Veneziani, profezia tombale Da una parte, spiega, c'è il popolo, dall'altro il potere, l'establishment. "Come volete che finisca una partita così? Salvini verrà virtualmente imprigionato, fino a che sarà neutralizzato. Non andrà in galera ma sarà emarginato, chimicamente castrato". Un destino, sottolineato, condiviso da tutti coloro che hanno battuto la sinistra: è accaduto a Silvio Berlusconi prima di Salvini, a Cossiga, a Leone, a Bettino Craxi. "L'avversario della sinistra è tollerato solo se è perdente, se è remissivo, se non dà fastidio, fa tappezzeria e magari si piega a loro", è l'amara riflessione di Veneziani, secondo cui dopo Salvini "al governo magari ci mettono le guardie del sistema, i Moavero e i Tria", perché "il potere è una cupola che tiene in scacco chi governa e in spregio il popolo che li sostiene". E quando il consenso di Salvini, neutralizzato, si sgonfierà, tornerà tutto come prima. "E l'Italia sarà bell'e fottuta".

Dai blog