Cerca

La brutale verità

Vittorio Feltri: Macché Matteo Salvini golpista, gli unici violenti sono i compagni

10 Settembre 2018

0
Vittorio Feltri

Vittorio Feltri

Dicevano addirittura che Salvini avrebbe aizzato le sue camicie verdi per delegittimare la magistratura e realizzare così una sorta di golpe del piffero.
Invece non è accaduto nulla di ciò, come era ovvio.
La Lega non ha mai puntato, a differenza dei cosiddetti progressisti, sulla piazza per far valere le proprie ragioni o pretese.
Non lo ha fatto. E le poche volte che, una all' anno, si raduna a Pontida, il dì appresso il prato su cui la folla si era stretta attorno al leader di turno si presenta pulito, non una cartaccia, non un mozzicone. Nonostante questo vi è sempre qualcuno che attribuisce al Carroccio intenzioni bellicose, violente.
Decenni orsono Bossi pronunciò una battuta scherzosa: se ci rompono le scatole sono pronto a mobilitare 300 mila bergamaschi armati di doppietta. Solo dei cretini potevano bere la risibile minaccia. Ebbene la sinistra e i suoi cantori dei giornaloni vi credettero o finsero di crederci per porre in cattiva luce democratica i nordisti.
In questi giorni la comica si è ripetuta. Salvini, sotto inchiesta giudiziaria per motivi inconsistenti, ha fatto alcune dichiarazioni piccate e i soliti deficienti invece di fare spallucce hanno gridato allo scandalo: Matteo progetta di demolire le istituzioni scatenando i suoi elettori allo scopo di fare a fette i giudici. Una scemenza che, come tutte le scemenze, ha scosso i cuori (non i cervelli inesistenti) dei compagni fighetti.
Naturalmente non è successo nulla di rivoluzionario.
A far casino in Italia sono sempre stati, non solo nel 1968, i comunisti e generi affini, talora armati e divenuti terroristi spietati. Mentre i bossiani, i maroniani e i salviniani sono stati rispettosi delle regole. I signorini della stampa supponente, inclini a leccare, o sono ignoranti o in malafede, probabilmente entrambe le cose e cercano di sputtanare i seguaci di Alberto da Giussano nella speranza di impedire le loro affermazioni stupefacenti. La Lega vola? Spezziamole le ali con le menzogne. L' operazione non ci stupisce: ci disgusta.
P.S: segnalo che il popolo padano ha lavorato sodo per il partito versando nelle sue casse fior di milioni e non è giusto sia espropriato in toto. Gli sforzi della gente perbene non vanno sottovalutati e azzerati con una sentenza sbagliata.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media