Cerca

L'altro Vaticano

Papa Francesco e i migranti, il cardinale Arinze lo sfida: "Quanti ne potete ospitare? Aiutiamoli a casa loro"

16 Agosto 2019

2
Papa Francesco e i migranti, il cardinale Arinze lo sfida: "Quanti ne potete ospitare? Aiutiamoli a casa loro"

Anche "il Papa Nero" contro la retorica dell'accoglienza celebrata da Papa Francesco. Il cardinale Francis Arinze, nigeriano e già prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti in Vaticano, intervistato dall'inglese Catholic Herald ha ammonito la Chiesa e l'Occidente: "Non illudete i giovani, in Europa i soldi non crescono sugli alberi. L'Europa e l'America possono essere di grande aiuto non incoraggiando i giovani ad arrivare come se in Europa trovassero il paradiso, un posto dove i soldi crescono sugli alberi, ma aiutando i loro Paesi". 

Leggi anche: "Cosa non avete capito". Palombelli avverte Pd e Bergoglio: perché Salvini ha l'Italia in mano

"Ogni governo - ha proseguito l'87enne porporato - deve capire quante persone può accogliere. Non solo l'ingresso ma l'alloggio, il lavoro, la famiglia, l'inserimento culturale". Accoglienza, insomma, per essere tale deve trasformarsi in integrazione e non in semplice sfruttamento. 

Il cardinale sostiene che i Paesi che perdono i loro giovani stanno perdendo persone che potrebbero costruire il futuro di quella Nazione. Nel 1967 è Arinze è diventato un profugo durante la guerra civile nigeriana e ne ha tratto una lezione: "È meglio che una persona resti nella propria terra – paese, città, area – e lavori lì. In generale, non possiamo negare a una persona il diritto di cercare un'altra area in cui avrà più pace, o anche più istruzione, cultura o opportunità economiche". Ma sui migranti tutti si devono interrogare: "Qual è il loro futuro: lavoro, vita familiare, cultura, religione? Pensate a tutto questo, sono le considerazioni da fare quando citiamo la parola migrante. Dobbiamo comunque ringraziare chi è gentile con i migranti, chi li accoglie. È l'insegnamento di Cristo, secondo la Bibbia. Senza perdere di vista le precedenti considerazioni".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomomarino

    17 Agosto 2019 - 08:08

    Giustissimo ! ognuno deve stare nel proprio paese ed aiutare il proprio governo a crescere migliore . Fuggire in altre zone del mondo si potrebbe creare confusione e malcontenti nella popolazione autoctona tanto pericolosi che possono poi sfociare in violenze con risultati drammatici

    Report

    Rispondi

  • francesco calabrò

    16 Agosto 2019 - 12:12

    Finalmente qualcuno che ha la testa a suo posto oltre a possedere un senso umanitario encomiabile da premio " Nobel ". Spero che l'ipocrisia e l'incoscienza di tutti quelli che stanno impropriamente per fine politico anti- Salvini sfruttando l'uso di aiutare la società illegale, poteri occulti ecc.. Smettiamola di combattere chi sta operando per il bene del suo Paese.

    Report

    Rispondi

"È intelligente e preparato". Silvio lancia il Draghi premier: "Se fosse disponibile..."

Matteo Salvini: "Se a qualcuno non piacciono presepio, crocefissi e campanili torni a casa propria"
Beppe Grillo arriva al secondo giorno di Italia 5 Stelle lanciando baci ai giornalisti
Matteo Salvini attacca gli ex alleati: "Il M5s si vergogna a farsi vedere nelle piazze in Umbria"

media