Cerca

L'altro Vaticano

Papa Francesco e i migranti, il cardinale Arinze lo sfida: "Quanti ne potete ospitare? Aiutiamoli a casa loro"

16 Agosto 2019

2
Papa Francesco e i migranti, il cardinale Arinze lo sfida: "Quanti ne potete ospitare? Aiutiamoli a casa loro"

Anche "il Papa Nero" contro la retorica dell'accoglienza celebrata da Papa Francesco. Il cardinale Francis Arinze, nigeriano e già prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti in Vaticano, intervistato dall'inglese Catholic Herald ha ammonito la Chiesa e l'Occidente: "Non illudete i giovani, in Europa i soldi non crescono sugli alberi. L'Europa e l'America possono essere di grande aiuto non incoraggiando i giovani ad arrivare come se in Europa trovassero il paradiso, un posto dove i soldi crescono sugli alberi, ma aiutando i loro Paesi". 

Leggi anche: "Cosa non avete capito". Palombelli avverte Pd e Bergoglio: perché Salvini ha l'Italia in mano

"Ogni governo - ha proseguito l'87enne porporato - deve capire quante persone può accogliere. Non solo l'ingresso ma l'alloggio, il lavoro, la famiglia, l'inserimento culturale". Accoglienza, insomma, per essere tale deve trasformarsi in integrazione e non in semplice sfruttamento. 

Il cardinale sostiene che i Paesi che perdono i loro giovani stanno perdendo persone che potrebbero costruire il futuro di quella Nazione. Nel 1967 è Arinze è diventato un profugo durante la guerra civile nigeriana e ne ha tratto una lezione: "È meglio che una persona resti nella propria terra – paese, città, area – e lavori lì. In generale, non possiamo negare a una persona il diritto di cercare un'altra area in cui avrà più pace, o anche più istruzione, cultura o opportunità economiche". Ma sui migranti tutti si devono interrogare: "Qual è il loro futuro: lavoro, vita familiare, cultura, religione? Pensate a tutto questo, sono le considerazioni da fare quando citiamo la parola migrante. Dobbiamo comunque ringraziare chi è gentile con i migranti, chi li accoglie. È l'insegnamento di Cristo, secondo la Bibbia. Senza perdere di vista le precedenti considerazioni".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomomarino

    17 Agosto 2019 - 08:32

    Giustissimo ! ognuno deve stare nel proprio paese ed aiutare il proprio governo a crescere migliore . Fuggire in altre zone del mondo si potrebbe creare confusione e malcontenti nella popolazione autoctona tanto pericolosi che possono poi sfociare in violenze con risultati drammatici

    Report

    Rispondi

  • francesco calabrò

    16 Agosto 2019 - 12:42

    Finalmente qualcuno che ha la testa a suo posto oltre a possedere un senso umanitario encomiabile da premio " Nobel ". Spero che l'ipocrisia e l'incoscienza di tutti quelli che stanno impropriamente per fine politico anti- Salvini sfruttando l'uso di aiutare la società illegale, poteri occulti ecc.. Smettiamola di combattere chi sta operando per il bene del suo Paese.

    Report

    Rispondi

Alfonso Bonafede, goffo tentativo di depistaggio: "Una gara tra me e Matteo Renzi?"

Grande Fratello Vip, Elisa De Panicis e "la scossa". Confessione per Libero: "Ho voglia di innamorarmi"
Morgan, l'imitazione di Luciana Littizzetto a Che Tempo Che Fa: "Tu sei un mezzo pirla, senza chiappe e panza"
Open Arms, Matteo Salvini deposita la memoria difensiva in Senato: "Un attacco preventivo all'Italia"

media