Cerca

Ritratto

Vittorio Feltri tratteggia la figura di Pertini: "Ha unito gli italiani ma diviso l'Italia"

9 Ottobre 2019

4
Vittorio Feltri tratteggia la figura di  Pertini: "Ha unito gli italiani ma diviso l'Italia"

Tra qualche mese si celebra il 30° anniversario della morte di Sandro Pertini, mitico presidente della Repubblica. In anticipo sull' evento ci piace ricordare la vicenda umana di quest' uomo che ha segnato la storia del nostro Paese. Pertini è morto, viva Pertini. La gente non lo dimenticherà mai. Stavolta, queste parole abusate e lise, non sono retoriche ma riflettono perfettamente lo stato d' animo degli italiani che, a prescindere dalle preferenze politiche e dalle passioni ideologiche, hanno avuto stima profonda, se non simpatia, per il presidente "senza peli sulla lingua". Ovvio: in un Paese in cui, dai segretari di partito all' ultimo assessore di campagna, chi amministra la cosa pubblica si esprime per eufemismi, in un gergo oscuro, badando agli interessi di corrente o di casta piuttosto che a quelli dell' elettorato, un uomo che, viceversa, parlava chiaro fino alla brutalità, non poteva che essere acclamato come l' unica persona seria della compagnia romana.

Un' esagerazione? Forse. Sta di fatto che il brusco Sandro, la popolarità se l' era meritata non soltanto usando magistralmente i mass media per consolidare il feeling con la base, ma anche soprattutto con una condotta di vita esemplare, non offuscata dai soliti immancabili detrattori.
Quando egli entrò al Quirinale sulle ali del trionfo (832 voti su 995 votanti: un primato) circolò una battuta: finalmente ci tocca un evaso e non un evasore. Il riferimento era duplice. Al passato del nuovo inquilino, che tra carcere e confino, durante il fascismo, fu prigioniero del regime per 15 anni; e alla sua proverbiale onestà. Quest' ultima qualità non è considerata sufficiente per reggere uno Stato, però non guasta. Pertini aveva una forma maniacale di rispetto per il denaro non suo. «Andai a trovarlo - racconta Enzo Biagi - alla Camera, di cui era presidente.
Bevemmo un caffè, e lui accennò a pagare. Ma gli uscieri glielo impedirono.
Un finimondo. Lui si offese a morte, protestò. E alla fine riuscì a saldare il conto.
Non si può dire che a quel tempo gli premeva che si sapesse in giro dei suoi scrupoli: non era ancora capo dello Stato, e nessuno avrebbe scritto l' episodio sui giornali. No, sulla sua correttezza non vi sono dubbi in assoluto».

Aneddoti - Aneddoti simili si sprecano. Forse vale la pena di rammentare solo l' ultimo, o almeno il più clamoroso.
Il parlamento propose di aumentare l' appannaggio del Quirinale, che era veramente ridicolo: poco più di cento milioni. La legge sarebbe stata approvata in cinque minuti e all' unanimità. Ma Pertini, come ne venne a conoscenza, si inalberò: "Finché qui rimango io, non verrà dentro una lira in aggiunta. Quel che piglio, mi basta e avanza". Mentiva. Era in bolletta nera. Se non ci fosse stato Maccanico, che si faceva anticipare di un biennio gli stipendi del personale, e depositandoli in banca usufruiva degli interessi, i quattrini per pagare tutti ogni mese non ci sarebbero stati.
Onestà non soltanto in senso generale, ma anche intellettuale. Pertini non è mai venuto meno agli ideali, neanche a quelli che considerava doveri. Fin da giovanissimo.
Era contrario all' intervento dell' Italia nella prima guerra mondiale, essendo già simpatizzante socialista, ma al primo tonare di cannone era già in prima linea: allievo ufficiale nei mitraglieri. Aveva poco più di 19 anni e appena terminato il liceo. Non riteneva nemici coloro che erano al di là della linea, ma compagni di sventura; tuttavia, benché pacifista e convinto che sotto il sole nascente non vi fossero divisioni nazionali, combatté senza mai risparmiarsi. Aveva il senso dello Stato, e sapeva che "imboscarsi" avrebbe danneggiato i suoi compagni di trincea.
Fu proposto addirittura per una medaglia d' argento, che non ebbe mai per "disguidi burocratici". Questo il motivo agli atti. In realtà, non gliela diedero perché era "rosso".

Studi e militanza - Dopo il conflitto, si iscrisse alla facoltà di giurisprudenza a Genova. E alla sezione socialista del suo paese, Stella (Savona), dov' era nato nel '96. Il padre, piccolo proprietario terriero, morto giovane; la madre, Maria Muzio, ebbe altri tre figli, due maschi e una femmina. Una famiglia borghese, tradizionalista, né ricca né povera. Sandro si laureò in fretta, e bene. Ma aveva altri orizzonti oltre quelli del diritto. E si trasferì a Ca' Foscari, a Venezia, dove - sempre a gran velocità - ottenne il secondo dottorato: scienze sociali. Non era soltanto un uomo d' azione come è apparso a noi negli ultimi anni e si evince dal suo curriculum nella Resistenza: aveva una inclinazione piuttosto schietta per gli studi.

Nei quali, però, non esauriva tutta la carica che aveva dentro. Ecco perché, nel partito, si buttò con ardore. Conobbe Treves e Turati e stabilì con loro una collaborazione intensa. Non si limitava ad arringare le folle; in piazza, ci andava anche a fare i volantinaggi, da umile attivista. E fu in una di queste circostanze, nel 1925, che esordì in galera. Era di maggio. Lo sorpresero nei pressi di casa sua, a Stella, mentre distribuiva una rudimentale pubblicazione intitolata: «Sotto il barbaro dominio fascista», stampata in proprio. Scattarono le manette. Processo al tribunale di Savona: otto mesi di reclusione. Comincia per lui il "dentro e fuori". Un dettaglio rivelatore dal carattere dell' uomo: durante l' udienza, egli non si difende affatto.
Anzi, con un tono quasi di sfida, ammette di essere socialista e sottoscrive ogni responsabilità che gli viene addebitata. Accanto, c' è un colonnello dei carabinieri che strabilia. È ammirato da quel giovane col «pelo sullo stomaco», e si mette sugli attenti in segno di deferenza. Se non nei riguardi dell' imputato, almeno del suo coraggio.

A Milano - Nel '26 Pertini è a Milano, ospite di Carlo Rosselli. E insieme con Adriano Olivetti e Ferruccio Parri organizza la fuga di Filippo Turati. Un' impresa da matti. Partono in motoscafo da Savona e arrivano in Corsica per miracolo: il mare è grosso, l' imbarcazione sta insieme con lo spago. Turati scende. I "complici" si sparpagliano. Parri, Olivetti e Rosselli rientrano, e come mettono piede dalle nostre parti sono prelevati e condotti in cella. Sandro, che è rimasto in Francia per tenere i collegamenti con gli esuli, è condannato in contumacia. Sono anni tremendi. Gli tocca fare di tutto: lavamacchine, muratore. Cose di cui si è già scritto molto. Ma un particolare forse, se non inedito, è poco noto. Pertini, a un certo punto, decide che è ora di svegliare gli italiani.
Come? La stampa clandestina è un fiasco perché non riesce a penetrare nelle maglie della censura; di fare riunioni carbonare, non se ne parla neanche. La circolazione delle idee, anche se affidata alle chiacchiere, è pericolosa: ogni persona può essere una spia. La soluzione ci sarebbe, la radio. Ma i costi sono pazzeschi. Lui, il "ribelle", fa presto: vende la sua quota di eredità - podere e fattoria - e investe il ricavato in un impianto adatto all' alfabeto morse. Il "bip" del dissenso valica il confine e giunge in Liguria. L' autore dei messaggi si firma con lo pseudonimo Jaques Gauvin, ma suscita subito sospetti nelle autorità del fascismo che fanno una soffiata alla polizia d' oltralpe. L' emittente è costretta a tacere, sequestrata. E il proprietario rischia cinque anni di galera e l' espulsione. Ma gli va bene che i francesi colgano l' occasione del processo per svergognare la dittatura del Duce; la magistratura lo condanna a un mese con la condizionale e gli consente di rimanere sulla Costa Azzurra.
Chiunque altro si sarebbe calmato, almeno per un periodo. Pertini non molla un secondo: con passaporto falso intestato a Luigi Roncaglia, va in Svizzera ampliando i reticoli dell' opposizione al regime. Poi si stufa di stare all' estero ed eccolo a Milano.
Non si contenta, gira al Centro e al Meridione, su e giù in treno: nella borsa, solito materiale sovversivo. Fatale che lo becchino. Ancora prigioni, in una delle quali incontra Gramsci e diventano amici, per quanto, ogni tanto non manchino di litigare. Il leader sardo un giorno esprime un giudizio pesantuccio su Turati e Treves. Apriti cielo.


L' altro gli risponde malamente e si imbroncia: non c' è verso di rasserenarlo. E soltanto quando Gramsci si scuserà, affermando che si trattava esclusivamente di una valutazione politica, Sandro sorriderà e gli stringerà la mano.
La madre, che da anni non lo vede, preoccupata per la sua salute, di sua iniziativa chiede la grazia e lui non ne vuol sapere, scrive questa lettera al presidente del tribunale speciale: «Non mi associo a simile domanda perché sento che mancherei alla mia fede politica, che più d' ogni altra cosa, della mia stessa vita, mi preme». E rimprovera la povera donna che aveva agito per amore: «Mamma, con quale animo hai potuto fare questo». Anche a lei terrà a lungo il broncio.
Intanto, fra un' amnistizia e nuovi arresti, condoni e libertà provvisorie, Pertini compie 40 anni: in pratica è sempre stato detenuto. Ovvio che il suo livore per le camicie nere sia incontenibile, e si traduca col tempo, specialmente durante il secondo conflitto mondiale, in un piano per toglierle di mezzo. Nella guerra partigiana, dal 1943, alla Liberazione, il suo ruolo sarà determinante insieme con quelli di Saragat e Nenni e di molti altri. Due capitone fondamentali: le insurrezioni di Firenze nel '44 e di Milano nel '45 furono capeggiate da lui.
Fece di tutto: lo stratega e il manovale, l' ideologo e la sentinella, a seconda del bisogno.

Medaglia d'oro  - E a Liberazione avvenuta, nonostante la medaglia d' oro (stavolta arrivò), i meriti acquisiti sul piano politico e militare, e per la solidificazione del socialismo, nel partito gli riservano sistematicamente posti senza potere, benché di prestigio: direttore dell' Avanti! e del Lavoro, per esempio. È naturale, non aveva correnti, aborriva gli intrighi di corridoio, le cordate, le scalate; nessuna vocazione ai patteggiamenti, alle mediazioni, alle spartizioni, alle lottizzazioni. Mai entrato nella stanza dei bottoni dal 1946 al 1968, quando fu eletto presidente della Camera, seggiola che abbandonò nel 1976, l' indomani dell' avanzata comunista, e qualcuno pensò che alla falce e martello spettasse la guida di un ramo del Parlamento, a scopo di legittimazione democratica.


Pertini, che negli otto anni aveva avuto esclusivamente consensi per aver retto la carica alla grande, mai guardando in faccia a nessuno se occorreva far osservare le regole, abbozzò: salutò il nuovo presidente, Pietro Ingrao, e non accese polemiche, per quanto non gli mancassero le ragioni. Il salto al Quirinale, due anni più tardi, fu casuale. Leone era stato costretto a dimettersi su pressioni del Pci, che era nella maggioranza e contava. Ma non esisteva un' alternativa accettabile a tutti i partiti della famosa ammucchiata, eufemisticamente definita "solidarietà nazionale".
Ogni candidato si bruciava in tre minuti. Inutile, trascorsero 10 giorni; quindici scrutini vani. Il Paese non ne poteva più. Ci fu del panico nelle segreterie della Dc, del Psi e dello stesso Pci: che figura facciamo? Craxi tirò fuori dal cilindro la vecchia bandiera: Pertini. Sul quale - al punto in cui si era - piovvero i voti del cosiddetto arco costituzionale al completo. Alla gente il vecchio fu subito simpatico: immaginiamo che le ispirasse tenerezza, almeno all' inizio; poi venne la venerazione. Fu una conquista lenta e graduale, la sua; il pubblico cominciò ad apprezzare. E ora lo rimpiangiamo.

di Vittorio Feltri
 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JamesCook

    10 Ottobre 2019 - 12:12

    Questo Articolo è un capolavoro di GIORNALISMO grazie di cuore Vittorio! Detto da uno, che non è mai stato tenero nei tuoi confronti! Non sarai mai un Fascista.... Ma un Socialista mascherato. Guarda che è un complimento! Ciao Vecio....

    Report

    Rispondi

  • Maicol Salvini

    10 Ottobre 2019 - 06:06

    Leggendo i commenti vedo che l'odio becero dei fascioleghisti non si ferma davanti a nulla. Orgoglioso di non essere come voi!

    Report

    Rispondi

    • accardi.antonio

      10 Ottobre 2019 - 12:12

      Avevo un amico , profugo istriano con tutta la sua famiglia ,persona degnissima , un vero signore di nome Paolo Qua........Che non avrebbe mai fatto uno sgarbo a chicchessia .C' era una sola cosa che lo faceva uscire di senno . La comparsa in televisione della faccia di Pertini ,tirava fuori epiteti inimmaginabili , una volta ha anche con una scarpa sfondato lo schermo ! Ci sarà stato un motivo

      Report

      Rispondi

  • pulella

    10 Ottobre 2019 - 03:03

    Ma chi lo rimpiange?

    Report

    Rispondi

media